Serranda
Serranda
Attualità

Nuove limitazioni per evitare il contagio. Il decreto spiegato nel dettaglio

Le prescrizioni avranno effetto da oggi

Elezioni Regionali 2020
Saranno molte le serrande delle attività chiuse a partire da domani per effetto del decreto del presidente del consiglio dell'11 marzo.
Il presidente Conte ha firmato il documento che impone nuove limitazioni.

Ebbene, vediamo nel dettaglio chi deve abbassare la serranda, chi potrà ancora lavorare ma sempre a talune condizioni con una prima precisazione: "Le disposizioni del presente decreto producono effetto dalla data del 12 marzo 2020 e sono efficaci fino al 25 marzo 2020".

Inoltre è doveroso precisare che nulla è cambiato sia per le scuole di ogni ordine e grado sia per le cerimonie religiose e l'ingresso nelle Chiese.

CHI RESTA APERTO?
A CONDIZIONE DI AVERE SPAZI IDONEI NEL GARANTIRE LA DISTANZA INTERPERSONALE DI ALMENO 1 METRO E TUTTE LE ALTRE MISURE GIA' VARATE:

GLI ALIMENTARI
Restano aperti ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari e il commercio al dettaglio di prodotti surgelati.
Ecco perchè, lo ripetiamo, non serve correre a fare la spesa: l'arrivo della merce nel nostro Comune come in quelli di tutta Italia sarà sempre garantito.
** Garantito anche il commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati.
FARMACI E L'IGIENE PERSONALE
Farmacie e parafarmacie e commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l'igiene personale.
Aperto anche il commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini.
CURA DELLA PERSONA
Aperte attività di lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia, di lavanderie industriali e tintorie.
ALIMENTARI E IGIENE ANIMALI DOMESTICI
Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
ASSISTENZA AL COMMERCIO DEL DETTAGLIO PER TELECOMUNICAZIONI ED ELETTRODOMESTICI
Garantiti anche i servizi di assistenza del commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici, commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati, commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico, commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento, commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet. commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione, commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono. commercio al dettaglio di articoli per l'illuminazione.
** Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia possibile
RIFORNIMENTI DI BENZINA
Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
EDICOLE
Informazione garantita con il commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
SERVIZI DI POMPE FUNEBRI
Garantiti servizi di pompe funebri e attività connesse
DISTRIBUTORI AUTOMATICI
Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici.
SERVIZI BANCARI, FINANZIARI, ASSICURATIVI
ATTIVITA' SETTORE AGRICOLO, ZOOTECNICO DI TRASFORMAZIONE AGRO ALIMENTARE

COMMERCIO AL DETTAGLIO: CHI RESTA CHIUSO?
- I mercati (salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari);
- attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
**Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto
***Restano, altresì, aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all'interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro
- parrucchieri, barbieri, estetisti

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Continuerà a lavorare, garantendo almeno i servizi essenziali ma dovrà prediligere il lavoro da casa dei dipendenti e il contatto tramite email o telefono con i cittadini.

LE ATTIVITA' PROFESSIONALI
Potranno continuare a lavorare ma la raccomandazione è sempre quella del lavoro da casa.

LE AZIENDE E LE FABBRICHE
Potranno continuare a lavorare a condizione di igienizzare gli ambienti, garantire tutte le misure di cautela note dotando i lavoratori di mezzi di tutela personali come le mascherine e i guanti, sospendendo tutti i lavori non necessari e urgenti, evitando gli spostamenti nei luoghi comuni.
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.