Carabinieri Fuochi d'Artificio
Carabinieri Fuochi d'Artificio
Cronaca

Oltre 750 bombe carta trovate in un casolare tra Terlizzi e Ruvo. VIDEO

I dettagli dell'operazione

Nei giorni scorsi avevamo dato notizia di una operazione dei Carabinieri della Compagnia di Trani e della Stazione di Ruvo di Puglia che aveva portato all'arresto di due persone, ristrette ai domiciliari, per detenzione di botti illegali.

Oggi, il Comando Provinciale dei Carabinieri ha diffuso importanti particolari dell'operazione che rendono l'idea di quanto pericolosa potesse essere la detenzione del materiale esplosivo ritrovato in un casolare tra Terlizzi e Ruvo. In questo casolare, infatti i militari hanno rinvenuto un grosso quantitativo di materiale pirotecnico e ben 770 bombe carta pronte ad esplodere.

I militari da un po' di tempo tenevano sotto controllo D.D.C. 25enne del luogo, al fine di ricercare armi e materie esplodenti: nel corso di una perquisizione domiciliare presso l'abitazione del giovane i Carabinieri non hanno trovato nulla, ma quando i controlli sono stati estesi in una villa rurale, di cui il giovane aveva la disponibilità, i Carabinieri si sono trovati di fronte ad un vero e proprio laboratorio allestito per la produzione di artifizi pirotecnici.

Erano presenti, infatti, bobine di miccia pirotecnica da 50 metri, circa 1,3 chilogrammi di polvere di alluminio, 540 grammi di miscela pirica, 144 grammi di polvere nera in grani e quant'altro di utile al confezionamento, nonché vari accenditori elettrici e diversi ordigni di fattura artigianale, oltre a 12,3 chilogrammi di artifizi pirotecnici, già confezionati.

Il giorno successivo, sempre a seguito di mirata attività info-investigativa finalizzata all'individuazione dei canali di rifornimento di tali artifizi, non potendosi escludere il coinvolgimento di elementi della malavita comune ed organizzata nel suddetto business illegale, il soggetto di interesse messo sotto la lente di ingrandimento dei Carabinieri ruvesi è stato M.M. 32enne del posto.

Anche in questo caso i Carabinieri hanno deciso di intraprendere a suo carico una perquisizione portandosi in una villa rurale, ubicata ai confini della città a limite del territorio con Terlizzi. Sul posto venivano rinvenuti all'interno di un container nella disponibilità dell'uomo, un ingente quantitativo di manufatti pirotecnici di produzione artigianale, cioè circa 770 bombe carta e varie batterie piriche di diversa tipologia.

Sulla base di tali evidenze, trattandosi di reati che mettono a rischio l'incolumità oltre che dell'interessato anche di possibili avventori, D.D.C. e M.M., così come prevede la legge, sono stati arrestati e, su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, posti ai domiciliari, in attesa di giudizio.
Carico il lettore video...
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Cambio al vertice del Comando Legione Carabinieri Puglia Cambio al vertice del Comando Legione Carabinieri Puglia Al generale di brigata Giovanni Cataldo succede il parigrado Alfonso Manzo
Furti d'auto e rapine, due arresti dei Carabinieri Furti d'auto e rapine, due arresti dei Carabinieri In manette due persone. Sono state intercettate a bordo di un'auto rubata
Operazione "Pandora" del Ros, 104 arresti. I NOMI Operazione "Pandora" del Ros, 104 arresti. I NOMI In carcere anche il ruvese Dario Berardi, alias "Dariuccio"
Maxiblitz del Ros, 104 arresti. Anche un uomo di Ruvo di Puglia Maxiblitz del Ros, 104 arresti. Anche un uomo di Ruvo di Puglia Operazione "Pandora", scacco matto ai clan baresi Mercante-Diomede e Capriati
Rocambolesco inseguimento nelle campagne, Carabinieri arrestano sorvegliato speciale Rocambolesco inseguimento nelle campagne, Carabinieri arrestano sorvegliato speciale L'uomo era sottoposto all'obbligo di dimora
Nel ricordo di Dino Stasi, il Carabiniere ammazzato dalla banda della Uno Bianca Nel ricordo di Dino Stasi, il Carabiniere ammazzato dalla banda della Uno Bianca Questa sera una messa nella Chiesa di San Domenico
Massaggi hot ai clienti, arrestata la titolare di un centro benessere Massaggi hot ai clienti, arrestata la titolare di un centro benessere La donna gestiva un centro benessere a Terlizzi
La chiamavano "Angela" ma era eroina, sgominato gruppo di spacciatori di droga. VIDEO La chiamavano "Angela" ma era eroina, sgominato gruppo di spacciatori di droga. VIDEO Il gruppo gestiva il traffico nei comuni del nord barese tra cui anche Ruvo di Puglia
© 2001-2018 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.