Disastro Ferroviario
Disastro Ferroviario
Attualità

Strage dei Treni, il Corpo dei Vigili del Fuoco ricorda l'immane tragedia

Sui social ufficiali il racconto delle drammatiche ore dei soccorsi

Le immagini del 12 luglio 2016 sono ancora tristemente impresse nella mente di chi, poco dopo il tragico schianto, giunse sul posto lavorando incessantemente per salvare quante più possibili vite umane e recuperare i resti delle persone, purtroppo, rimaste uccise nel drammatico incidente.

Forze dell'ordine, volontari, ma soprattutto vigili del fuoco, impegnati con determinazione, commozione e forza in una delle operazioni più difficili sul piano psicologico e sul piano degli sforzi, che il corpo si sia trovato ad affrontare.

Centinaia le persone impegnate in una giornata afosa, sotto il sole cocente, senza sosta. Per 32 ore oltre cinquanta appartenenti al corpo dei vigili del fuoco furono impegnati nelle operazioni di soccorso. Oggi il Corpo dei Vigili del Fuoco, in occasione del quarto anniversario del drammatico evento, ha voluto ricordare la tragedia sulle sue pagine social ufficiali.

«Nella tarda mattinata del 12 luglio 2016, in aperta campagna andriese, un terribile rumore ruppe il silenzio tipico della zona: un incidente ferroviario al km 51 della ferrovia Bari - Barletta, tra le stazioni di Andria e Corato. Sono le prime foto aeree effettuate in elicottero dai vigili del fuoco a dare realmente idea di cosa fosse successo e soprattutto della violenza dell'incidente: 23 persone persero la vita. Per 32 ore consecutive, fino alle ore 20 del 13 luglio, 53 vigili del fuoco operarono senza sosta tra le lamiere con attrezzature speciali e macchine operatrici, gruppi da taglio a motore e oleodinamici, lance termiche e con nuclei cinofili per l'attività di ricerca» si legge sul canale Telegram ufficiale del Corpo dei Vigili del fuoco.

Le immagini, ancora presenti sul sito ufficiale del Corpo, raccontano un dramma incredibile. Sono il primo vero importante documento di un evento che ha cambiato la vita di tante famiglie, di un intero territorio e della nazione. Oggi, a distanza di quattro anni da quel tragico evento, il dolore è ancora vivo e il pensiero non può che essere orientato alle vittime, al dramma delle loro famiglie e al cuore di chi, in quel drammatico giorno, non risparmiò alcuna delle proprie energie.
  • Disastro Ferroviario
Altri contenuti a tema
Le immagini del disastro ferroviario in una fiction, protestano i parenti delle vittime Le immagini del disastro ferroviario in una fiction, protestano i parenti delle vittime Astip: «Immagini ci lasciano senza respiro»
Disastro ferroviario, interrogazione parlamentare al Ministro dei Trasporti Disastro ferroviario, interrogazione parlamentare al Ministro dei Trasporti Sicurezza, trasparenza e attribuzione delle responsabilità nel testo presentato dopo il minuto di silenzio in memoria delle vittime
Una corona di fiori (a Bari) ricorda le vittime della strage dei treni Una corona di fiori (a Bari) ricorda le vittime della strage dei treni Emiliano: «Abbiamo il desiderio che la verità arrivi attraverso il processo»
Quattro anni dal disastro ferroviario del 12 luglio 2016 Quattro anni dal disastro ferroviario del 12 luglio 2016 Viva la memoria dell'incidente in cui perse la vita il giovane ruvese Antonio Summo
Strage dei treni, i parenti delle vittime protestano a Roma contro il governo Strage dei treni, i parenti delle vittime protestano a Roma contro il governo «Dopo tre anni di sfilate istituzionali e promesse i fatti sono pari a zero»
Disastro Ferroviario, il ricordo di Michele Emiliano e Peppino Longo Disastro Ferroviario, il ricordo di Michele Emiliano e Peppino Longo Stamattina il vice presidente della Regione alla commemorazione della tragedia
Disastro Ferroviario, la testimonianza di alcuni soccorritori: «Scena devastante» Disastro Ferroviario, la testimonianza di alcuni soccorritori: «Scena devastante» La nota di Antonio Longo, comandante della Vigilanza Giurata, tra i primi intervenuti sul luogo del disastro
1 12 Luglio: una ferita che sanguina da tre anni 12 Luglio: una ferita che sanguina da tre anni Tre anni fa la strage dei treni uccise 23 persone
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.