Scuola
Scuola
Scuola e Lavoro

Scuola, i presidi pugliesi «Condivisione delle misure adottate»

Viene meno la libertà di scelta, aspramente criticata da ANP e sindacati

In Puglia si torna alla Didattica Digitale Integrata per tutti, senza la libertà di scelta lasciata alle famiglie nelle ultime ordinanze. E c'è soddisfazione su questo aspetto da parte dei sindacati, che fino a tarda notte sono stati impegnati ieri in un confronto con la Regione atto proprio alla stesura e approvazione della nuova ordinanza regionale.

«In queste ultime ore si confermano purtroppo le previsioni, nell'evoluzione epidemiologica, di un "peggioramento nel livello generale del rischio di contagio" - commenta Roberto Romito, presidente Associazione Nazionale Presidi Puglia - Questa è sostanzialmente la motivazione basilare della nuova ordinanza del Presidente Emiliano in materia di scuola e rischio pandemico. Non si tratta di chiusura delle scuole, in realtà le scuole effettueranno il passaggio alla DDI (didattica digitale integrata) con l'eccezione delle attività laboratoriali e della didattica inclusiva per disabili e alunni con bisogni educativi speciali, per i quali è prevista la presenza e a questi ultimi le scuole, sulla base di una loro autonoma valutazione, potranno aggiungere la "frequenza in presenza di quegli alunni che per varie ragioni non abbiano la possibilità avvalersi della didattica digitale integrata" non superando, tuttavia, il limite del 50% di ogni classe».

«Viene quindi a cadere la cosiddetta "libertà di scelta" sulla frequenza scolastica concessa impropriamente alle famiglie dalle precedenti ordinanze - aggiunge Romito - che costituiva il principale motivo del nostro dissenso in quanto rappresentava una vistosa anomalia della nostra scuola rispetto a quella del resto del Paese, oltre che ad essere in clamoroso contrasto con i principi costituzionali e gli assetti ordinamentali della scuola italiana. Questa novità, unita all'avvio della campagna di vaccinazione di coloro che lavorano nelle scuole, ci permette invece di esprimere oggi, pur nell'avversa contingenza che porta le scuole stesse ad un'ulteriore restrizione, condivisione nei confronti delle misure adottate e un moderato ottimismo per una pronta ripresa del sistema scolastico pugliese. Che speriamo potrà ripartire con una rinnovata fiducia nella sua capacità di contrastare la pandemia e la povertà educativa da essa indotta soprattutto nella parte più debole e disagiata della popolazione scolastica».
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Scuola, gli psicologi: «Ansia e incertezza con impatto psicologico su alunni e famiglie» Scuola, gli psicologi: «Ansia e incertezza con impatto psicologico su alunni e famiglie» Il presidente dell’Ordine degli Psicologi di Puglia commenta la nuova ordinanza del governatore Emiliano dopo il ricorso al Tar del Codacons
Emiliano: «Se vogliamo la scuola aperta in presenza, dobbiamo vaccinarla» Emiliano: «Se vogliamo la scuola aperta in presenza, dobbiamo vaccinarla» Il presidente ai ministri Gelmini e Speranza: «Se ci impegniamo, tutto il personale scolastico vaccinato nel giro di 20 giorni»
Gli studenti ruvesi ritornano in classe. Quanto disposto fino al 14 marzo Gli studenti ruvesi ritornano in classe. Quanto disposto fino al 14 marzo Nell'ordinanza di Emiliano resta la DDI al 100% ma sparisce la percentuale del 50% di alunni in presenza per ragioni non diversamente affrontabili
Scuola, «Si torna alla possibilità di scelta». Emiliano annuncia nuova ordinanza Scuola, «Si torna alla possibilità di scelta». Emiliano annuncia nuova ordinanza Il presidente interviene dopo la notizia della sospensione disposta da sentenza del Tar
Scuola, il Tar sospende l'ordinanza di Emiliano Scuola, il Tar sospende l'ordinanza di Emiliano Si dovrebbe tornare in classe domani seguendo quanto stabilito dal decreto
Covid, Rutigliani: "Scuola nel caos. Famiglie e studenti chiedono chiarezza" Covid, Rutigliani: "Scuola nel caos. Famiglie e studenti chiedono chiarezza" Le osservazioni della capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale
Scuola, c'è l'ordinanza. Didattica a distanza sino al 5 marzo Scuola, c'è l'ordinanza. Didattica a distanza sino al 5 marzo Le novità delle nuove disposizioni introdotte da Emiliano
Scuola, si torna alla didattica a distanza. Lopalco: «Necessario rallentare diffusione del virus» Scuola, si torna alla didattica a distanza. Lopalco: «Necessario rallentare diffusione del virus» Si attende l'ordinanza regionale che dovrebbe entrare in vigore da lunedì
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.