scontro treni
scontro treni
Cronaca

Scontro treni sulla Andria-Corato: a sbagliare non furono solo i capistazione

La procura di Trani fa il punto sulle indagini in corso

La strage ferroviaria del 12 luglio 2016 sulla linea Andria-Corato fu causata da "plurimi errori umani", forse compiuti "da più di tre" dipendenti della società Ferrotramviaria. A sostenerlo sono i pm della procura di Trani che indagano sul drammatico incidente che 11 mesi fa causò 23 morti (tra cui anche il giovanissimo ruvese Antonio Summo) e 50 feriti.

Oltre all'errore umano si valuta se all'incidente abbia contribuito il sistema "obsoleto e insicuro" del blocco telefonico Il sistema del blocco telefonico cui era affidata la sicurezza della linea, in base al quale i capistazione si scambiano dispacci per segnalare la partenza e l'arrivo dei treni, e' ritenuto dagli inquirenti talmente "obsoleto" da non essere più riconosciuto neanche come sistema di sicurezza. Ma quello che è ancor più grave - a giudizio degli inquirenti - è che l'utilizzo del 'blocco telefonico' è in contrasto con la normativa in vigore, che non lo ammette. Quindi, l'errore umano - è il ragionamento degli inquirenti - fu di più persone e non solo del solo capostazione di Andria, che avrebbe dato erroneamente il via al treno diretto verso Corato, che si è poi scontrato frontalmente sulla tratta a binario unico con il treno partito da Corato.

Oltre agli errori tecnici finora accertati gli inquirenti non escludono che vi siano altri livelli di responsabilità all'interno della Ferrotramviaria. Vengono infatti esaminati ruoli e responsabilità non solo di chi è nella catena di comando, ma anche di chi, all'epoca dei fatti, si occupava di formazione e aggiornamento del personale. Nell'inchiesta - coordinata dal procuratore reggente Francesco Giannella, e dai pm Pesce, Ruggiero e Catalano - sono indagate 13 persone e la società ferroviaria per i reati, contestati a vario titolo, di disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo e lesioni personali colpose plurime e omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. Ai dirigenti della società si contesta, inoltre, di aver contribuito a causare l'incidente, o meglio "di non averlo impedito", commettendo una serie di omissioni relative alla corretta informazione sulle norme che riguardano la sicurezza dei lavoratori e dei fruitori del servizio ferroviario.
  • Ferrotramviaria
  • strage treni
  • procura di trani
Altri contenuti a tema
Ferrotramviaria, cambio d'orario per alcune corse delle autolinee Ferrotramviaria, cambio d'orario per alcune corse delle autolinee Variazioni in conformità con le misure di prevenzione relative all'emergenza Covid-19
Ferrotramviaria, al via vaccinazione antinfluenzale volontaria per i dipendenti Ferrotramviaria, al via vaccinazione antinfluenzale volontaria per i dipendenti Per garantire la tutela della salute individuale in condizioni di sicurezza sanitaria
Ferrotramviaria, da lunedì ripristinato il servizio ferroviario Ferrotramviaria, da lunedì ripristinato il servizio ferroviario Tornano regolarmente attive le corse soppresse per lavori di manutenzione
Ferrotramviaria, ripartono le corse scolastiche delle autolinee Ferrotramviaria, ripartono le corse scolastiche delle autolinee Nuovi orari a partire dal 21 settembre
Ferrotramviaria, nuovi orari e treni soppressi nella tratta Ruvo-Terlizzi Ferrotramviaria, nuovi orari e treni soppressi nella tratta Ruvo-Terlizzi Variazioni valide fino a conclusione dei lavori di revisione all'infrastruttura
Allarme bomba alla stazione di Bari centrale, sospesa la circolazione di Ferrotramviaria Allarme bomba alla stazione di Bari centrale, sospesa la circolazione di Ferrotramviaria Sul posto sono intervenuti gli artificieri e la polfer per setacciare la zona alla ricerca di eventuali ordigni
Ex pm Savasta condannato a 10 anni Ex pm Savasta condannato a 10 anni Pene inferiori per il sostituto procuratore Scimé, l'immobiliarista D'Agostino, gli avvocati Sfrecola e Ragno
Cambiano ancora gli orari di Ferrotramviaria. Resta l'obbligo di mascherina Cambiano ancora gli orari di Ferrotramviaria. Resta l'obbligo di mascherina In vigore dall'8 luglio in ottemperanza da quanto disposto dall'ordinanza regionale
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.