Michele Pinto
Michele Pinto
Eventi e cultura

Il coronavirus con gli occhi dell’arte nel cortometraggio di Michele Pinto

"I giorni del Covid", testimonianza storica e grande speranza per il futuro nel lavoro del regista ruvese

Un documentario, una testimonianza e un messaggio di unione e di speranza che fa luce sul futuro prossimo che ci attendiamo di vivere dopo l'emergenza. Il linguaggio è quello dell'arte che, con occhio attento e sensibile, resta vigile su ogni evoluzione storica della nostra società per analizzarla, sviscerarla e raccontarla con delicatezza ed espressività.

Arte cinematografica in questo caso, come quella del regista ruvese Michele Pinto che con il cortometraggio "I giorni del Covid" testimonia i giorni del lockdown in Italia come conseguenza dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Il video documentario è stato girato in piena quarantena, tra marzo e aprile, nel totale rispetto di tutte le prescrizioni anto contagio, e racconta, attraverso gli occhi schietti di una videocamera e la sensibilità artistica del regista, gli effetti sociali, economici e culturali della pandemia che ha colpito l'Italia e il mondo intero.

Abitudini mutate, distanziamento sociale e chiusura di attività commerciali non essenziali, uso obbligatorio di guanti e mascherine sono solo alcuni dei nuovi comportamenti che hanno stravolto la nostra vita a causa del contagio mondiale da sars-covid 2, subito dopo il focolaio di Wuhan in Cina e di Codogno in Italia.

Sceneggiatura, regia e montaggio sono a cura di Michele Pinto, con sua moglie Daniela Iosca all'aiuto regia e l'ausilio della voce narrante dell'attore e regista teatrale molfettese Francesco Tammacco.

Ma come nasce il progetto? «È un'idea che ho avuto da subito, appena scattata la zona rossa nelle regioni del Nord Italia» - dichiara il regista. «Volevo documentare dal di dentro un avvenimento di portata storica globale e così, ogni giorno, registravo vari aspetti di questo nuovo stile di vita che mi fornivano importanti spunti di riflessione su cui lavorare. Ad esempio, ho analizzato il nostro approccio con la fisicità, fisicamente costretti all'isolamento, o il nostro nuovo rapporto con la cucina».

Pinto ha aperto così delle finestre virtuali con riprese su pc, tv e smartphone, omaggio al tricolore e video chat con amici e parenti con un emozionante messaggio di speranza.

Che impatto ha avuto l'epidemia sull'arte?
L'arte sta risentendo molto l'impatto di questa quarantena perché, in ogni sua espressione, che sia musica, teatro, cinema, l'arte si nutre di socialità che al momento non può vivere.

Come vedi il futuro, la ripresa dell'arte dopo il covid-19?
Molto, molto lenta. Sarà un vero problema sia produrre opere filmiche che fruirne dato che molte sono le produzioni già pronte ma bloccate ai nastri di partenza. Al momento è impossibile recarsi al cinema o al teatro per godere di un'opera artistica, e il distanziamento sociale continuerà a rendere difficile tornare a farlo. Inoltre, la misura della distanza di sicurezza impedisce alle troupe il lavoro sul set dove centinaia di persone convivono e condividono spazi e abitudini per mesi. Pertanto, le produzioni si assottiglieranno, saranno più ridotte. Magari si lavorerà più di computer grafica, con poche persone anche dietro le quinte.
  • Michele Pinto
  • Coronavirus
  • cortometraggio
Altri contenuti a tema
Green Pass base o rafforzato dal 6 dicembre, ma cosa si può fare senza? Green Pass base o rafforzato dal 6 dicembre, ma cosa si può fare senza? Cosa è consentito dalla nuova normativa a chi non è vaccinato o non vuole vaccinarsi
468 nuovi contagi in poche ore in Puglia 468 nuovi contagi in poche ore in Puglia Risale a quota 159 il numero dei ricoverati negli ospedali
Covid a scuola: «Lieve aumento dei casi in questa settimana» Covid a scuola: «Lieve aumento dei casi in questa settimana» Il report fornito dalla Asl relativo ai comuni serviti dall'azienda
Covid in Puglia, oltre 350 nuovi casi nelle ultime ore Covid in Puglia, oltre 350 nuovi casi nelle ultime ore Stabile il dato degli attualmente positivi. Registrati altri 4 decessi
Covid, 12 positivi a Ruvo di Puglia. Una persona è in ospedale Covid, 12 positivi a Ruvo di Puglia. Una persona è in ospedale Cinque in isolamento fiduciario
6900 positivi deceduti in Puglia dall'inizio della pandemia 6900 positivi deceduti in Puglia dall'inizio della pandemia 4632 gli attualmente positivi
Arriva il super Green Pass. Cosa cambia e quali sono le novità per i non vaccinati Arriva il super Green Pass. Cosa cambia e quali sono le novità per i non vaccinati Tutte le regole in vigore dal 6 dicembre al 15 gennaio
Il contagio si diffonde: 369 nuovi casi positivi in Puglia Il contagio si diffonde: 369 nuovi casi positivi in Puglia Dato molto preoccupante: quasi il 15% dei ricoverati è in terapia intensiva
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.