Infermiere
Infermiere
Attualità

Assistenza domiciliare, Cgil chiede un confronto alla Regione

Con l'intesa Stato-Regioni a disposizione 4 miliardi di euro del Piano di ripresa e resilienza

L'intesa firmata tra Stato e Regioni che ha messo a disposizione 4 miliardi di euro dal Piano di ripresa e resilienza per le cure domiciliari, e ha definito un protocollo che affida tutta la gestione alle Regioni, è una buona notizia purché si attivino al più presto tavoli di confronto a livello territoriale per programmare al meglio un servizio fondamentale per migliaia di cittadini pugliesi, non autosufficienti o affetti da gravi patologie.

È il commento del segretario generale della Cgil Puglia, Pino Gesmundo.

Un servizio essenziale per sostenere le persone destinatarie dell'assistenza domiciliare e le loro famiglie, utile anche per evitare ospedalizzazioni non necessarie e che appesantiscono le strutture sanitarie. Un servizio che in Puglia è assicurato solo al 2% degli anziani e che nella fase dell'emergenza pandemica si è praticamente azzerato. Parliamo di assistenza infermieristica, visite specialistiche, esami, fisioterapia e riabilitazione che interessano persone affette da malattie croniche o chi ha necessità a seguito di privazione temporanea.

Chiediamo alla Regione di riprendere quanto prima il tavolo di confronto socio sanitario anche alla luce dell'intesa Stato-Regioni e affrontare il tema dell'Adi. Anche perché nell'accordo si prevedono anche i requisiti per l'accreditamento di privati e vorremmo evitare che nell'aggiudicazione del servizio a qualcuno possa venire in mente di scaricare i costi d'impresa sul lavoro e le professionalità necessarie per svolgere questo delicato e fondamentale strumento di assistenza sanitaria. Vanno rispettati i contratti collettivi di settore, le figure professionali adibite e tutte le specifiche connesse alla particolarità del servizio. Anche a garanzia della qualità dell'intervento che andrà assicurato ai pazienti. Motivo per cui sollecitiamo la Regione Puglia a un confronto urgente, conclude il segretario generale della Cgil Puglia.
  • Cgil
Altri contenuti a tema
Aggressione Cgil, solidarietà dal CDAL: "No ad ogni espressione di fascismo" Aggressione Cgil, solidarietà dal CDAL: "No ad ogni espressione di fascismo" La nota della Consulta diocesana delle Aggregazioni Laicali della diocesi
Assalto alla CGIL, oggi aperta per solidarietà la sede di Ruvo di Puglia Assalto alla CGIL, oggi aperta per solidarietà la sede di Ruvo di Puglia Il sindaco Chieco: "Resistere alla violenza di chiara ispirazione fascista è un dovere per noi tutti"
Scuole in Dad, Cgil: «Necessari congedi Covid per i genitori» Scuole in Dad, Cgil: «Necessari congedi Covid per i genitori» Richiesto un incontro urgente con le categorie datoriali Confindustria, Confcommercio, Legacoop, Confartigianato
DaD per triennio superiori, FLC CGIL: «Dannosa, si avvii una concertazione» DaD per triennio superiori, FLC CGIL: «Dannosa, si avvii una concertazione» Nota di Claudio Menga, segretario generale FLC CGIL regionale
Lavoro in Puglia tra precariato, salari bassi e donne penalizzate Lavoro in Puglia tra precariato, salari bassi e donne penalizzate L’analisi della Cgil regionale del Rapporto Bes 2019 dell’Istat
1° Maggio la festa del lavoro e del riscatto 1° Maggio la festa del lavoro e del riscatto La manifestazione sarà dedicata al lavoro e all'Europa, con lo slogan: “La nostra Europa: lavoro, diritti, stato sociale”
Dimissioni Chieco, la solidarietà della Camera del Lavoro di Ruvo di Puglia Dimissioni Chieco, la solidarietà della Camera del Lavoro di Ruvo di Puglia Pellegrini: «Dimissioni assumono valore etico ed esempio»
Sanità, la CGIL chiama a raccolta la cittadinanza Sanità, la CGIL chiama a raccolta la cittadinanza Il sindacato ha indetto una pubblica assemblea per discutere dell'argomento
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.