I Carabinieri di Matera
I Carabinieri di Matera
Cronaca

Presa la banda dei furti d'auto, agivano anche a Ruvo di Puglia

14 i colpi accertati, arrestati dai Carabinieri di Matera due pregiudicati di Bitonto

Nella mattinata odierna, i Carabinieri della Compagnia di Matera, hanno tratto in arresto C.F., classe 1993 e S.M., classe 1994, entrambi originari di Bitonto, già noti alle forze dell'ordine.

I militari, coadiuvati nella fase esecutiva da quelli della Compagnia di Molfetta, al termine di una consistente attività d'indagine, coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Matera, Annunziata Cazzetta, tesa al contrasto dei furti di autovetture tra la città di Matera e la provincia di Bari, hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari di Matera, Angela Rosa Nettis.

I due soggetti, tra l'aprile 2018 ed ottobre scorso si sono resi responsabili di numerosi furti di autovetture e svariati tentativi andati a vuoto, rubando un totale di 14 veicoli. In particolare gli eventi delittuosi sono stati commessi tra i comuni di Matera e quelli di Bari, Altamura, Binetto, Terlizzi, Ruvo di Puglia, Mola di Bari e Giovinazzo.

Il 23enne ed il 24enne, in concorso tra loro ed in qualche caso anche con il sostegno di altri complici, nonostante la loro giovane età, hanno agito in maniera scaltra, secondo un modus operandi, ben consolidato e ciò non solo per la facilità con la quale hanno asportato i veicoli, ma anche per la scelta dell'attrezzatura per lo scasso e del luogo dove occultare la refurtiva.

Gli stessi, dopo aver scelto la zona da colpire, a bordo di un'autovettura a loro in uso, una volta individuata l'autovettura di interesse, dopo un'attenta perlustrazione, ben equipaggiati con chiavi e strumenti di effrazione vari (cacciaviti, chiavi varie ed altri arnesi) nonché un inibitore di segnali (utilizzato per bloccare il segnale gps degli antifurti satellitari dei veicoli che ne erano dotati) e una centralina decodificata (con la quale sbloccavano e riuscivano ad avviare il motore delle autovetture), si avvicinavano rapidamente alla macchina.

Poi, dopo aver forzato la portiera della stessa, avviato il motore, in maniera rapida e coordinata, si allontanavano dal luogo dei fatti, dirigendosi verso una zona di campagna periferica di Bitonto, difficilmente raggiungibile, dove, tra arbusti, rami di alberi e vegetazione fitta, occultavano la refurtiva. Le autovetture rubate, molto probabilmente, erano destinate soprattutto ad essere smontate al fine di alimentare il commercio illegale di pezzi di ricambio.

La consistente ed articolata indagine svolta dai Carabinieri dell'Aliquota Operativa della Compagnia di Matera, ha permesso di acquisire importanti elementi probatori refertati all'Autorità Giudiziaria che, condividendo a pieno le risultanze investigative, ha emesso il provvedimento restrittivo in questione.

Gli indagati, nelle prime ore della mattinata, rintracciati presso le rispettive abitazioni dai Carabinieri di Matera, dopo essere stati dichiarati in stato di arresto, al termine delle formalità di rito, sono stati condotti presso il carcere di Matera.
    © 2001-2018 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.