neve
neve
Territorio

Neve e temperature in picchiata, a rischio colture e primizie

L'allarme di Coldiretti

Dopo un inverno primaverile, è partita la pazza primavera con gelate e nevischio che convivono con una perdurante siccità mettendo a repentaglio grano, mandorli, ciliegi e albicocchi e verdure in campo, dagli asparagi alle cicorie, dai carciofi ai cavoli alle bietole, ma anche le primizie come i piselli. E' il bollettino di Coldiretti Puglia che segnala il brusco abbassamento delle temperature fino a -1 gradi, con le situazioni più gravi registrate nelle province di Bari, BAT e Foggia, in una Puglia dove fino a 48 ore fa si registravano anche 23 gradi, con ripercussioni gravi sulle colture in atto, mentre il maltempo non allevia minimamente il problema della siccità con – 143 milioni di metri cui d'acqua negli invasi foggiani, secondo i dati aggiornati ad oggi del Consorzio di Bonifica della Capitanata. E' allarme freddo e gelo nelle campagne dopo un inverno che si è classificato in Italia come il secondo più caldo dal 1800 a livello climatologico – dice Coldiretti - facendo registrare una temperatura addirittura superiore di 2,03 gradi rispetto alla media di riferimento. "Dopo giorni di temperature che hanno toccato anche i 23 gradi sono crollate bruscamente e da qualche ora la Puglia è sferzata da venti gelidi, con fenomeni di gelate e nevicate a macchia di leopardo. Il clima pazzo non aiuta certamente la programmazione colturale in campagna. La brusca inversione di tendenza del meteo, tra l'altro, non aiuta a riempire gli invasi", denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

L'agricoltura pugliese per effetto dei cambiamenti climatici – aggiunge Coldiretti Puglia - ha perso più di 3 miliardi di euro nel corso del decennio tra produzione agricola, strutture e infrastrutture rurali.

"La diminuzione di acqua negli invasi è stata continua e costante, mitigata solo parzialmente dalla sporadiche piogge torrenziali che hanno un effetto disastroso sui campi, soprattutto in Capitanata sul grano. Per questo è urgente avviare un Programma di azione regionale, in linea con il Programma Nazionale – aggiunge il delegato confederale di Coldiretti Foggia, Pietro Piccioni - tenendo sotto costante monitoraggio i tradizionali ed usuali mezzi di approvvigionamento (pozzi ed invasi) e di vettoriamento (condotte), ma anche conoscere i flussi d'acqua che vanno all'industria, al potabile e all'uso irriguo".

Secondo il CNR, il 21% del territorio nazionale è a rischio desertificazione e circa il 41% di questo territorio si trova al Sud, riferisce Coldiretti Puglia.

In Puglia le aree affette dal rischio desertificazione sono pari al 57% - conclude Coldiretti Puglia – e il conto pagato dall'agricoltura, soggetta ai cambiamenti climatici e alla siccità è salato. Il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi, ma intense e il repentino passaggio dal sereno al maltempo, con bruschi crolli o innalzamenti delle temperature, sono all'ordine del giorno e arrecano danni gravi alle colture nelle aree più colpite dal clima pazzo.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Emergenza Made in Puglia, Coldiretti alle GDO: «Acquistate km0» Emergenza Made in Puglia, Coldiretti alle GDO: «Acquistate km0» Piovono disdette di pesce, funghi, latte e fiori
L'agricoltura spegne i sogni dei giovani. Coldiretti: «Bocciate il 75% delle domande PSR» L'agricoltura spegne i sogni dei giovani. Coldiretti: «Bocciate il 75% delle domande PSR» L'associazione di categoria: «Mai pagate le domande ammesse»
Coldiretti: «I magazzini sono pieni di olio straniero» Coldiretti: «I magazzini sono pieni di olio straniero» La nota dell'associazione partendo dall'analisi dei dati di "Frantoio Italia"
Olio, altra batosta: la sansa diventa rifiuto speciale Olio, altra batosta: la sansa diventa rifiuto speciale La preoccupazione di Coldiretti
Maltempo e forte vento, Coldiretti: «Sta spazzando via le olive» Maltempo e forte vento, Coldiretti: «Sta spazzando via le olive» Grido d'allarme dell'associazione di categoria
Temperature estive a Ottobre, agricoltura in sofferenza Temperature estive a Ottobre, agricoltura in sofferenza Il grido d'allarme di Coldiretti
Fermo pesca, boom di importazioni dall'estero Fermo pesca, boom di importazioni dall'estero Coldiretti Puglia: «Frodi in agguato»
Stress termico, sos per le mucche nelle stalle Stress termico, sos per le mucche nelle stalle Coldiretti Puglia: «Produzione di latte calata del 15%»
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.