Processo disastro ferroviario
Processo disastro ferroviario
Cronaca

Disastro ferroviario, consulenti Procura: «Pasticcio dei convogli 'bis' avvenuto 146 volte prima del 12 luglio»

Ieri mattina la deposizione di due tecnici del Pubblico Ministero, esperti di incidentistica ferroviaria

Si è svolta ieri mattina, mercoledì 1° luglio, una nuova udienza del processo sul disastro ferroviario che il 12 luglio 2016 costò la vita a 23 persone e il ferimenti di altre 51 sulla tratta Andria-Corato. Per la seconda volta, come accadrà anche nei giorni 8 e 22 luglio, l'udienza si è tenuta ad Andria nell'auditorium "Baglioni" dell'Oratorio parrocchiale Sant'Annibale Maria di Francia: vista infatti l'indisponibilità delle aule d'udienza del Tribunale di Trani, troppo piccole, e dell'aula di Corte di Assise e della palestra del penitenziario tranese, oggetto di ristrutturazione, il presidente Antonio de Luce ha deciso per questo temporaneo trasferimento nella città federiciana, tenendo conto anche dell'emergenza sanitaria e delle norme di sicurezza e anti-assembramento da rispettare. Anche l'udienza di ieri mattina si è svolta a porte chiuse predisponendo collegamenti informatici all'esterno, mentre tutte le parti processuali e la Corte si sono riunite a debita distanza indossando le mascherine.

L'udienza si è incentrata sulla deposizione di due consulenti del Pubblico Ministero esperti di incidentistica ferroviaria. Essi hanno evidenziato che il pasticcio dei convogli 'bis' è avvenuto ben 146 volte prima del giorno del disastro ferroviario, situazione che ha causato confusione sui convogli effettivamente partiti e arrivati. I treni della Ferrotramviaria sarebbero stati rinominati aggiungendo al numero del convoglio la parola "bis", pur essendo partiti in anticipo rispetto al treno regolamentare dal quale avevano preso il numero e che avrebbe dovuto precederli. La stessa cosa è accaduta il 12 luglio 2016, quando uno dei due treni coinvolti nell'incidente portava il numero regolamentare, mentre il convoglio 'bis' con lo stesso numero, giungendo a destinazione in anticipo, potrebbe aver fatto pensare che anche il treno fermato dal disastro fosse invece già in stazione al sicuro.

La deposizione dei due consulenti tecnici si è inoltre basata su un'analisi dell'incidente del 12 luglio dal punto di vista organizzativo e strutturale, sottolineando soprattutto un concetto: l'errore di un operatore è parte di un sistema spesso ricco di criticità, che restano sopite fino a quando l'errore stesso dell'uomo non le fa emergere. A questo argomento ha fatto seguito l'analisi del disastro ferroviario e in particolare dei convogli coinvolti: per quanto riguarda il primo, di colore giallo, che procedeva nella direzione Bari-Barletta, sono rimaste integre due delle quattro casse, mentre le altre si erano disintegrate e sparse sul terreno. Dal numero e dalla dimensione variabile dei pezzi è emerso lo scarso assorbimento dell'energia sviluppata dall'urto, contrariamente invece a quanto è stato analizzato nel secondo convoglio, quello grigio/azzurro che procedeva in direzione Barletta-Bari e che ha assorbito maggiormente l'urto. In questo caso, sono rimaste integre tre delle quattro casse. Quella che invece si è scontrata con il convoglio, sono state trovate in grossi pezzi sul terreno le pareti laterali, la parte superiore del tetto e la parte del telaio e del pavimento. Distrutta, invece, tutta la parte frontale della cabina di guida.

I due consulenti hanno inoltre analizzato il sistema impiegato sulla tratta dell'incidente, ovvero quello di Blocco Telefonico, il più antico sistema di blocco per il distanziamento dei treni. Questa tipologia di controllo è basata esclusivamente sulle comunicazioni da uomo a uomo, diversamente da quanto avviene invece nel sistema di Blocco Automatico, dove predomina la componente tecnico meccanica.
  • Processo Disastro Ferroviario
Altri contenuti a tema
Processo disastro ferroviario, cambia presidente del collegio ma l'istruttoria è utilizzabile Processo disastro ferroviario, cambia presidente del collegio ma l'istruttoria è utilizzabile Il processo non ripartirà da zero
Processo strage treni senza pace, cambia il presidente del collegio dei giudici e slitta l'udienza Processo strage treni senza pace, cambia il presidente del collegio dei giudici e slitta l'udienza Appello alle parti del giudice De Luce di evitare di ricominciare tutto da zero
Processo disastro ferroviario, controesame dei periti della Procura da parte della difesa Processo disastro ferroviario, controesame dei periti della Procura da parte della difesa Il collegio giudiziario ha stabilito l'esclusione di 9 degli 11 allegati della perizia
Riprende il processo sulla strage dei treni, oggi in aula altre deposizioni Riprende il processo sulla strage dei treni, oggi in aula altre deposizioni Le udienze riprenderanno il primo luglio
Disastro ferroviario, dal 17 giugno riprende il processo Disastro ferroviario, dal 17 giugno riprende il processo Si torna in aula ad Andria, presso l'oratorio S. Annibale Maria di Francia
Disastro Ferroviario, i giudici motivano l'assoluzione d Elena Molinaro Disastro Ferroviario, i giudici motivano l'assoluzione d Elena Molinaro Il legale della funzionaria: «Plurime responsabilità vanno ricercate altrove»
Strage dei treni, assolta dirigente del Ministero Strage dei treni, assolta dirigente del Ministero Per i giudici: "Non ha commesso il fatto"
Processo disastro ferroviario, Cassazione conferma la ricusazione del collegio giudicante Processo disastro ferroviario, Cassazione conferma la ricusazione del collegio giudicante La suprema corte conferma il provvedimento della Corte d'Appello
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.