Emergenza cinghiali
Emergenza cinghiali
Territorio

Cinghiali, cinque azioni per contenere l'emergenza

In campo il Parco dell'Alta Murgia, Anci, Federparchi, Ispra e Conferenza Stato Regioni

Con l'obiettivo di arginare l'emergenza cinghiali nel territorio murgiano, l'Ente Parco Nazionale dell'Alta Murgia ha illustrato questa mattina 5 azioni mirate di contenimento, che compongono una strategia concordata con Anci, Federparchi, Ispra e Conferenza Stato Regioni, centrata su una collaborazione attiva tra Enti Parco, Regione e associazioni. All'incontro, tenutosi nella sede del Parco di Gravina in Puglia, hanno partecipato Francesco Tarantini e Domenico Nicoletti, presidente e direttore PNAM, Maggiore Giuliano Palomba, comandante Reparto Carabinieri PNAM, Ottavio Lischio, rappresentante ARIF.

Le azioni prevedono in primis di accelerare la procedura di regolamentazione da parte delle Regioni delle aree contigue ai parchi, per esercitare la caccia nelle forme previste dalla legge n. 157/92 tramite una modulazione della pressione venatoria sul cinghiale in funzione delle popolazioni presenti nell'area protetta e nell'area contigua, e lo svolgimento della gestione venatoria per i residenti dell'area protetta, secondo regole, tecniche e tempi adeguati a un uso sostenibile delle popolazioni di cinghiale.

La strategia contempla in secondo luogo l'armonizzazione e il coordinamento adeguati degli interventi che si eseguono nelle aree protette e contigue, negli ambiti pubblici e privati di caccia, nel rispetto delle leggi in materia.

Terzo punto è l'adozione di azioni urgenti di contenimento della specie, sulla scorta delle buone pratiche adottate nelle altre aree protette italiane, da armonizzare in rapporto alle caratteristiche dei territori.

Il quarto punto chiama in causa gli agricoltori – vittime dei maggiori danni – da coinvolgere nell'individuazione, segnalazione ed eventuale cattura, attraverso intese contenute nella legge di orientamento in agricoltura per i servizi al territorio.

L'ultima azione prevede l'impegno delle Regioni a istituire accordi con le aree protette, per l'attivazione di filiere corte volte alla valorizzazione e certificazione delle carni da cinghiale nella ristorazione e trasformazione locale, con la certificazione delle ASL e dei nuovi modelli di macellazione che permettano di contenere gli effetti legati alle condizioni post cattura e/o uccisione.

«Tra le priorità del parco c'è il rafforzare le azioni di contenimento dell'emergenza cinghiali - ha dichiarato Francesco Tarantini, presidente dell'Ente Parco - con una gestione integrata che prevede non solo l'implementazione delle azioni di cattura, ma anche una programmazione con le associazioni venatorie per l'attivazione del selecontrollo nelle aree contigue dell'Alta Murgia. Siamo dinanzi a un problema complesso per il quale è necessario il coinvolgimento della Regione e delle altre aree protette regionali e nazionali».
  • parco alta murgia
Altri contenuti a tema
Con l'ok del Governo Francesco Tarantini è ufficialmente il presidente del Parco Con l'ok del Governo Francesco Tarantini è ufficialmente il presidente del Parco Legambiente Puglia: «Segno di riconoscimento per tutti noi»
Piano antincendio boschivo, il Parco dialoga con agricoltori e allevatori Piano antincendio boschivo, il Parco dialoga con agricoltori e allevatori L'area del parco è monitorata con telecamere e torri di avvistamento
Parco dell'Alta Murgia riparta dal rilancio della sua natura Parco dell'Alta Murgia riparta dal rilancio della sua natura Il commento della sen. Assuntela Messina, componente della commissione Ambiente, Territorio, Beni Ambientali
Parco Nazionale dell'Alta Murgia, esempio emblematico di parco rurale Parco Nazionale dell'Alta Murgia, esempio emblematico di parco rurale CREA - Rete Rurale Nazionale e Legambiente Aree Protette lo hanno scelto come “caso studio”
Trenta studenti del progetto Erasmus+ al Parco Nazionale dell’Alta Murgia Trenta studenti del progetto Erasmus+ al Parco Nazionale dell’Alta Murgia I ragazzi hanno raccolto rifiuti nelle campagne per sensibilizzare la comunità locale a una maggiore responsabilità
Domani la Giornata Europea dei Parchi: «In bici nelle aree protette» Domani la Giornata Europea dei Parchi: «In bici nelle aree protette» A Castel del Monte un tavolo di lavoro sulla mobilità lenta nei parchi
Si discute di impreditorialità turistica in Puglia, con i docenti Domenico Nicoletti e Gianluigi Cesari Si discute di impreditorialità turistica in Puglia, con i docenti Domenico Nicoletti e Gianluigi Cesari Proseguono le lezioni del Corso ITS: "Tecnico Superiore per le strategie di sviluppo sostenibile e gestione digitale e reale dell'imprenditorialità turistica"
Censimento cinghiali nel Parco, ecco come partecipare Censimento cinghiali nel Parco, ecco come partecipare Il censimento sarà fatto nei giorni 19-20-21-22 febbraio 2019
© 2001-2019 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.