Otto marzo
Otto marzo
Attualità

Otto Marzo, Rifondazione: «Essere donna è ancora oggi un handicap sociale»

La nota del partito della Rifondazione Comunista

La nota del partito della Rifondazione Comunista

Era l'8 marzo 1917, quando a San Pietroburgo le donne guidarono una grande manifestazione che rivendicava la fine della Grande Guerra: la fiacca reazione dei cosacchi inviati a reprimere la protesta incoraggiò successive manifestazioni che portarono al crollo dello zarismo ormai completamente screditato e privo anche dell'appoggio delle forze armate, così che l'8 marzo 1917 è rimasto nella storia a indicare l'inizio della Rivoluzione russa di febbraio (secondo il calendario giuliano). Per questo motivo, e in modo da fissare un giorno comune a tutti i Paesi, a Mosca il 14 giugno 1921 la Seconda Conferenza Internazionale delle Donne Comuniste , fissò all'8 marzo la «Giornata internazionale dell'operaia».

Quello appena trascorso è stato un anno da dimenticare per la condizione delle donne e per il contrasto a violenze e discriminazioni nei loro confronti. La pandemia ha evidenziato drammaticamente la precaria condizione femminile in tutti gli ambiti: in Italia il lockdown ha obbligato molte donne a una convivenza ancora più forzata con i loro aguzzini e l'inizio del nuovo anno ha continuato a registrare un numero di femminicidi spaventoso, quasi quotidiano.

Anche la forza lavoro femminile nel nostro paese è rimasta la più dimenticata e in crisi, come sottolineato dagli agghiaccianti dati dell'Istat a dicembre 2020, dove su 101mila posti di lavoro persi 99mila riguardavano le donne. E siamo ancora lontani dal garantire alle ragazze e alle donne parità di accesso all'istruzione, alle cure, a un lavoro dignitoso, così come la rappresentanza nei processi decisionali, politici ed economici.

Lo abbiamo visto anche in Europa, in Polonia, dove a fine gennaio è entrata in vigore la legge che sancisce il divieto quasi totale di ricorrere all'aborto, riportandoci indietro di secoli.

Un quadro inaccettabile che non ha bisogno di essere affrontato con la solita vuota retorica che tende a riempire giornate come questa. Lo abbiamo ribadito stamattina, diffondendo dei volantini che riprendono le situazioni in cui oggi le donne sono vittime di violenza verbale e fisica. Pretendere la parità di genere significa mettere in discussione quello che è ancora un vero e proprio sistema di sottomissione, che rende l'essere donna un handicap sociale.

Non è questione di fiori, desinenze di sostantivi o di un ministro in più. È questione di tornare per le strade, proprio come fecero quelle donne, nel 1917, che cambiarono per sempre la Storia.
  • Rifondazione comunista
Altri contenuti a tema
Rifondazione Ruvo: «Lega e Forza Italia predicano bene e razzolano male» Rifondazione Ruvo: «Lega e Forza Italia predicano bene e razzolano male» La nota di PRC sulle accuse di immobilismo rivolte all'amministrazione
No al nazi-fascismo, a Ruvo la raccolta firme per la Legge Strazzema No al nazi-fascismo, a Ruvo la raccolta firme per la Legge Strazzema Iniziativa organizzata dai collettivi di Sinistra Ruvese e Rifondazione Comunista
Verso le elezioni, Rifondazione: «Rompiamo il silenzio, apriamo il dibattito» Verso le elezioni, Rifondazione: «Rompiamo il silenzio, apriamo il dibattito» Il partito esorta ad una partecipazione sui temi importanti della vita cittadina
Nucleare, Rifondazione: "Basta violenza sulla Murgia" Nucleare, Rifondazione: "Basta violenza sulla Murgia" La posizione della sezione PRC di Ruvo di Puglia: "Ci mobiliteremo"
Rifondazione Comunista in piazza contro i tagli alla sanità Rifondazione Comunista in piazza contro i tagli alla sanità PRC: «La pandemia ha dimostrato l'importanza della sanità pubblica su cui bisogna tornare ad investire»
Esercitazioni militari sulla Murgia, PRC: "Fondi sottratti a ospedali e scuole" Esercitazioni militari sulla Murgia, PRC: "Fondi sottratti a ospedali e scuole" L'analisi dei costi del governo della sezione di Rifondazione Comunista di Ruvo
Autonomia differenziata, Rifondazione: «Netta contrarietà, fallimentare il potere alle regioni» Autonomia differenziata, Rifondazione: «Netta contrarietà, fallimentare il potere alle regioni» Le ragioni del PRC di Ruvo di Puglia che ha presentato mozione contro l'approvazione della legge quadro Boccia
«Non si batte cassa sulla pelle dei lavoratori», Rifondazione contesta gli edili «Non si batte cassa sulla pelle dei lavoratori», Rifondazione contesta gli edili La nota del circolo ruvese di Rifondazione Comunista
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.