michele emiliano
michele emiliano
Territorio

Conversione Punti di Primo Intervento, Emiliano: «Incontreremo i territori»

Dopo le polemiche di consiglieri di maggioranza e opposizione il governatore entra nel merito della questione

Elezioni Regionali 2020
"La conversione dei Punti di Primo Intervento in postazioni medicalizzate è stata la conditio sine qua non attraverso la quale ci hanno approvato, ai tavoli romani, il piano di riordino ospedaliero. Se a fine 2018 i Ministeri dovessero riscontrare una inadempienza in tal senso, non è escluso che possano utilizzare la circostanza per mandarci, per un altro triennio, in Programma Operativo. Non solo. Non avremmo le premialità che invece ci spetterebbero. Ricordo che a fine 2015, ci hanno mandato in Programma Operativo per molto, molto, ma molto meno. E comunque la riconversione dei PPI è scritta e dettata dal DM70 e, mi preme dirlo e sottolinearlo, non comporta nessun nocumento per i cittadini in termini di assistenza sanitaria perché comunque i cittadini troveranno la loro risposta sul territorio, in alcuni casi, anche con l'auto medicalizzata che invece prima non era presente. Non cambia nulla. Stiamo solo razionalizzando le risorse".

Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha commentato così la presentazione agli assessori, nel corso della penultima Giunta, di una proposta di delibera di riordino deii Punti di primo intervento, così come prevede il decreto ministeriale n.70 del 2015 laddove parla di riconversione dei Punti di Primo Intervento in Presidi Medicalizzati 118, presentazione effettuata dalla struttura tecnica dell'assessorato alle Politiche per la salute.

La riconversione dei PPI infatti è uno degli obblighi cui deve far fronte la Regione Puglia, essendo previsto dal Programma Operativo concordato dai Ministeri.

"La struttura tecnica – ha specificato Emiliano - ha illustrato la sua proposta in base allo stato dell'arte e alle predisposizioni elencate dal DM 70. Ora questa proposta sarà verificata con gli assessori e con i territori, prima di tutto con i sindaci, in un percorso di confronto e condivisione già iniziato nel 2017. Nel processo di condivisione degli interventi che caratterizza questa amministrazione – ha ribadito il Presidente – era importante illustrare lo stato di attuazione del riordino. Successivamente, e prossimamente quindi la delibera di riconversione dei PPI sarà ridiscussa in una giunta ordinaria".

"Non stiamo smantellando nulla e non stiamo tradendo nessuno – ha continuato Emiliano – dobbiamo attuare una riconversione che ci chiede il Ministero, sempre nell'ottica della messa in sicurezza i cittadini e nell'ottica di condivisione degli interventi con i territori. Ma ripeto, per i cittadini non cambia nulla. I Punti di primo intervento infatti possono essere anche pericolosi per loro. Dobbiamo imparare che per un taglio al dito, non dobbiamo andare né al Pronto soccorso né nei PPI. Si deve andare dai medici della continuità assistenziale. Tra l'altro il 70 per cento degli accessi ai Punti di primo intervento finora ha riguardato proprio i codici bianchi che, vorrei ricordare, da normativa del 2007 (la legge 2289 del 29/12/2007 ndr) è un codice che, insieme a quello verde, va gestito dai medici di continuità assistenziale mentre i gialli e i rossi vanno gestiti dall'emergenza urgenza, quindi dal Pronto soccorso dei grandi ospedali".
  • Sanità
  • Michele Emiliano
Altri contenuti a tema
Operatori sanitari oggi in protesta a Bari. Soccorritori 118: «Accelerare internalizzazione» Operatori sanitari oggi in protesta a Bari. Soccorritori 118: «Accelerare internalizzazione» Manifestazione contro il governo della Regione Puglia. Riconoscimento economico per la crisi Covid fra le richieste
Protesta disabili, delegato regionale Fioto, Squeo: «accordo tariffario alternativa alla gara per le protesi» Protesta disabili, delegato regionale Fioto, Squeo: «accordo tariffario alternativa alla gara per le protesi» Lo stato di agitazione delle associazioni di categoria dei disabili parte dalla mancata fornitura delle protesi da parte dell’Asl Ba
Sanità in Puglia, la Regione istituisce lo psicologo di base Sanità in Puglia, la Regione istituisce lo psicologo di base Pellegrino: «Legge utilissima anche nella gestione delle criticità psicologiche provocate dalla pandemia»
Riqualificazione degli OSS, dalla Puglia 5 milioni di euro Riqualificazione degli OSS, dalla Puglia 5 milioni di euro Presto un avviso per l'erogazione delle misure compensative rivolte al personale sanitario
«La Regione istituisca la figura dell'infermiere di famiglia» «La Regione istituisca la figura dell'infermiere di famiglia» La richiesta degli ordini delle professioni infermieristiche di Bari, Bat e Brindisi
Visite online, consigli su Facebook e terapie via WhatsApp: l’assistenza per le dipendenze patologiche diventa telematica in massima sicurezza Visite online, consigli su Facebook e terapie via WhatsApp: l’assistenza per le dipendenze patologiche diventa telematica in massima sicurezza Il servizio della ASL Bari ha adottato innovative modalità di accesso on line per 2540 utenti cronici sempre in contatto con gli specialisti
Analisi di laboratorio più facili e veloci: prenotazioni dirette senza passare dal CUP Analisi di laboratorio più facili e veloci: prenotazioni dirette senza passare dal CUP Da lunedì 25 maggio per prenotare gli esami basta rivolgersi al centro prelievo o laboratorio ASL più vicino
Esame per Operatore socio-sanitario anche per chi non ha finito il tirocinio Esame per Operatore socio-sanitario anche per chi non ha finito il tirocinio Leo: «Doveroso permettere ai giovani di iniziare a lavorare»
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.