Sanità
Sanità
Attualità

La ASL di Bari adegua il linguaggio ai generi: sugli atti arriva "Chirurga" e "Avvocata"

Secondo l'azienda è un «riconoscimento delle pari opportunità»

Secondo la ASL di Bari si tratta di un «riconoscimento delle pari opportunità», secondo l'Accademia della Crusca, invece, si tratta di veri e propri errori grammaticali.

Poco importa, dunque, se l'adeguamento di genere negli atti amministrativi faccia a pugni con la grammatica. La Asl Bari ha deciso: «La "direttrice sanitaria" sostituisce la formula generica al maschile "direttore sanitario", nel caso in cui il ruolo sia ricoperto da una donna, lo stesso vale per tutti gli altri incarichi come la "chirurga" e/o l' "avvocata"».

Una delibera che la stessa ASL definisce "Rivoluzionaria" per una azienda che ha il 70 per cento del personale donna. «È una delle prime pubbliche amministrazioni in Italia ad aver adottato un provvedimento che fornisce istruzioni sull'uso di un linguaggio rispettoso delle differenze di genere, in sintonia con le indicazioni europee e nazionali» si legge nella nota diffusa dall'azienda sanitaria locale.

"Siamo sensibili al tema delle pari opportunità - commenta il Direttore generale della ASL Antonio Sanguedolce - e abbiamo voluto intraprendere questo percorso che va a ribaltare la prospettiva e l'approccio nei confronti delle lavoratrici. Con questa iniziativa – prosegue Sanguedolce – la ASL desidera offrire uno strumento per avviare, con il contributo di ognuna/o, un processo di cambiamento sociale e culturale, che evidenzi i nuovi ruoli e le nuove posizioni ricoperti dalle donne e favorisca, nella nostra comunità, la cultura di genere anche nella lingua".

La proposta è partita dalla Unità Operativa Complessa Servizio di Informazione e Comunicazione Istituzionale e dal CUG (Comitato unico di garanzia), nell'ambito del Piano Triennale delle Azioni Positive 2021/2023 che ha prodotto un documento che fornisce indicazioni utili per evitare espressioni e usi della lingua che alludano a discriminazioni tra i sessi.

Un ruolo attivo nella adozione del provvedimento è stato quello del Comitato unico di garanzia della ASL, guidato dalla dottoressa Domenica Munno.

«Le linee guida sull'uso delle parole - fanno sapere dalla ASL - sono state precedute da una analisi attenta di richieste, avvisi, formulari per istanze dei cittadini e delle cittadine, deliberazioni e determinazioni della ASL, dai quali si evince l'uso frequente del cosiddetto "maschile generico" che subordina il femminile al maschile: cioè un maschile presunto neutro e universale, che comprende l'uomo e la donna. Esso rappresenta in realtà uno degli usi linguistici più discriminanti. Il genere grammaticale neutro, infatti, in italiano non esiste e il genere grammaticale maschile è, appunto, maschile, quindi in riferimento a esseri umani evoca quelli di sesso maschile».

«Nonostante la presenza delle donne in ruoli, professioni e carriere fino a pochi anni fa esclusivamente maschili- spiega la dottoressa Munno - vi è una "resistenza" nell'uso della lingua a riconoscere questo cambiamento, lingua che usa ancora il maschile attribuendogli una falsa neutralità e che rende difficoltoso il percorso di rimozione degli stereotipi di genere. La lingua non è solo uno strumento di comunicazione attraverso il quale vengono trasmesse informazioni e idee- continua la presidente del CUG - essa riflette nei suoi usi la società che la utilizza e nello stesso tempo, influenza quest'ultima nel modo di pensare, di giudicare, di classificare la realtà; dietro forme ed espressioni linguistiche di uso comune spesso si celano pregiudizi sociali, culturali e sessuali che si trasmettono senza volerlo nel linguaggio».

«Al contrario - conclude la nota - la ASL di Bari intende favorire la realizzazione al proprio interno delle migliori condizioni di benessere delle lavoratrici e dei lavoratori, attivando una concreta politica di parità di trattamento tra uomini e donne, condannando ogni discriminazione fondata sul genere. In linea con i principi contenuti nelle Raccomandazioni CEE 92/31 sulla tutela della dignità delle donne e degli uomini negli ambienti di lavoro e 2002/73 sull'attuazione dei principi di parità di trattamento tra uomini e donne nell'ambito del lavoro, l'azienda ha tra i suoi obiettivi quello di promuovere, tra tutto il personale aziendale, positive relazioni interpersonali, edificate sui valori di pari opportunità e di rispetto reciproco».
  • Asl Bari
Altri contenuti a tema
Cure domiciliari per i pazienti Covid, ASL assume 59 nuovi medici Usca Cure domiciliari per i pazienti Covid, ASL assume 59 nuovi medici Usca Potenziate le unità speciali di continuità assistenziale in tutta la provincia
Concorso unico regionale, previste 566 assunzioni a tempo indeterminato Concorso unico regionale, previste 566 assunzioni a tempo indeterminato Pubblicata oggi la graduatoria della Asl Bari
La Asl Bari assume a tempo indeterminato: banditi 22 concorsi La Asl Bari assume a tempo indeterminato: banditi 22 concorsi In tutto saranno assunti 132 nuovi medici
Effetto vaccino nelle scuole, il 97% di casi positivi in meno rispetto a ottobre 2020 Effetto vaccino nelle scuole, il 97% di casi positivi in meno rispetto a ottobre 2020 Dg Sanguedolce: “Adesione record alle vaccinazioni della fascia di età 12-19 anni, impariamo dai nostri ragazzi”
ASL Bari attiva la consegna a domicilio di dispositivi per pazienti stomizzati ASL Bari attiva la consegna a domicilio di dispositivi per pazienti stomizzati Gli assistiti riceveranno gli ausili direttamente a casa in cinque giorni
Ruvo di Puglia resta Covid free per la terza settimana consecutiva Ruvo di Puglia resta Covid free per la terza settimana consecutiva Il report Asl su contagi e campagna vaccinale
Operatori sanitari non vaccinati, Asl sospende 57 dipendenti Operatori sanitari non vaccinati, Asl sospende 57 dipendenti Notificato provvedimento di interruzione della attività lavorativa
Rifiutano il vaccino, sospesi 11 operatori sanitari della ASL Bari Rifiutano il vaccino, sospesi 11 operatori sanitari della ASL Bari In corso 90 altre istruttorie verso dipendenti no vax
© 2001-2022 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.