isolamento
isolamento

Covid, una lettrice: «Noi abbandonati in isolamento. La Asl non si è interessata di noi»

Lo sfogo di una ruvese che chiede di restare anonima

La testimonianza che riportiamo è di una lettrice ruvese, che chiede di restare anonima. Si tratta di una delle tante persone costrette all'isolamento per le disposizioni anticovid. Una denuncia di inefficienza del sistema sanitario pubblico.

È passato un anno dallo sviluppo e dall'evoluzione dell'emergenza Covid-19 e fino ad ora abbiamo quotidianamente appreso notizie di quelli che sono i sintomi più comuni dell'infezione, delle regole da rispettare, dei casi positivi giornalieri, del numero di tamponi effettuati, ma raramente si è parlato dell'esodo che molte persone positive sono state costrette ad affrontare durante l'effettivo isolamento: una spiacevole situazione che gradualmente ha generato sfiducia nel Governo, nell'ASL e in tutti coloro che stanno cercando di gestire tale emergenza.

Se provassimo a digitare su Google "non sono stata ancora contatta dall'ASL dopo 21 giorni di isolamento", "chi posso contattare per avere notizie sulle tempistiche per l'esecuzione del tampone?", potremmo ritrovarci di fronte a migliaia di notizie su positivi dimenticati dal Sistema Sanitario nelle proprie case ad attendere una chiamata, a quanto pare, mai arrivata. Questo è ciò che è successo ad alcune famiglie ruvesi che si sono ritrovate catapultate nella propria casa, per numerosi giorni in attesa del primo o del secondo tampone; persone che nonostante i numerosi tentativi di chiamata e di e-mail all'ASL, al 1500, al S.I.S.P. non hanno ricevuto altro che il silenzio totale o forme di disinteresse, umiliazione andando nettamente ad aggravare quello che è lo stato psicologico e di salute dei soggetti stessi.

È stato necessario riferire a chi di dovere si occupa dell'emergenza nella cittadina ruvese la totale assenza e mancanza di rispetto da parte di organi superiori per la programmazione dei tamponi oltre alle continue sollecitazioni da parte del proprio medico di base e non solo. C'è di fatto che una di queste famiglie, dopo 50 giorni di isolamento in attesa del test molecolare, è riuscita dietro la propria forza e volontà ad abbattere i limiti imposti dal decreto e a chiedere i propri diritti dopo aver rispettato i doveri senza dimenticare che all'interno dello stesso periodo, membri appartenenti al nucleo, positivi e soggetti a complicanze, sono stati rifiutati e umiliati presso i pronto soccorso Covid dopo lunghe attese e chiamate al 118.

È mai possibile che di fronte ad un evento drammatico e globale, il funzionamento delle organizzazioni sia così inefficiente? Se in questo caso ci troviamo di fronte a famiglie che hanno trovato la forza di reagire, pensiamo a chi è fragile, solo e incapace, come sarebbe uscito da una situazione tale?
La rabbia vuole lasciare posto alla speranza, una speranza volta a credere nelle istituzioni, a pensare che errori come questi non devono assolutamente accadere più perché è in gioco la vita di ognuno di noi, perché solo con il senso del dovere da parte di tutta l'umanità si può riuscire a gestire l'emergenza in attesa della rinascita.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Covid Puglia, 18 ricoverati nelle terapie intensive Covid Puglia, 18 ricoverati nelle terapie intensive Nuove positività sotto l'1% dei test effettuati nelle ultime ore
Covid in Puglia, il numero dei ricoverati scende ancora: sono 185 Covid in Puglia, il numero dei ricoverati scende ancora: sono 185 Oltre mille nuove positività nell'ultima settimana ma alla stragrande maggioranza dei contagiati è sufficiente l'isolamento domiciliare
Covid, 186 nuovi casi positivi in Puglia Covid, 186 nuovi casi positivi in Puglia 190 persone sono ricoverati negli ospedali, 19 delle quali in terapia intensiva
Nuovo calo di ospedalizzati e attualmente positivi al Covid in Puglia Nuovo calo di ospedalizzati e attualmente positivi al Covid in Puglia Indice di contagio poco superiore all'1% nei test delle ultime ore
Covid, Ruvo fra i comuni del barese con più alto tasso di contagio Covid, Ruvo fra i comuni del barese con più alto tasso di contagio Quattro volte più elevato rispetto alla settimana precedente
Scende di nuovo sotto quota 200 il numero di ricoverati per Covid in Puglia Scende di nuovo sotto quota 200 il numero di ricoverati per Covid in Puglia Ma l'11% degli attualmente ospedalizzati è in terapia intensiva
Covid in Puglia, scende vistosamente il dato dei ricoverati Covid in Puglia, scende vistosamente il dato dei ricoverati Poco più di 3mila gli attualmente positivi
Covid Puglia: scendono gli attualmente positivi, salgono i ricoverati Covid Puglia: scendono gli attualmente positivi, salgono i ricoverati I contagi sui nuovi tamponi sotto l'1%
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.