Berretto Carabinieri
Berretto Carabinieri
Cronaca

Attentato al carabiniere, la solidarietà del mondo politico

Parlamentari e consiglieri regionali manifestano vicinanza al vice brigadiere

Elezioni Regionali 2020
È stata una notte terribile per Ruvo di Puglia, svegliata dal forte boato che ha mandato all'aria l'automobile di un carabiniere ruvese in servizio al Nucleo Radiomobile della Compagnia di Andria.

Un episodio che ha scosso l'intera comunità ruvese, non abituata a simili episodi. Il mondo politico, appresa la notizia, ha voluto manifestare vicinanza al carabiniere e ha auspicato un intervento immediato dello Stato per assicurare alla giustizia i responsabili del grave gesto.

«Occorrono provvedimenti che intensifichino gli impianti di videosorveglianza ed aumentino il personale delle forze dell'ordine, perché non è sufficiente spostare le stesse unità da Ruvo, Corato e viceversa. Sarà mia cura sottoporre la questione cosi come già avevo proceduto al Ministro degli Interni, a tutela di chi svolge il proprio lavoro diligentemente e della collettività tutta» ha riferito la senatrice pentastellata Bruna Piarulli, componente della commissione giustizia al Senato.

Il deputato terlizzese Marcello Gemmato ha espresso parole di fiducia nell'operato della magistratura: «Esprimo la mia personale solidarietà e quella del partito di Fratelli d'Italia all'agente ruvese a cui questa notte hanno fatto saltare in aria l'auto. Un pensiero di gratitudine all'Arma dei Carabinieri che quotidianamente sovrintende alla sicurezza dei cittadini, spesso pagando per questo un prezzo altissimo. Sono certo che la Magistratura saprà fare presto luce sull'accaduto ed assicurare l'autore alla giustizia».

Sull'argomento è intervenuto anche il consigliere regionale di Andria Nino Marmo. «Non è grave, è gravissimo: hanno fatto esplodere l'automobile di un carabiniere in servizio ad Andria con un ordigno a base di tritolo. Un boato che ha squarciato il silenzio della notte a Ruvo di Puglia, dove abita il vice brigadiere. Un atto che alza l'asticella d'allarme e che merita la massima attenzione anche del governo nazionale: non si conoscono ancora i dettagli né i responsabili, ma è evidente che si tratti di un gesto intimidatorio che rivela il livello di aggressività della criminalità.

«Siamo vicini a lui e alla sua famiglia - conclude il consigliere di Forza Italia -, ma chiediamo un intervento forte dello Stato, in grado di far sentire il pugno duro contro chi minaccia coloro che servono la Nazione e rischiano ogni giorno la propria vita per garantire la pubblica sicurezza».
  • Carabinieri Ruvo di Puglia
Altri contenuti a tema
Armi e munizioni: tre arresti a Ruvo. Anche una micidiale penna-pistola Armi e munizioni: tre arresti a Ruvo. Anche una micidiale penna-pistola Un 31enne, un 51enne ed un 73enne sono stati fermati dai Carabinieri. Trovati anche coltelli a scatto e tirapugni
Tentò l'assalto ad un bancomat di Ruvo, latitante arrestato dai Carabinieri Tentò l'assalto ad un bancomat di Ruvo, latitante arrestato dai Carabinieri Giuseppe Magno, di Andria, si nascondeva a Diso. Nel 2018 tentò il colpo al bancomat dell'Unicredit di corso Carafa
Coronavirus, nel ponte di Pasqua 901 sanzioni su 9.422 controlli Coronavirus, nel ponte di Pasqua 901 sanzioni su 9.422 controlli Controllate anche 270 attività commerciali: 4 titolari sono stati multati, per 3 esercizi è stata disposta la chiusura provvisoria
Pochissimi furbetti in giro, positivo il bilancio nel giorno di Pasquetta Pochissimi furbetti in giro, positivo il bilancio nel giorno di Pasquetta Efficaci i controlli delle forze dell'ordine, fatti su strada, ma anche dall'alto: presidiati tutti i varchi d'accesso
Poste Italiane, pensioni a domicilio grazie ai Carabinieri Poste Italiane, pensioni a domicilio grazie ai Carabinieri L'iniziativa riguarda gli over 75 che ritiravano l'indennità in contanti e che non convivano con altri familiari
Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Il nuovo dl ha valore retroattivo: non c'è più la sanzione penale, ma solo amministrativa
Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Il procuratore di Bari: «Le denunce sono tante. Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria»
1 Coronavirus, la Prefettura: 1.901 denunciati, 31.441 controllati Coronavirus, la Prefettura: 1.901 denunciati, 31.441 controllati Intensificati i controlli: ci sono anche 17 denunce per false attestazioni, 6 esercizi commerciali chiusi e 15 titolari deferiti
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.