Religione
Religione
Scuola e Lavoro

Docenti di Religione precari, «Concorsi per tutti, tranne per noi»

Il grido di aiuto della categoria «Chiediamo stabilizzazione e di essere equiparati a tutti i docenti italiani»

Elezioni Regionali 2020
Ogni categoria di lavoratori rivendica legittime attenzioni e garanzie circa la propria stabilità lavorativa o la risoluzione della condizione di precarietà, in questo periodo in cui l'emergenza epidemiologica ha messo a dura prova ogni singolo settore e reso complicate le dinamiche di ripartenza. È il settimanale d'informazione della Diocesi, Luce e Vita a porre l'attenzione sulla condizione dei Docenti di Religione Cattolica precari, «vittime oltre che di atavici pregiudizi culturali, anche di discriminanti trattamenti giuridici» - come sottolinea Luigi Sparapano.

Era piena pandemia quando, a rappresentare il disagio della categoria, una docente scriveva al Direttore dell'Ufficio di Pastorale scolastica diocesano «il nostro accesso all'istituzione avviene nella veste di docenti a tempo determinato di Religione Cattolica e per questo veniamo discriminati e umiliati. Non abbiamo accesso alla piattaforma SOFIA di formazione dei docenti. Non abbiamo accesso ai 500 euro per la formazione dei docenti. Non abbiamo una carriera, non abbiamo un ruolo e siamo sempre con le valigie in mano».

È dal 2003 che attendono di poter essere annoverati fra gli aventi diritto a partecipare al Concorso del Miur, ma dal concorso straordinario per precari sono esclusi. «Concorso per tutti, ma non per noi» - denunciano i docenti, molti dei quali plurilaureati, in servizio da oltre 20 anni, con compiti organizzativi e di collaborazione dirigenziale o di sperimentazione in molte scuole. Stessa cosa per quanto riguarda riconoscimenti del servizio e premialità. Se chiedono un mutuo, le banche rifiutano per i loro contratti a tempo determinato. Se dovessero rimanere fermi per malattia, resterebbero a casa senza contratto e senza stipendio.

Una situazione, quindi, ben lontana dal definirsi serena e che, al termine delll'epidemia, vede i Docenti di Religione precari lasciati ancora più indietro. «Lo Stato sta destinando risorse straordinarie in debito per "non lasciare indietro nessuno", tranne noi». Si sentono umiliati nel loro impegno e chiedono la legittima equiparazione professionale della loro figura a quella di tutti gli altri docenti della scuola italiana e la stabilizzazione.

Finalmente qualcosa sembra muoversi. I sindacati (Cigl, Cisl, Uil,Ugl, Gilda e Snadir) hanno preso atto della situazione e venerdì 19 giugno è stato avviato il Tavolo di lavoro congiunto tra il Ministero dell'Istruzione e Conferenza Episcopale Italiana per l'approfondimento delle diverse tematiche che riguardano l'insegnamento della Religione Cattolica e per la definizione dell'intesa sul prossimo concorso previsto dal decreto scuola approvato lo scorso dicembre.

Il Tavolo seguirà l'iter dell'Intesa con l'obiettivo di chiuderla in breve tempo e procedere poi con la stesura del bando, previsto entro il 2020, senza distinzione tra docenti di recente laurea e docenti con anche 20 anni di servizio. Con l'auspicio, per i tanti Docenti di Religione, di poter mettere la parola fine al sentimento di disagio e isolamento a cui hanno finora fatto fronte con spirito di passione nei confronti della loro professione e soprattutto dei loro studenti.
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Al Comune di Ruvo 110mila euro per interventi di edilizia scolastica Al Comune di Ruvo 110mila euro per interventi di edilizia scolastica Per adeguamento di spazi e aule in conseguenza dell’emergenza sanitaria da Covid-19
Anno scolastico 2020/2021, il calendario della Regione Anno scolastico 2020/2021, il calendario della Regione Ufficiale l'inizio della scuola il 24 settembre, terminerà l'11 giugno
In Puglia l'anno scolastico riparte il 24 settembre In Puglia l'anno scolastico riparte il 24 settembre C'è l'ok di sindacato e assessorato, «ma servono certezze»
È ufficiale, il 14 settembre si torna a scuola. «No a classi pollaio» È ufficiale, il 14 settembre si torna a scuola. «No a classi pollaio» Annunciate le linee guida per la ripresa. Azzolina «Sopralluoghi negli istituti di tutta Italia»
Assistenza scolastica ed extrascolastica per alunni disabili. L'avviso pubblico Assistenza scolastica ed extrascolastica per alunni disabili. L'avviso pubblico I termini per presentare domanda al Comune di Ruvo
Scuola, Abbaticchio: «Ripartenza delle attività nel benessere dei minori» Scuola, Abbaticchio: «Ripartenza delle attività nel benessere dei minori» Il Coordinamento dei Garanti Regionali dell’Infanzia e dell’Adolescenza scrive al Governo nazionale
«Grazie per questo anno scolastico, scuola San Giovanni Bosco» «Grazie per questo anno scolastico, scuola San Giovanni Bosco» Il ringraziamento dei genitori a docenti e personale per l'attività scolastica svolta nel periodo del lockdown
Il sindaco saluta i giovani studenti: "Siete stati bravi, sono orgoglioso di voi" Il sindaco saluta i giovani studenti: "Siete stati bravi, sono orgoglioso di voi" Si conclude oggi l'anno scolastico più difficile del dopoguerra
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.