Felice Spaccavento
Felice Spaccavento
Territorio

Ospedale unico del Nord Barese, Spaccavento lascia: «Voglio credere che non abbiamo solo sognato»

Il medico protesta per il mancato rispetto degli impegni presi

Il dr. Spaccavento lascia il Progetto Ospedale Unico per protesta contro le lungaggini e il mancato rispetto degli impegni presi.

Le motivazioni sono espresse in una lunga nota firmata dal medico molfettese tra i protagonisti della storica firma della "Carta di Ruvo" che avrebbe sancito una vera e propria rivoluzione per la sanità del nord barese.

Questa la nota scritta dal dott. Spaccavento.


Come ho annunciato, essendo passato anche luglio senza che la decisione sia presa, confermo la mia decisione di abbandonare la responsabilità del Progetto Ospedale Unico.
Rimango ovviamente convinto della assoluta validità del Progetto, unica soluzione possibile per evitare il dissanguamento sanitario di questo meraviglioso Territorio.
Ma devo trarre le necessarie conclusioni da questa attesa ormai quasi biennale, che oggi non ha neanche più le motivazioni del recente passato, come le campagne elettorali, da cui siamo giustamente restati fuori.

Il momento è perfetto. Il progetto è perfetto. Il clima partecipativo è perfetto.

Eppure non si decide.

Devo quindi prendere atto che sono in gioco fattori a me e a noi ignoti, capaci di fermare un lungo e meraviglioso processo democratico, di scelta e partecipazione informata dal basso.
Pensavamo che la Carta di Ruvo potesse essere il manifesto di questo clima nuovo.

Che la realizzazione dell'Ospedale Unico sarebbe stata una pietra miliare e in fondo solo il primo passo di questo nuovo processo decisionale nuovo, confortante, condiviso, esaltante.
L'entusiasmo dello stesso Presidente Michele Emiliano ce lo confermava.
Forse ci siamo sbagliati. Forse siamo stati troppo idealisti. Forse abbiamo sperato ciò che non si deve sperare, in una terra condannata alla disperazione...
O forse sono intervenuti fattori a noi ignoti, che hanno costretto e costringono il Presidente a questa lunga e ormai opaca e incomprensibile stasi.
Fatto sta che che ancora una volta c'è qualcosa che riesce a frenare ancora una volta tutto quanto.
Ma noi non siamo qui per ogni stagione, e la misura ormai è colma.
Abbiamo firmato col presidente Emiliano la Carta di Ruvo e l'abbiamo rigorosamente e fermamente rispettata.

Ci aspettavamo e ci aspettiamo che questo valga per tutti i contraenti e non abbiamo perso la speranza che la autorevole controparte mantenga la sua parte di impegno.
Ma tutto deve avere un fine e un limite, e il mio è arrivato.
In questo due anni ho dovuto subire di tutto, attacchi professionali e persino personali, dettati magari da invidia, cattiveria, ignoranza - eppure resi possibili proprio da queste lungaggini, che ostacolavano noi, ma fornivano il pretesto a gente di bassa lega umana e culturale per attacchi di lega bassissima.
Ho sopportato tutto per il fine più alto dell'Ospedale Unico, per avere finalmente sul nostro Territorio un presidio all'altezza del servizio che deve svolgere.

Ma un presidio DEFINITIVO, dove che sia la sede scelta. Non temporaneo come è scritto nel Piano di riordino. Non pannicelli caldi. Perché la situazione è drammatica. Urgono soluzioni serie e di lungo periodo.

Perché garantire la Salute è un servizio laicamente sacro, reso oggi difficilissimo da strutture tutte inadeguate che, senza fondersi presto in un Ospedale Unico, sono tutte condannate a morire.
Questo lo abbiamo detto e ridetto e oggi non posso che confermarlo.
Ho sinceramente creduto che dal basso, organizzandosi, informando, dando corpo e sangue al concetto astratto di Democrazia e al Diritto alla Salute sancito dall'articolo 32 della nostra Costituzione, si potessero cambiare le cose.
Voglio ancora credere che sia così. E l'unica cosa che posso ancora fare è togliere l'ingombro della mia persona, se questo può aiutare la causa comune, in modo che tacciano almeno le stupide voci che spettegolano su chissà quale mio interesse personale di carriera o chissà che altro.
Il mio unico interesse, l'ho sempre detto, è fare il medico. Farlo al massimo della passione e dell'umanità.
Ma farlo anche in una Struttura che sia non solo in pari con gli obblighi di legge (cosa che oggi spesso non è), ma soprattutto in pari col diritto di ogni Cittadino ad essere curato nel miglior modo possibile, con tutti i reparti e le attrezzature in grado di coprire ogni necessità.
Questo oggi ancora non è possibile, nonostante lo sforzo e a volte l'eroismo di medici e personale.
È una situazione inaccettabile e io sento il dovere di fare un ultimo segnale forte, riprendendomi nel frattempo la mia vita, la mia privacy e i malati che sono il sale della mia vita professionale.
È giunto il momento che torni a occuparmi solo di loro, lasciando il piano decisionale a chi ha comunque la responsabilità di garantire ADEGUATAMENTE la Salute di questo Territorio così popolato, ricco di storia e cultura, ma sanitariamente povero e disarmato.
La guerra alle malattie e alle urgenze con le armi caricate a salve o senz'armi del tutto, non la possiamo più fare.
Lascio pertanto la direzione del Progetto per poter recuperare la mia serenità, mettere fine a pettegolezzi e attacchi stupidi (e suicidi, se sapessero davvero di che parlano) per tornare completamente alla mia vita di Medico.
Ringrazio il Presidente Emiliano per questa opportunità che, finché è durata, è stata meravigliosa.
E gli auguro, e auguro a tutti noi, che ritrovi la forza e il piglio decisionale mostrato a Ruvo e in tanti altri incontri.

Ora, Presidente, tutto è nelle sue mani. La vita e la morte, la salute e la malattia di questo Territorio magnifico.
Abbia cura di questi 200mila pugliesi il cui unico torto è essere nati a qualche decina di chilometri dalle brame di chi vede questo Territorio solo come una preda da sbranare e di cui dividersi le gloriose spoglie.
Grazie anche a tutti fantastici componenti dello staff Ospedale Unico: senza di voi non ce l'avrei fatta ad arrivare fin qui.
E grazie a tutti i Cittadini, donne e uomini che ci hanno seguito e aiutato.
Tantissimi. Ben consci di un problema la cui estensione e la cui gravità rischiano di compromettere gravemente la Salute non solo per noi, ma per i nostri figli.
Io ho fatto quello che potevo. Spero che la mia uscita di scena possa aiutare la pubblica consapevolezza, che è sempre la chiave del vero cambiamento, come abbiamo dimostrato a Ruvo, ormai tanto tempo fa.
Da lì bisogna ripartire. Lì bisogna avere il coraggio di tornare.
Grazie a tutti. È stato davvero bello e voglio credere che non abbiamo solo sognato.
  • ospedale del nord barese
Altri contenuti a tema
Ospedale del Nord Barese, c'è la data dell'incontro tra Emiliano e Gemmato Ospedale del Nord Barese, c'è la data dell'incontro tra Emiliano e Gemmato Il Governatore incontrerà il primo cittadino della città dei fiori
Ospedale del Nord Barese, il Forum chiama all'appello i cittadini Ospedale del Nord Barese, il Forum chiama all'appello i cittadini Riprendono le attività del comitato per la realizzazione del progetto
Spaccavento incontra Emiliano: «L'ospedale del Nord Barese si farà» Spaccavento incontra Emiliano: «L'ospedale del Nord Barese si farà» E ancora: «Il pronto soccorso di Terlizzi non chiuderà»
Ospedale Unico del Nord Barese. Conca: “Senza un cambiamento del sistema sanitario, si illudono i cittadini” Ospedale Unico del Nord Barese. Conca: “Senza un cambiamento del sistema sanitario, si illudono i cittadini” La nota del consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle
1 Ospedale del Nord Barese, il PD: «Si recuperino le conclusioni della Carta di Ruvo» Ospedale del Nord Barese, il PD: «Si recuperino le conclusioni della Carta di Ruvo» I segretari di circolo di 6 comuni chiedono l'intervento della segreteria regionale del Partito
1 Ospedale del Nord Barese, «Subito commissione tecnica e messa in sicurezza degli ospedali» Ospedale del Nord Barese, «Subito commissione tecnica e messa in sicurezza degli ospedali» Ieri a Terlizzi il vertice tra Gemmato e Comitato per l'ospedale unico
Ospedale Nordbarese, Gemmato a Emiliano: «Ora faccia chiarezza» Ospedale Nordbarese, Gemmato a Emiliano: «Ora faccia chiarezza» Mancano pochi mesi alla scadenza del Piano di riordino ospedaliero
Ospedale del Nord Barese, Emiliano stamattina visiterà l'ospedale Sarcone Ospedale del Nord Barese, Emiliano stamattina visiterà l'ospedale Sarcone Alle 12, a Palazzo Caputi a Ruvo, Emiliano incontrerà la stampa dopo avere visitato tre ospedali nell'ordine: Molfetta, Terlizzi e  Corato
© 2001-2018 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.