Polizia postale
Polizia postale
Attualità

Pedopornografia e cyberbullismo: aumentano i reati

Il bilancio della Polizia Postale

La Polizia Postale in prima linea contro i crimini della rete.

L'evoluzione tecnologica, che ha influenzato il vivere quotidiano, ha creato un aumento dei crimini a carattere digitale e la Polizia postale, con un resoconto delle attività dell'anno appena trascorso, ha evidenziato come pedopornografia, truffe on – line, stalking, molestie sui social network, minacce e trattamento illecito di dati personali siano risultati essere i crimini più comuni.

Complici le ore che i ragazzi passano da soli difronte al Pc e fragilità psico-emotiva dei minori, che creano anche episodi di istigazione all'autolesionismo e bullismo digitale, si è riscontrata un'importante crescita del numero di minorenni vittime di reati contro la persona. Sul territorio nazionale, dai 104 casi registrati nel 2016 si è passati a 177 nel 2017 e 202 casi trattati nel 2018. Le vittime hanno tutte unetà compresa tra i 14 e i 17 anni.

Dal gennaio 2018 ad oggi sono state denunciate complessivamente 955 persone e 8 sono state tratte in arresto, per aver commesso estorsioni a sfondo sessuale, stalking, molestie sui social network, minacce e trattamento illecito di dati personali.

In costante aumento anche le diffamazioni on line, soprattutto ai danni di persone che ricoprono incarichi istituzionali o che sono note. In questo ambito, nel 2018, sono state denunciate 685 persone sul territorio nazionale.

Anche le truffe on-line hanno registrato un aumento. Fenomeni di Phishing e frodi assicurative hanno colpito quasi 160 mila utenti della rete. Nel 2018, grazie alle nuove tecnologie e metodi di monitoraggio, sono stati recuperati e restituiti circa 9 milioni, con una conseguente denuncia di 133 truffatori.

Grande importanza ha avuto anche la lotta al Cyber Terrorismo, con particolare riferimento al monitoraggio del web, quale principale strumento di strategia mediatica di propagazione del terrorismo di matrice jihadista in rete.

La Polizia Postale e delle Comunicazioni è inoltre impegnata, ormai da diversi anni, in campagne di sensibilizzazione e prevenzione sui rischi e pericoli connessi all'utilizzo della rete internet, rivolte soprattutto alle giovani generazioni.
  • Polizia postale
Altri contenuti a tema
Allerta in rete, la Polizia Postale: «Attenzione alle false citazioni in Tribunale» Allerta in rete, la Polizia Postale: «Attenzione alle false citazioni in Tribunale» Lo Sportello dei Diritti invita a seguire i consigli della Polizia Postale
Truffe online. Attenzione alla falsa vendita di biglietti per concerti e spettacoli Truffe online. Attenzione alla falsa vendita di biglietti per concerti e spettacoli Le raccomandazioni della Polizia Postale rilanciate da Giovanni D'Agata, presidente dello Sportello dei Diritti
Estate: da Polizia Postale e Airbnb i consigli anti-truffa per prenotare la casa vacanza Estate: da Polizia Postale e Airbnb i consigli anti-truffa per prenotare la casa vacanza Dal cervello in fuga al tecnico informatico: i profili dei truffatori a caccia della caparra
Shopping natalizio online: i consigli della Polizia Postale Shopping natalizio online: i consigli della Polizia Postale Dall'esperienza acquisita, una guida con consigli pratici e suggerimenti per acquistare in rete con tranquillità
Pedopornografia, sgominata una rete di scambi di materiale anche a pagamento Pedopornografia, sgominata una rete di scambi di materiale anche a pagamento L'operazione della Polizia Postale è coordinata dalla Procura di Bari
Crimini del web, nel 2015 diciottomila siti monitorati e tre milioni di euro recuperati Crimini del web, nel 2015 diciottomila siti monitorati e tre milioni di euro recuperati Il progetto 'Una vita social' della polizia postale nel 2016 arriverà in Puglia
© 2001-2022 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.