Siccità
Siccità
Attualità

Clima torrido e persistente siccità, Cia Puglia chiede stato di calamità

Cia agricoltori italiani della Puglia evidenzia i gravi danni all’agricoltura pugliese

«Il clima torrido e la persistente siccità stanno provocando gravissimi danni all'agricoltura pugliese, che vanno ad aggiungersi a quelli causati dalle gelate di aprile». Cia agricoltori italiani della Puglia chiede il riconoscimento dello stato di calamità. Il settore, già in difficoltà per svariati motivi, rischia di subire un altro colpo pesantissimo dal quale sarà davvero difficile rialzarsi. Addirittura alcuni agricoltori stanno decidendo di non trebbiare, a causa della scarsa raccolta di prodotto che non consentirebbe di recuperarne i costi.

«La situazione è allarmante – commenta Raffaele Carrabba, presidente Cia Puglia – perché la mancanza di acqua sta provocando un forte abbattimento del reddito delle imprese agricole e un'elevata perdita di economia indotta. Si registra, infatti, una drastica diminuzione delle giornate lavorative, ma anche una decisa contrazione della spesa a monte e a valle del settore primario.

«Nelle nostre zone svantaggiate – aggiunge il presidente – gli agricoltori sono sempre andati avanti con determinazione ma ormai vedono compromesse le loro attività. Chiediamo alla Regione di fare quanto possibile, anche nei confronti del Governo nazionale e dell'Unione europea, per limitare i danni di una stagione avversa e per attivare tutti quegli strumenti, come il riconoscimento della calamità naturale, che possono almeno attenuare i suoi effetti».

Sono drammatici gli effetti della tropicalizzazione del clima che azzera gli sforzi degli agricoltori che perdono produzione e al contempo subiscono l'aumento dei costi a causa delle necessarie risemine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante. Gli imprenditori si trovano ad affrontare fenomeni controversi, dove in poche ore si alternano eccezionali ondate di maltempo a caldo fuori stagione.

​La Puglia convive ormai con un vero e proprio paradosso idrico: da un lato è dilaniata da annosi fenomeni siccitosi, dall'altro è colpita da alluvioni e piogge torrenziali, con l'aggravante che l'acqua non viene riutilizzata a fini irrigui, a causa della carenza e mancanza di infrastrutture adeguate. D'altro canto, il clima impazzito, ormai una costante, determina la maturazione precoce dei prodotti agricoli.
  • CIA agricoltura
Altri contenuti a tema
Aziende agricole a rischio fallimento, CIA: "Urge credito, tagliati 59milioni di euro" Aziende agricole a rischio fallimento, CIA: "Urge credito, tagliati 59milioni di euro" La legge di Bilancio rappresenta un segnale di attenzione ma non è sufficiente
Puglia olivicola in crisi, CIA: “Tavolo regionale per misure urgenti” Puglia olivicola in crisi, CIA: “Tavolo regionale per misure urgenti” Evidenziati prezzi bassi ma alti costi, scarsa manodopera e problematiche climatiche e strutturali
Cia Puglia: “Meno burocrazia, più finanziamenti alle aziende agricole” Cia Puglia: “Meno burocrazia, più finanziamenti alle aziende agricole” Chiesto incontro con Pentassuglia per fare il punto su PSR, lotta alla Xylella, sburocratizzazione, rilancio comparto
Siccità, CIA Puglia: "Regione chieda lo Stato di Calamità" Siccità, CIA Puglia: "Regione chieda lo Stato di Calamità" Diciannovemila apicoltori pugliesi chiedono interventi e sostegno, le api custodi di biodiversità
Puglia agricola, CIA denuncia: "Costi di produzione insostenibili" Puglia agricola, CIA denuncia: "Costi di produzione insostenibili" In difficoltà tutti i settori, le incognite per la stagione dell’uva e quella olivicola
Florovivaismo, rinnovato il contratto degli operai. Cia: «Garantire dignità del lavoro» Florovivaismo, rinnovato il contratto degli operai. Cia: «Garantire dignità del lavoro» Soddisfazione delle organizzazioni Agricole Bari-Bat
Allarme cinghiali, distrutti ettari di coltivazioni, Cia Puglia: «Situazione fuori controllo» Allarme cinghiali, distrutti ettari di coltivazioni, Cia Puglia: «Situazione fuori controllo» Nell’Alta Murgia circa 4000 esemplari liberi: migliaia di euro di danni. Oggi protesta a Montecitorio
Cia Puglia e LACO contro le multinazionali dell’uva da tavola senza semi Cia Puglia e LACO contro le multinazionali dell’uva da tavola senza semi  AGCOM certifica la fondatezza delle contestazioni ma non applica la sanzione. «La battaglia è appena iniziata»
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.