Tasse
Tasse
Attualità

«I Pugliesi, popolo di tartassati»

Le dichiarazioni del segretario generale UIL Aldo Pugliese

"Pugliesi, popolo di santi, navigatori e tartassati". Lo dichiara Aldo Pugliese, Segretario generale della UIL di Puglia, che sintetizza con una battuta i dati elaborati e diffusi dall'Ufficio Politiche Economiche e Territoriali della UIL su gettito Irap e tributi regionali.

"Le famiglie pugliesi sono tra le più vessate d'Italia, nonostante le statistiche non descrivano certo una regione in salute - spiega Pugliese - e parlano chiaramente di un territorio che fa fatica a riprendere i vecchi livelli produttivi e ad agganciare il timido treno della crescita nazionale, con una disoccupazione ancora elevatissima in particolare fra i giovani e le donne". "L'Irap - prosegue il Segretario della UIL - vale per la Puglia un gettito complessivo di 1.424.245.233 euro, il settimo più elevato della penisola. Ma, quel che fa più specie è che su un gettito totale di imposte e tributi propri di 2.240.152.644 euro, l'Irap incide per il 63,6%, la terza percentuale di incidenza più elevata d'Italia dopo Friuli Venezia Giulia e Sardegna, entrambe però a statuto speciale, e oltre dieci punti più alta della media nazionale (52,9%)".

Dall'Irap al bollo auto. "Un altro salasso - attacca Pugliese - che incide ogni anno per un valore di 177 euro a veicolo, il secondo più alto in assoluto dopo la provincia autonoma di Bolzano (179) e ben 44 euro oltre la media nazionale (133). Nel complesso, il gettito per bollo auto in Puglia vale 515.150.603 euro (il quinto più elevato a livello nazionale) e incide per il 23% sul totale delle imposte e tributi propri. Insomma, solo bollo e Irap valgono l'86% delle tasse che ogni anno svuotano le tasche dei poveri pugliesi".

"Stavolta a parlare sono i numeri - conclude Pugliese - che avallano, senza timore di smentita, quanto denunciamo da anni inutilmente, ovvero che tasse e balzelli, in Puglia, hanno ormai raggiunto e superato abbondantemente i limiti della sopportazione e della decenza. Non è possibile applicare, in una regione che "vanta" una retribuzione media che si aggira intorno ai 25mila euro lordi annui, che si trova a fronteggiare una disoccupazione poco al di sotto del 20%, una tassazione tra le più pesanti d'Italia, come se la Puglia avesse un tessuto socio-economico in salute alla pari di Lombardia o Piemonte. A ciò si aggiungano i ticket sanitari, anch'essi tra i più cari dello stivale e si fa presto a capire come per un cittadino pugliese sbarcare il lunario sia diventato più complicato di sbarcare sulla Luna, con la Regione Puglia che, inspiegabilmente, continua a fare orecchie da mercante".
  • Tasse
Altri contenuti a tema
Agevolazioni Tari 2021, prorogati i termini per farne domanda Agevolazioni Tari 2021, prorogati i termini per farne domanda Possibile presentare istanze fino al 31 gennaio
Agevolazioni TARI 2021, ecco come richiederle Agevolazioni TARI 2021, ecco come richiederle Nota informativa a cura del Comune di Ruvo di Puglia
Approvate nuove tariffe Tari per il 2021 Approvate nuove tariffe Tari per il 2021 Previste agevolazioni per nuclei in difficoltà
Niente TOSAP per bar, ristoranti e locali, giunta proroga l'esenzione Niente TOSAP per bar, ristoranti e locali, giunta proroga l'esenzione La decisione sino al 31 marzo
Saldo Tari 2020, le precisazioni del Comune di Ruvo di Puglia Saldo Tari 2020, le precisazioni del Comune di Ruvo di Puglia I chiarimenti dell'area risorse economiche
Tosap, prorogata esenzione per bar e ristoranti sino a fine anno Tosap, prorogata esenzione per bar e ristoranti sino a fine anno Rientra nelle misure a favore del rilancio post Covid
Coronavirus: prorogati termini versamenti fiscali 16 marzo Coronavirus: prorogati termini versamenti fiscali 16 marzo Nuove scadenze e sospensioni in prossimo decreto legge
Local Tax, le associazioni di categoria: «Non siamo polli da spennare» Local Tax, le associazioni di categoria: «Non siamo polli da spennare» La protesta di AICAP, l'associazione italiana delle aziende di cartellonistica e pubblicità
© 2001-2022 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.