saverio tammacco
saverio tammacco
Eventi e cultura

Le campagne di Ruvo set per il film di Michele Pinto. Sarà trasmesso su Amazon Prime.

L'ultimo ciak prima di Pasqua

Il noto regista Michele Pinto si prepara a chiudere l'ultima sua opera cinematrografica "Abulivia" tra gli ulivi della sua terra. L'ultimo ciak sarà girato prima di Pasqua proprio nelle campagne ruvesi.

"Abulivia" sarà un cortometraggio (ma è prevista anche una web serie) dedicato proprio alla Puglia, agli ulivi e all'olio, in linea con quell'approccio artistico di Pinto da sempre contraddistinto dall'attualità e dalla cultura della propria terra, dall'amore viscerale per la sua Puglia e l'attenzione nel raccontarla, valorizzarla, rendendola protagonista.

Il film - che sarà trasmesso sul circuito Amazon Prime - nasce da una collaborazione tra il regista ruvese e l'autore e regista molfettese Francesco Tammacco. "Abulivia" è infatti uno spettacolo teatrale scritto da quest'ultimo nel 2004 e, sin dal suo titolo, rievoca il forte legame con la terra di Puglia e con gli ulivi che la rappresentano nel mondo: "Ab-uli-via" è infatti una sorta di neologismo ideato dallo stesso Tammacco a significare "via dagli ulivi". Nel cast ci sono Felice Altomare, maestro indiscusso nell'ambito teatrale, Rosa Tarantino, lo stesso Francesco Tammacco con al suo fianco, per la prima volta sullo schermo, sua figlia, la piccola Francesca. Da segnalare l'interpretazione della ballerina Anna Ilaria Davvanzo e le suggestive musiche originali composte da Federico Ancona.

Prodotto da Morpheus Ego e della compagnia teatrale Carro dei Comici, il film ruota attorno ad un ulivo e ad alcuni giovani del Sud, dalle condizioni più varie, costretti ad emigrare tra precarietà e incertezze. Le prime riprese, iniziate a ottobre scorso, sono state girate nella sede di Serra Petrullo della Fondazione "Angelo Cesareo" di Ruvo di Puglia, uno dei diversi enti che stanno supportando il progetto.

«Il 16 aprile abbiamo l'ultima giornata di riprese» anticipa Pinto a RuvoViva. «Si tratta di un lavoro molto poetico che parla dell'olio, il vero oro pugliese, della sua ricchezza e delle opportunità culturali che è capace di offrire soprattutto ai giovani, troppo spesso costretti a emigrare verso il Nord. Attraverso quest'opera - sottolinea Pinto - facciamo della denuncia sociale, nel tentativo di voler invertire la rotta delle migrazioni giovanili: ci piace pensare che i tanti talenti della Puglia possano tornare qui nella loro terra e scoprire le sue vere ricchezze».
WhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image atWhatsApp Image at
  • Michele Pinto
Altri contenuti a tema
Il regista ruvese Michele Pinto organizza a Lecce il festival internazionale del cinema digitale indipendente Il regista ruvese Michele Pinto organizza a Lecce il festival internazionale del cinema digitale indipendente Sono ben 193 le opere filmiche multimediali iscritte al concorso
Ancora un premio per il cinema ruvese: il corto di Michele Pinto vince il premio per il miglior montaggio Ancora un premio per il cinema ruvese: il corto di Michele Pinto vince il premio per il miglior montaggio Il regista ruvese protagonista al nella sezione webserie della quarta edizione del Tuscany Web Fest
Un metodo di insegnamento diventa un film diretto dal ruvese Michele Pinto Un metodo di insegnamento diventa un film diretto dal ruvese Michele Pinto Sugli schermi l’innovativa metodologia didattica del Globalismo Affettivo
"Figli di madre terra" porta gli ulivi di Puglia all'Olio Officina Festival di Milano "Figli di madre terra" porta gli ulivi di Puglia all'Olio Officina Festival di Milano Il cortometraggio di sensibilizzazione diretto da Michele Pinto e scritto da Francesco Martinelli, con le musiche di Antonio Molinini
L'India incorona Michele Pinto miglior regista di serie sci-fi L'India incorona Michele Pinto miglior regista di serie sci-fi La webserie "Project M" conquista il Reels International Film Festival
L'arte di Michele Pinto conquista Napoli, premiata la webserie "Project M" L'arte di Michele Pinto conquista Napoli, premiata la webserie "Project M" Menzione speciale della giuria del Premio Shinema per il lavoro sui diritti umani scritto da Francesco Tammacco
“Project M” di Michele Pinto conquista la Colombia: è miglior webserie internazionale di fantascienza “Project M” di Michele Pinto conquista la Colombia: è miglior webserie internazionale di fantascienza Il Cali Web Fest 2021 premia la webserie diretta dal regista ruvese e scritta da Francesco Tammacco
Michele Pinto torna a raccontare il Sud, iniziate le riprese di “Abulivia” Michele Pinto torna a raccontare il Sud, iniziate le riprese di “Abulivia” Adattamento cinematografico dello spettacolo teatrale di Francesco Tammacco con protagonista Felice Altomare
© 2001-2022 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.