Una slot machine
Una slot machine
Cronaca

Sapar Puglia: «Gioco, dati fuorvianti demonizzano il settore»

La delegazione regionale replica all'inchiesta della società Gedi: «Dati errati, basati su un equivoco»

Dopo la presa di posizione dell'associazione Sapar, anche secondo la delegazione pugliese «occorre fare chiarezza sulla gestione dei dati forniti dalla società Gedi legata al Gruppo Espresso e consultabili sul portale "L'Italia delle slot" che hanno generato in questi giorni un massiccio battage mediatico».

«Gli stessi, a causa di un fondamentale equivoco - sempre secondo la Sapar - portano a conclusioni del tutto errate e quindi a un'onda emozionale non adeguata alla realtà dei fatti. Fornire agli utenti il dato unico delle giocate senza considerare il corretto bilanciamento delle vincite può fare la differenza nel rapporto online del Gruppo Gedi sui soldi che gli italiani spendono nel gioco tra Videolottery e Awp (comunemente dette slot machine)».

Come sottolinea la delegazione Puglia dell'associazione nazionale Sapar, si tratta di «un dato del tutto fuorviante, che tende unicamente a demonizzare un settore che annovera migliaia di lavoratori onesti. Per legge - ricorda la Sapar - le vincite sono per le videolottery intorno all'88% e per le Awp garantite almeno al 70% rispetto alle giocate.

Non è difficile dunque desumere che la somma pro-capite realmente spesa dal singolo utente è la differenza tra il giocato e le vincite. I dati pubblicati dalla piattaforma Gedi invece non sono oggettivi perché tengono conto solo del giocato e non delle vincite, e quindi frutto di una manipolazione poiché riportati a senso unico, con l'esclusivo scopo di sollevare inutili polveroni».

La delegazione sottolinea: «Secondo i dati forniti dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, la reale spesa in Puglia nell'anno 2016 per tutti i giochi terrestri, e quindi non solo Videolottery ed Awp, ma anche Lotto, Superenalotto, Gratta e Vinci e Scommesse, è pari a 1.089.000.000 euro (valore dato dalla differenza tra il totale giocato di 4.398.000.000 euro e il totale vinto di 3.309.000.000 euro).

Dividendo tale importo per la popolazione pugliese e per i giorni dell'anno, si ottiene una spesa pro-capite giornaliera di 73 centesimi di euro. Quali possono essere le ragioni che inducono a una scorretta informazione? A chi serve identificare il gioco legale come ludopatia? Perché snocciolare statistiche su utenti di Videolottery e Awp in cura ai Sert? Utenti che rappresentano, tra l'altro, una percentuale risibile di altre patologie da dipendenza.

Cresce il sospetto che qualcuno voglia accaparrarsi i fondi destinati dal Ministero della Salute per il contrasto al gioco patologico. Al contempo limitare l'offerta di gioco legale si traduce inevitabilmente nel proliferare di apparecchi illegali! Temiamo purtroppo che l'ombra delle mafie voglia allungarsi sul gioco legale».
  • Slot machine Ruvo di Puglia
Altri contenuti a tema
«148 milioni di euro giocati tra Molfetta, Ruvo, Giovinazzo e Terlizzi» «148 milioni di euro giocati tra Molfetta, Ruvo, Giovinazzo e Terlizzi» L'editoriale di Luce e Vita: «I risultati sono più che allarmanti ed evidenziano la presenza di un cancro, quello del gioco»
Giochi e scommesse, nel 2018 a Ruvo di Puglia spesi 25 milioni di euro Giochi e scommesse, nel 2018 a Ruvo di Puglia spesi 25 milioni di euro I dati arrivano dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che li ha raccolti nel Libro Blu 2018
L'Italia delle slot 2. Nel 2017 a Ruvo di Puglia bruciati 24,87 milioni di euro L'Italia delle slot 2. Nel 2017 a Ruvo di Puglia bruciati 24,87 milioni di euro In città si gioca di più alle slot (8,85 milioni), seguite dalle videolottery (7,09 milioni). Tutti i dati nell'inchiesta del Gruppo Gedi
Gioco d'azzardo, a Ruvo di Puglia bruciati oltre 12 milioni di euro Gioco d'azzardo, a Ruvo di Puglia bruciati oltre 12 milioni di euro I dati relativi al primo semestre del 2017. È come se ogni ruvese avesse puntato 489,15 euro
Slot machine: a Ruvo nel 2016 spesi 15,80 milioni di euro Slot machine: a Ruvo nel 2016 spesi 15,80 milioni di euro +9,9% rispetto al 2015. La spesa pro capite è stata di 620,70 euro: era di 563,10 euro nel 2015
© 2001-2019 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.