centrodestra
centrodestra
Politica

Del PUG e della rottura del centrodestra

Analisi di una posizione che scompatta il blocco di opposizione

Quanto accaduto nei giorni scorsi in Consiglio Comunale, nel corso della seduta per l'approvazione del famigerato "punto 50", merita una analisi politica dedicata proprio alla tenuta degli equilibri politici.

In molti, anche giustamente, hanno asserito che, proprio il punto 50 avesse rivelato una certa debolezza da parte dell'amministrazione. Il punto, infatti, si è potuto discutere ed approvare soltanto perchè il consigliere d'opposizione Giovanni Mazzone ha ritenuto di non dover abbandonare l'aula, garantendo così la permanenza del numero legale.

Una scelta. come affermato in seguito dal consigliere Mazzone, legata a motivi di opportunità: rimanere in aula, ad avviso del consigliere di Puglia Popolare, avrebbe significato risparmiare i costi di una seduta di aggiornamento del consiglio.

La posizione, tutta politica però, mantenuta dal consigliere Mazzone, è stata quella di isolarsi dal gruppo di opposizione determinando così la rottura di un blocco che sino a poco prima era sembrato estremamente compatto. Le conseguenze politiche di quella scelta forse sono state sottovalutate ma erano ampiamente prevedibili.

Tant'è che il consigliere Piero Paparella, esponente di Direzione Italia, si è lanciato in una pesante presa di distanza dall'azione di Mazzone, bollando la giustificazione di Mazzone come un "goffo tentativo di nascondere l'adesione ad un partito (Puglia Popolare) che è ormai organico ad Emiliano ed alla sinistra pugliese".

Mazzone è dunque passato, armi e bagagli, dalla parte dell'ex avversario? Sarà lui stesso magari a chiarire questo aspetto. Dal canto nostro la massima disponibilità ad accogliere eventuali repliche.

Tornando a Piero Paparella, non è trascurabile il suo duro attacco, diffuso attraverso i social network al (ex?) collega di coalizione Mazzone.

Pur senza menzionare mai il collega, Paparella avvia una pesante riflessione.

«Per alcuni, nella vita, il denaro è tutto. Il denaro diventa unità di misura per le scelte giuste o sbagliate. Tutto viene commisurato in base a quanto costa, a quanto vale. Gli aspetti morali, valoriali, sociali, decisionali e storici vengono dopo… per alcuni. Ma la Pianificazione Urbanistica non è legata ai soldi, bensì alla Politica. La pianificazione è una forma di servizio che non può essere commisurata in base a quanto vale. Se 500 o 600 euro. Fare urbanistica nelle sedi comunali, in Consiglio Comunale, significa intercettare, incontrare e venire a conoscenza di esigenze che si spingono oltre le principali necessità e bisogni della Comunità. Operare scelte che non riguardano il solo spazio fisico, i servizi, i trasporti, il tessuto sociale esistente ma si spingono fino ad incontrare questioni di inquinamento, energia e relative conseguenze e qualità della vita dei futuri abitanti nella nostra città, dei nostri figli.
E qualcuno vorrebbe misurare il valore di queste scelte con i costi presunti di una eventuale nuova seduta di Consiglio Comunale? E perché quando ha consentito alla maggioranza di votare il ridimensionamento del lotto minimo non si è preoccupato degli oltre 250.000,00 euro spesi a carico dei cittadini ruvesi per pagare chi ha progettato e dimensionato questo PUG adottato nell'aprile del 2016 anche con il suo voto favorevole? E perché non si è preoccupato di ciò, quando è uscito dall'aula in occasione del maxi emendamento presentato dalla maggioranza, sullo stralcio delle zone periurbane del nuovo PUG?» si chiede Paparella.
Interrogativi aperti ai quali, forse, il consigliere Mazzone risponderà.
  • Centrodestra
Altri contenuti a tema
L'opposizione torna in piazza: «Daremo voce ai cittadini» L'opposizione torna in piazza: «Daremo voce ai cittadini» Previsto un pubblico incontro per il 6 settembre
Lavori in corso al Tannoia, gli studenti non partecipano alle lezioni Lavori in corso al Tannoia, gli studenti non partecipano alle lezioni I consiglieri di opposizione: «Sia convocata la commissione anti-crisi»
Variazioni di bilancio, l'opposizione: «Nulla di straordinario, anzi...» Variazioni di bilancio, l'opposizione: «Nulla di straordinario, anzi...» In una nota i consiglieri di opposizione attaccano l'amministrazione
L'opposizione dura con l'assessore Filograno: «Weekend a L'Aquila coi soldi dei cittadini» L'opposizione dura con l'assessore Filograno: «Weekend a L'Aquila coi soldi dei cittadini» I consiglieri di centrodestra chiedono le dimissioni dell'assessore
Il centrodestra chiede al sindaco di licenziare l'assessore Marone Il centrodestra chiede al sindaco di licenziare l'assessore Marone Sulla rinegoziazione dei debiti aveva detto che non c'erano costi per le casse comunali
Rifiuti, l'opposizione: «Spesa più che raddoppiata in 4 anni» Rifiuti, l'opposizione: «Spesa più che raddoppiata in 4 anni» I consiglieri comunali di opposizione scendono in piazza: «Ruvo unica città in cui aumenta la Tari»
Il centrodestra: «Chieco denunci alla magistratura le 'situazioni di privilegio'» Il centrodestra: «Chieco denunci alla magistratura le 'situazioni di privilegio'» Solidarietà da parte dei partiti di opposizione per l'atto intimidatorio subito dal sindaco
«Dobbiamo capire cosa è di destra». Intervista ad Antonello Paparella «Dobbiamo capire cosa è di destra». Intervista ad Antonello Paparella «Sto ricevendo pressioni affinché non lasci il consiglio, ma voglio chiudere un ciclo»
© 2001-2019 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.