Intitolazione area ad Alessandro Leogrande
Intitolazione area ad Alessandro Leogrande
Eventi e cultura

Fondazione "Angelo Cesareo" dedica un'area di Serra Petrullo ad Alessandro Leogrande

Suggestivo evento con letture tratte da "La Frontiera" attorno ad una barca nel territorio premurgiano

La Fondazione "Angelo Cesareo" di Ruvo di Puglia, impegnata nel campo culturale-sociale, ha dedicato un'area di Serra Petrullo, a circa 3 km dalla città, dove l'ente ha sede, al giornalista Alessandro Leogrande, autore de "La Frontiera". E lo fa con un evento suggestivo tenutosi sabato 18 luglio, riunendosi attorno ad una barca nella lettura di alcuni brani tratti da "La Frontiera", interpretati da una rappresentante della ''Fondazione'' e Raffaella del ''Regno di Oz''.

Non una barca qualsiasi, ma la stessa che qualche anno fa aveva già idealmente accompagnato l'evento itinerante, con icone sull'ulivo, della Fondazione intitolato ''Mediterraneo senza spettatori: naufragi con angeli'', sulle tragedie delle migrazioni nel Mediterraneo. La barca era poi stata affidata alla comunità C.A.S.A. ''don Tonino Bello'' ma, per l'occasione, è stata trasportata nell'area di Serra Petrullo ''Angelus Novus'' dagli ospiti della comunità ed accolta da cittadini e migranti come un corpo che affiora dai fondali.

Dopo aver viaggiato, a bordo di un autocarro, tra ulivi e muretti a secco, e lungo un tratto della via don Tonino Bello, la barca è stata quindi la protagonista nell'estesa ed elevata area premurgiana, che si apre ad un paesaggio che dal Gargano corre alla Murgia e al mare, alle città, in cui trova sede la Fondazione ruvese.

In uno dei punti più elevati della Serra, accanto ad un albero di fico e a un mandorlo, tra pietre affioranti e sassi, dialogherà con il paesaggio murgiano, tra cielo e terra, guardando il mare, entrando in simbolica risonanza.

«Quest'area sarà intitolata ad Alessandro Leogrande, coraggioso giornalista pugliese, sempre dalla parte degli ultimi e degli sfruttati dei nostri Sud e Sud del mondo, e alla ''sua'' Frontiera. - comunica la Fondazione - Un'area di pietre e ulivi in cui aiutare a prendere criticamente, faticosamente coscienza, con quei migranti e soggetti marginali delle società e della Storia, delle nuove, terribili e straordinarie nostre/altrui condizioni di esistenza, dei nuovi diritti dei popoli e dei cittadini, degli esclusi. Contro nuove forme di sfruttamento, ''respingimenti'', alienazione. Guardando sempre da altre prospettive, come in una ''piramide capovolta''».

Ma cosa è questa Frontiera? Una Frontiera, come ha scritto Leogrande, in uno dei suoi libri più significativi e umanamente straordinari, è ''Una linea fatta di infiniti punti, infiniti nodi, infiniti attraversamenti. Ogni punto una storia, ogni nodo un pugno di esistenze. Ogni attraversamento una crepa che si apre. È la Frontiera. Non è un luogo preciso, piuttosto la moltiplicazione di una serie di luoghi in perenne mutamento, che coincidono con la possibilità di finire da una parte o rimanere nell'altra. Dopo la caduta del Muro di Berlino, il confine principale tra il mondo di qua e il mondo di là cade proprio tra le onde di quello che, fin dall'antichità, è stato chiamato Mare di mezzo. Se l'angelo della storia (l'Angelus Novus) di Walter Benjamin venisse risucchiato ora, proprio in questo momento, in un vortice che lo sospinge verso il futuro, con la faccia rivolta verso il passato e il cumulo di violenza che si erige incessantemente, vedrebbe innanzitutto il continuo accatastarsi dei corpi dei naufraghi, il vagare dei dispersi nella lotta dei flutti".
4 fotoIntitolazione di Serra Petrullo ad Alessandro Leogrande
IMGIMG WAIMG WAIMG WA
  • Fondazione Angelo Cesareo
Altri contenuti a tema
C’era una volta Elzunia, canti di donne prigioniere nei campi C’era una volta Elzunia, canti di donne prigioniere nei campi Un concerto di musica concentrazionaria a Serra Petrullo ''Angelus Novus''
"Per Vito", a Serra Petrullo un omaggio al musicista Vito Guarini "Per Vito", a Serra Petrullo un omaggio al musicista Vito Guarini Parole in musica per ricordare il musicista a 20 anni dalla sua tragica scomparsa
La Fondazione “Angelo Cesareo” inaugura la residenza artistica “Inferno a Serra Petrullo” La Fondazione “Angelo Cesareo” inaugura la residenza artistica “Inferno a Serra Petrullo” La visione dell'Inferno dantesco secondo undici artisti pugliesi
Fondazione "Angelo Cesareo" celebra i 60 anni dei Fantastici Quattro Fondazione "Angelo Cesareo" celebra i 60 anni dei Fantastici Quattro Tre giorni di eventi a Serra Petrullo sulla mitologia fantastica
Serra Petrullo ospita il "Concerto della Rondine" Serra Petrullo ospita il "Concerto della Rondine" Organizzato da Fondazione "Angelo Cesareo"
Tra biancospini e ulivi, a Serra Petrullo a Ruvo si inaugura il “Viale dei Giusti” Tra biancospini e ulivi, a Serra Petrullo a Ruvo si inaugura il “Viale dei Giusti” Iniziativa della fondazione “Angelo Cesareo” in occasione del 29° anniversario della “Strage di Capaci”
La grammatica della creatività, a Serra Petrullo incontro nel segno di Gianni Rodari La grammatica della creatività, a Serra Petrullo incontro nel segno di Gianni Rodari Un percorso fra cultura e fantasia organizzato dalla Fondazione ''Angelo Cesareo'' di Ruvo di Puglia
"Echi, silenzi e visioni", dialogo fra arte e territorio a Serra Petrullo "Echi, silenzi e visioni", dialogo fra arte e territorio a Serra Petrullo L'evento della Fondazione "Angelo Cesareo" con musica, istallazioni artistiche, visite guidate ed enogastronomia
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.