Auto esplosa
Auto esplosa
Cronaca

Bomba nella notte, esplosa la Fiat 16 di un carabiniere. Non ci sono feriti

Il militare del Nucleo Radiomobile è in servizio ad Andria: l'esplosione sotto casa sua. Utilizzato un ordigno artigianale con tritolo

Nella notte, a Ruvo di Puglia, ignoti hanno collocato una bomba artigianale (l'esplosivo è costituito con tutta probabilità da tritolo), sotto la Fiat 16 di un carabiniere in servizio al Nucleo Radiomobile della Compagnia di Andria, parcheggiata sotto la sua abitazione.

L'auto, parcheggiata sull'estramurale Scarlatti, è andata completamente distrutta. La bomba è stata fatta esplodere alle ore 02.35 procurando, per fortuna, solo tanta paura e danni alla vettura, frantumando diverse vetrine della zona e danneggiando altre auto parcheggiate. Non ci sono stati, fortunatamente, feriti. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco.

I primi a giungere sul posto sono state le Guardie Campestri, che hanno avvertito i Carabinieri della Compagnia di Trani che, in pochi minuti, hanno mandato una loro pattuglia per i rilievi del caso. Le indagini sono in corso da parte dei Carabinieri della locale Stazione, giunti sul posto assieme ai militari della Sezioni Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Bari.

Si tratta del terzo attentato in poco più di un anno contro un esponente dei Carabinieri di Andria, uno dei tre capoluoghi della provincia di Barletta, Andria e Trani che è a nord di Bari. Analogo l'episodio del 3 dicembre 2018, quando venne collocato un ordigno sotto la vettura di un militare della Compagnia di Andria in servizio a Corato, fra Andria e Ruvo.

Inoltre, poco prima, il 13 novembre 2018, sempre a Corato, venne data alle fiamme la casa di campagna di un carabiniere in servizio ad Andria e in una parete venne trovata la scritta: «Ti devo ammazzare».
  • Carabinieri Ruvo di Puglia
Altri contenuti a tema
Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Il nuovo dl ha valore retroattivo: non c'è più la sanzione penale, ma solo amministrativa
Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Il procuratore di Bari: «Le denunce sono tante. Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria»
1 Coronavirus, la Prefettura: 1.901 denunciati, 31.441 controllati Coronavirus, la Prefettura: 1.901 denunciati, 31.441 controllati Intensificati i controlli: ci sono anche 17 denunce per false attestazioni, 6 esercizi commerciali chiusi e 15 titolari deferiti
Nuova raffica di controlli. Ma ci sono ancora troppe persone per strada Nuova raffica di controlli. Ma ci sono ancora troppe persone per strada I Carabinieri al lavoro senza sosta: malgrado il continuo richiamo al rispetto delle prescrizioni sono numerosissime le persone denunciate
Attentato al carabiniere, la solidarietà del mondo politico Attentato al carabiniere, la solidarietà del mondo politico Parlamentari e consiglieri regionali manifestano vicinanza al vice brigadiere
Furto nella sede di Rifondazione, ladri beccati dalle telecamere Furto nella sede di Rifondazione, ladri beccati dalle telecamere Ad accorgersi del tutto i Carabinieri che hanno denunciato una coppia di conviventi
Gaetano Cassano nuovo comandante della Sezione Radiomobile di Trani Gaetano Cassano nuovo comandante della Sezione Radiomobile di Trani Il sottotenente arriva dal Centro Telematico Legione Puglia: 57 anni, ha lavorato anche in Bosnia-Erzegovina e in Iraq
Nuovo Comandante per la Stazione dei Carabinieri: è il maresciallo Felice Cimadomo Nuovo Comandante per la Stazione dei Carabinieri: è il maresciallo Felice Cimadomo Il sottufficiale è stato per oltre un ventennio alla Tenenza di Bisceglie, ricoprendo anche il ruolo di vice comandante
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.