Fauna boschiva
Fauna boschiva
Attualità

Incentivi fino a 3mila euro per la tutela del patrimonio boschivo

Due bandi della Città metropolitana di Bari

La Città Metropolitana di Bari ha promosso due bandi dedicati alla tutela del patrimonio boschivo e della fauna selvatica rivolti agli agricoltori, ma anche ad associazioni, organizzazioni venatorie, agricole e di protezione ambientale con la finalità di migliorare e proteggere l'ambiente.

Il primo bando, destinato agli agricoltori, riguarda la "corresponsione di incentivi per interventi di miglioramento faunistico ambientale". L'obiettivo è quello di favorire le condizioni ambientali ottimali per lo sviluppo della fauna selvatica, in modo da poter consentire un miglioramento dei risultati riproduttivi e della sopravvivenza di diverse specie animali, in particolar modo di alcuni volatili che nidificano a terra. Inoltre, si mira anche ad evitare l'attuazione della dannosa tecnica della bruciatura dei residui colturali che non apporta alcun vantaggio o beneficio dal punto di vista agronomico, poiché riduce la sostanza organica presente nei suoli e ne danneggia la microfauna. Per l'attuazione dell'intervento viene riconosciuto un premio di 300 euro per ettaro, fino ad un massimo di 3 ettari per azienda.

Il secondo bando riguarda "contributi per interventi diretti alla salvaguardia e tutela del patrimonio boschivo del territorio metropolitano" mediante la pulizia dei boschi, il monitoraggio e gli interventi con mezzi meccanici idonei al primo intervento antincendio, nonché alla prevenzione degli stessi con appositi piani finalizzati di vigilanza volontaria.
Destinatari dell'iniziativa sono le associazioni e organizzazioni venatorie, agricole e di protezione ambientale. Il contributo, che verrà assegnato in base ad una graduatoria dei progetti presentati, non potrà superare la somma di 3mila euro per intervento.

Le domande dovranno essere presentate entro il 21 e il 24 febbraio (i bandi sono reperibili sul sito www.cittametropolitana.ba.it) e la concessione del contributo sarà effettuata nel limite delle risorse regionali stanziate dal Programma Venatorio 2014-2015 a favore della Città Metropolitana di Bari.

«L'esigenza di proteggere le nostre risorse naturali rappresenta una delle priorità della Città Metropolitana di Bari impegnata nel ruolo fondamentale di tutela e salvaguardia dell'ambiente – afferma il consigliere metropolitano delegato alla promozione e coordinamento dello sviluppo economico, Antonio Stragapede -. Alcuni ecosistemi, come la fauna e delle aree boschive, sono esposti a diverse minacce di qui la nostra attenzione ai sistemi di coltivazione e di gestione del patrimonio forestale».
  • agricoltori
  • Agricoltura
  • Città metropolitana di Bari
Altri contenuti a tema
Carburante agricolo ad accisa agevolata, concessioni maggiorate del 50% Carburante agricolo ad accisa agevolata, concessioni maggiorate del 50% Sostegno all'attività agricola gravata da avverse condizioni climatiche
Riparte il PSR Puglia, finanziamento da oltre 55milioni per giovani agricoltori Riparte il PSR Puglia, finanziamento da oltre 55milioni per giovani agricoltori Sono 237 i beneficiari della Misura per nuovi insediamenti
Al via il Bonus Rosa in agricoltura, sostegno dell'imprenditoria femminile Al via il Bonus Rosa in agricoltura, sostegno dell'imprenditoria femminile Fondo rotativo da 15 milioni per garantire mutui a tasso zero per le donne imprenditrici agricole o che lo vogliono diventare
Le imprenditrici agricole della Puglia sfidano la crisi Le imprenditrici agricole della Puglia sfidano la crisi Sono circa 24mila le aziende agricole rosa nella regione
Contributi per aziende agricole colpite da calamità in tempi ridotti Contributi per aziende agricole colpite da calamità in tempi ridotti Il provvedimento della Giunta. Nardone: «semplificazione e efficientamento dell'azione amministrativa»
Ruvo falcidiata dalla grandine. Il video girato da un agricoltore ruvese Ruvo falcidiata dalla grandine. Il video girato da un agricoltore ruvese CIA Puglia: «Calamità dai contorni drammatici»
Pensioni agricole pugliesi, nel barese media mensile di 567 euro Pensioni agricole pugliesi, nel barese media mensile di 567 euro Sono oltre 14mila i percettori nella provincia. Tutti i numeri in un webinar
Coldiretti incontra Emiliano: «Recuperare inefficienze e rastrellare risorse» Coldiretti incontra Emiliano: «Recuperare inefficienze e rastrellare risorse» Coldiretti: «Filiere in crisi e eccesso di burocrazia». Al via un piano di rigenerazione agricola
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.