acqua
acqua
Territorio

Aumenta l'acqua in rete ma l'emergenza idrica non è passata

Proseguono, al momento, le restrizioni di pressione in rete, seppure in forma più attenuata

Le attività di Acquedotto Pugliese, avviate a partire dal luglio scorso, consentono, oggi, di immettere in rete oltre 25mila metri cubi di risorsa al giorno grazie all'incremento di utilizzo dell'acqua di falda.
Le misure per contrastare la forte siccità dell'anno appena trascorso, il più siccitoso degli ultimi duecento anni, hanno determinato da un lato il risparmio di circa 3,5 milioni di metri cubi di risorsa nell'ultimo trimestre del 2017, dall'altro un aumento della capacità di produzione, grazie all'utilizzo di fonti integrative come quelle dei pozzi.

Il risultato è anche frutto di una attenta politica di ottimizzazione della gestione, avviata da AQP negli ultimi anni: l'implementazione di un sistema di telecontrollo delle portate e dei volumi in rete, l'adozione di modelli matematici avanzati di gestione, la distrettualizzazione delle reti e l'introduzione di un sistema diffuso di regolazione automatica di controllo della pressione. AQP è altresì impegnato, quotidianamente, in una intensa attività di ricerca e riparazione delle perdite, grazie anche ad investimenti straordinari per oltre 300 milioni di Euro.

Proseguono, al momento, le restrizioni di pressione in rete, seppure in forma più attenuata, e nel rispetto dei minimi garantiti dalla carta dei servizi. Permane, infatti, lo stato di emergenza: il livello di acqua presente negli invasi, utilizzati normalmente anche ai fini irrigui, rimane al di sotto del 50% rispetto alla media degli ultimi 10 anni.

Giova ricordare che le riduzioni potrebbero causare disagi ai piani superiori negli stabili privi di idonei impianti di autoclave. Per impianto idoneo si intende un sistema di autoclave (costituito da pompa e serbatoio o da booster) posizionato al piano terra. L'installazione ai piani alti o, peggio, sui solai degli stabili, non è sufficiente ad assicurare l'erogazione idrica.

Il Regolamento del servizio idrico integrato vieta l'inserimento di pompe sui collegamenti diretti con la rete pubblica e che gli impianti di autoclave devono essere realizzati in modo da assicurare discontinuità idraulica tra la rete gestita dall'Acquedotto Pugliese e l'impianto di sollevamento dello stabile.

È nella responsabilità dei privati rendere fruibile all'interno di uno stabile il servizio che AQP eroga al contatore. Gli amministratori di condominio e i singoli proprietari di immobili sono invitati a provvedere alla verifica ed eventualmente alla installazione di adeguati impianti di autoclave centralizzati, che assicurino l'erogazione in tutti i punti dello stabile, anche i più lontani e alti rispetto al contatore, e che rispondano alla normativa vigente.
  • AqP - Acquedotto pugliese
Altri contenuti a tema
1918 - 25 maggio - 2018.  Un secolo d’acqua 1918 - 25 maggio - 2018. Un secolo d’acqua Le iniziative legate alla celebrazione del centenario dell’arrivo dell’acqua a Ruvo di Puglia proseguono
Aqp, storia e futuro nel libro firmato dalla ruvese Mimma Gattulli e da Paola Silvestri Aqp, storia e futuro nel libro firmato dalla ruvese Mimma Gattulli e da Paola Silvestri Il volume è edito da Cacucci Editore
Arriva il gelo: consigli per proteggere i contatori Arriva il gelo: consigli per proteggere i contatori Le cinque raccomandazioni di Acquedotto Pugliese
Occhio al rubinetto: da oggi ancora riduzioni della pressione idrica Occhio al rubinetto: da oggi ancora riduzioni della pressione idrica La comunicazione dell'Acquedotto Pugliese
AQP: esaminata l’acqua proveniente dai “tre piloni” AQP: esaminata l’acqua proveniente dai “tre piloni” Analisi su un campione di acqua proveniente dalle fontane ruvesi
AQP: «Il depuratore Ruvo-Terlizzi non c'entra nulla con l'inquinamento a Torre Calderina" AQP: «Il depuratore Ruvo-Terlizzi non c'entra nulla con l'inquinamento a Torre Calderina" «Non è nella competenza di Aqp vigilare sullo stato delle acque nell’ultimo tratto fino a mare»
"Bonus Acqua", ecco le istruzioni per chiedere il rimborso "Bonus Acqua", ecco le istruzioni per chiedere il rimborso Iniziativa destinati ai cittadini che si trovano in condizioni di disagio economico e/o fisico
Blocco del condotto idrico. Ruvo senz'acqua fino a nuovo ordine Blocco del condotto idrico. Ruvo senz'acqua fino a nuovo ordine Si suggerisce alla cittadinanza di non sprecare acqua
© 2001-2018 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.