Il cestaio Antimo Calò
Il cestaio Antimo Calò
Eventi e cultura

“L’antico mestiere del cestaio” un laboratorio creativo per celebrare un'antica arte

Sabato 7 luglio dalle ore 19:30 presso la piazzetta antistante l’Info Point di Ruvo di Puglia

Fare cesti e realizzare "panari" erano attività frutto dell'ingegno e della capacità manuale che per intere generazioni hanno sorretto l'economia agricola locale, interessando in maniera trasversale la quasi totalità della popolazione e coinvolgendo con i tempi di lavorazione la vita di tante comunità.

Nel tentativo di trasmettere questo "saper fare" alle generazioni future la Pro Loco di Ruvo di Puglia in collaborazione con l'Associazione "C'era una volta l'arte" di Uggiano Montefusco (TA) organizza sabato 7 luglio dalle ore 19:30 presso la piazzetta antistante l'Info Point un laboratorio dedicato alle tecniche dell'intreccio.

Il laboratorio è rivolto a tutti coloro che desidereranno avvicinarsi alle tecniche d'intreccio dell'artigianato tradizionale usando i materiali naturali presenti nell'agro locale sino a realizzare un cestino o un paniere che ognuno porterà a casa a testimonianza e ricordo di questa attività.

Quella dell'intreccio, è un'arte antica, le prime testimonianze della produzione di cesti risalgono al Neolitico, se non anche prima. Oggi i cesti realizzati a mano sono dei veri e propri oggetti da collezione. Se, infatti, inizialmente sono nati con una funzione unicamente pratica, ora si tende ad attribuire loro una funzione puramente estetica.

Il "maestro" cestaio Antimo Calò, uno dei pochissimi in grado di realizzare "panari" e cesti con grande disinvoltura, trasferirà i segreti dell'arte dell'intreccio non solo a ragazzi, ma anche a gente adulta affascinata da quest'arte che rischia di andare dispersa.

Antimo Calò ha appreso le tecniche dal caro papà Cosimo, nel corso degli anni, con grande umiltà e tanta saggezza e anche per diletto, le ha perfezionate continuando a realizzare cesti attraverso l'arte dell'intreccio.

Sino a circa mezzo secolo fa, la figura del cestaio era un'attività che tutti i contadini praticavano, in particolare nei periodi di minore impegno nelle campagne. Non esisteva ancora la plastica (grandissima fonte di inquinamento nei nostri giorni) e, comunque, si preferiva utilizzare le risorse che madre Natura donava e dona ancora agli uomini.

La materia prima era costituita dal giunco, dalle canne sezionate per il lungo e dai vinchi, polloni cresciuti in estate sui tronchi degli ulivi, sottili, resistenti e flessibili e dal lentisco, arbusto sempreverde dall'intenso profumo resinoso e aromatico, tipico della macchia mediterranea e resistente alla siccità. Come attrezzi si usavano forbici, cesoie, falcetto e coltello. Nascevano così contenitori che hanno caratterizzato a lungo la civiltà contadina: "panari", cesti e i graticci di canne sui quali si mettevano a seccare i fichi e gli ortaggi durante l'estate.

La Pro Loco si augura che attraverso il laboratorio si possa mantenere viva la memoria di una antica arte popolare, riprendere una tradizione antica e salvaguardare un patrimonio della cultura contadina.

L'iniziativa rientra nell'ambito degli interventi a sostegno della qualificazione e del potenziamento del servizio di informazione degli Info-Point turistici dei comuni che aderiscono alla rete regionale, finanziati dall'Assessorato al Turismo della Regione Puglia per il Piano Strategico del turismo, Puglia 365, in sinergia con l'Assessorato al Turismo della Città di Ruvo di Puglia e l'Associazione Pro Loco.

Informazioni pratiche: il laboratorio è gratuito, consentito fino a 25 persone; la prenotazione è obbligatoria presso l'Info Point della Pro Loco in via V. Veneto, 44/48, telefonando allo 080.3615419 o 080.3628428 (dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 18:00 alle 20:00).
  • pro loco
Altri contenuti a tema
Talos Festival: visite guidata al tramonto con la Pro Loco Talos Festival: visite guidata al tramonto con la Pro Loco Sabato 8 e domenica 9 settembre ultimi due appuntamenti
Instagram Challenge, la bellezza di Ruvo di Puglia in un click Instagram Challenge, la bellezza di Ruvo di Puglia in un click C'è tempo fino a domani per partecipare alla competizione
L'antica arte del silenzio: il tombolo a Ruvo di Puglia L'antica arte del silenzio: il tombolo a Ruvo di Puglia Cucire lo sguardo tra arte e territorio
Ruvo sotterranea: un tour guidato nelle fondamenta della città Ruvo sotterranea: un tour guidato nelle fondamenta della città Dalle terme romane all’ipogeo della Cattedrale
Infiorata storica di Roma in onore del Papa, la Pro Loco di Puglia c'è Infiorata storica di Roma in onore del Papa, la Pro Loco di Puglia c'è Presentata la prima edizione dell’“Infiorata delle Pro Loco d’Italia”
La Pro Loco a Tricase per "Puglia Tipica" La Pro Loco a Tricase per "Puglia Tipica" Straordinaria partecipazione del gruppo folk “Lapecheronza”
Festività di Sant’Antonio, visite guidate al ciclo di affreschi nel Convento dei Minori Osservanti Festività di Sant’Antonio, visite guidate al ciclo di affreschi nel Convento dei Minori Osservanti Durante la serata presentazione della brochure dal titolo: “Sant’Antonio di Padova. Culto e devozione a Ruvo di Puglia”, a cura di A. Tedone
Il Castello di Ruvo di Puglia apre eccezionalmente le sue porte ai visitatori Il Castello di Ruvo di Puglia apre eccezionalmente le sue porte ai visitatori Speciali visite guidate presso la più importante fortificazione della città
© 2001-2018 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.