chiesa santi medici
chiesa santi medici
Religioni

La Messa sta per cambiare, da domani il nuovo Padre Nostro

Il versetto della preghiera "non indurci in tentazione" diventa "non abbandonarci alla tentazione"

Ultima domenica, quella della scorsa settimana, in cui a Messa si è recitato il Padre Nostro come lo conosciamo da sempre. Da domani, domenica 29 novembre, con l'inizio dell'Avvento, entra in vigore nella maggior parte delle Diocesi italiane il nuovo Messale. Per le altre ci sarà comunque tempo per entrare a regime con le nuove formule entro Pasqua 2021.

Via dunque, dalla preghiera più famosa del mondo il versetto "non indurci in tentazione" che diventa "non abbandonarci alla tentazione".

Una modifica che riguarda sostanzialmente la traduzione dal testo originale in greco antico. Fortemente sollecitata da Papa Francesco, la nuova versione è già stata adottata anche da altre conferenze episcopali nelle loro rispettive lingue.

Intanto, in vista del Natale, potrebbe esserci un nuovo protocollo per la Messa più sentita (e affollata) dell'anno. Cts e Cei potrebbero stilare delle indicazioni, dall'orario alle presenze, dai cori alle processioni. Tra i nodi da sciogliere, per esempio, quello dell'orario con un possibile allungamento di un'ora o due, per la sera del 24 dicembre, del 'coprifuoco' (oggi alle 22), per garantire la partecipazione alla Messa di 'mezzanotte'. Dovrebbe essere rigido il controllo degli ingressi, rispettando il numero massimo di quanti possono stare in una chiesa garantendo a tutti il distanziamento sociale. Così come indicazioni potrebbero arrivare per le persone che possono stare sull'altare e per i coristi.
  • Conferenza Episcopale Pugliese
Altri contenuti a tema
Religione a scuola, CEI: «Una scelta di formazione e crescita» Religione a scuola, CEI: «Una scelta di formazione e crescita» Gli studenti chiamati a decidere entro il 25 gennaio se avvalersi o meno dell’insegnamento della religione
Stretta sul Natale, CEI: «Ammesse celebrazioni e visite a luoghi di culto» Stretta sul Natale, CEI: «Ammesse celebrazioni e visite a luoghi di culto» Le indicazioni per i fedeli nei giorni in cui vigono le restrizioni
Coronavirus, 30mila euro alla sanità pugliese dai Vescovi di Puglia Coronavirus, 30mila euro alla sanità pugliese dai Vescovi di Puglia Il contributo della Conferenza Episcopale per le terapie intensive e gli ospedali ecclesiastici
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.