Antonio Barile
Antonio Barile
Cronaca

Si allontana dopo una lite col padre: scomparso Antonio Barile

L'uomo, di 45 anni, soffre di depressione. Si è allontanato nella notte dall'ospedale di Corato

Elezioni Regionali 2020
Da questa notte non si hanno più tracce di Antonio Barile. Il 45enne, nato a Trani ma residente a Ruvo di Puglia, ha fatto perdere le sue tracce allontanandosi a piedi nelle campagne di Corato, dopo aver lasciato l'ospedale civile Umberto I.

Lì sembra ci sia stato un diverbio con il padre, almeno stando a quanto riferito dai familiari. L'uomo è uscito dall'ospedale di Corato, si è allontanato senza portare nulla, ma soprattutto senza farvi più rientro: da quel momento non si hanno più sue notizie. Vana l'attesa e altrettanto immediate le ricerche dei parenti, secondo i quali l'uomo, che da un po' di tempo soffre di problemi di depressione, potrebbe aver bisogno di aiuto.

Questa mattina i familiari hanno fornito alcuni dettagli necessari per l'identificazione. Il 45enne è di corporatura media, è alto fra i 170 e i 175 centimetri e l'ultima volta in cui è stato visto indossava un jeans blu con una giacca scura marca Kappa. La sua fotografia è stata condivisa sui vari social network insieme all'appello per le ricerche, estese anche nei comuni viciniori.

Chiunque avesse notizie di Antonio Barile è invitato a contattare celermente i Carabinieri attraverso il numero di emergenza 112, i militari della Stazione di Corato al numero 080.872.3927 oppure i colleghi della Stazione di Ruvo di Puglia al numero 080.361.1010.
  • Antonio Barile
Altri contenuti a tema
Ritrovato il 45enne scomparso, vagava nelle campagne di Corato Ritrovato il 45enne scomparso, vagava nelle campagne di Corato Antonio Barile è stato rintracciato nel pomeriggio: si trova in buone condizioni di salute
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.