Settimana santa
Settimana santa
Religioni

Coronavirus, Triduo Pasquale senza processioni e liturgie senza fedeli

Indicazioni sulla celebrazione della Pasqua della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti

L'emergenza coronavirus ha già apportato molti cambiamenti al normale svolgimento della quotidianità, anche per le liturgie religiose in questo particolare periodo di Quaresima e rende necessario adottare misure preventive anche per quanto concerne la celebrazione della Pasqua e dei riti del Triduo pasquale.

Le nuove disposizioni giungono con decreto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti che conferma la celebrazione della Pasqua per il 12 aprile ma che annulla la lavanda dei piedi nella Messa in Coena Domini e le processioni di rito.
"Nel difficile tempo che stiamo vivendo a motivo della pandemia di Covid-19, considerando il caso di impedimento a celebrare la liturgia comunitariamente in chiesa come da indicazioni dei Vescovi per i territori di loro competenza, giungono indicazioni generali ed alcuni suggerimenti ai Vescovi" si legge nel decreto della Congregazione.

Cuore dell'anno liturgico, la Pasqua non è una festa come le altre: celebrata nell'arco di tre giorni, il Triduo Pasquale, preceduta dalla Quaresima e coronata dalla Pentecoste, non può essere trasferita.

Il Vescovo ha facoltà di rimandare a data posteriore la Messa Cresimale.

Per il Triduo Pasquale, su indicazione dei Vescovi, concordate con la Conferenza Episcopale, nella chiesa cattedrale e nelle chiese parrocchiali, pur senza la partecipazione fisica dei fedeli, saranno celebrati i misteri liturgici del Triduo Pasquale, avvisando i fedeli dell'ora d'inizio in modo che possano unirsi in preghiera nelle proprie abitazioni.

«In questo caso sono di aiuto i mezzi di comunicazione telematica in diretta, non registrata. La Conferenza Episcopale e le singole diocesi non manchino di offrire sussidi per aiutare la preghiera familiare e personale».

Il Giovedì Santo, nelle chiese cattedrali e parrocchiali, in misura della reale possibilità stabilita da chi di dovere, i sacerdoti della parrocchia possono concelebrare la Messa nella Cena del Signore. «Si concede eccezionalmente a tutti i sacerdoti la facoltà di celebrare in questo giorno, in luogo adatto, la Messa senza il popolo. La lavanda dei piedi, già facoltativa, si omette. Al termine della Messa nella Cena del Signore si omette la processione e il Santissimo Sacramento si custodisca nel tabernacolo. I sacerdoti che non hanno la possibilità di celebrare la Messa pregheranno invece i Vespri (cf. Liturgia Horarum)».

Il Venerdì Santo, nelle chiese cattedrali e parrocchiali, in misura della reale possibilità stabilita da chi di dovere, i Vescovi e i parroci celebreranno la Passione del Signore. «Nella preghiera universale il Vescovo diocesano avrà cura di stabilire una speciale intenzione per i malati, i morti, chi si trova in situazione di smarrimento (cf. Alissale Rornatnun, pag. 314 n. 13)».
Sarà celebrata la Veglia Pasquale solo nelle chiese cattedrali e parrocchiali, in misura della reale possibilità stabilita da chi di dovere, omettendo l'accensione del fuoco e la processione. «Si esegue l'annunzio pasquale (Exsúltei). Segue la "Liturgia della parola". Per la "Liturgia battesimale", soltanto si rinnovano le promesse battesimali (cf. Missale Romanum, pag. 371, n. 55). Quindi la "Liturgia eucaristica".Quanti in nessun modo possono unirsi alla Veglia Pasquale celebrata in chiesa, pregano l'Ufficio delle Letture indicato per la Domenica di Pasqua (cf. Liturgia Horarum)».

Ai Vescovi diocesani spetta impartire indicazioni a monasteri, seminari e comunità religiose.

«Le espressioni di pietà popolare e le processioni che arricchiscono i giorni della Settimana Santa e del Triduo Pasquale, a giudizio del Vescovo diocesano potranno essere trasferite in altri giorni convenienti, ad esempio il 14 e 15 settembre» - suggerisce la Congregazione.
  • Settimana santa
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Reddito di Dignità, la Regione rifinanzia con 36 milioni di euro Reddito di Dignità, la Regione rifinanzia con 36 milioni di euro Estesa la platea degli attuali beneficiari
Bollettino coronavirus, altri 76 casi in provincia di Bari Bollettino coronavirus, altri 76 casi in provincia di Bari Sono 163 i tamponi positivi in Puglia
Dagli olivicoltori pugliesi respiratori polmonari e dispositivi di protezione al Policlinico di Bari Dagli olivicoltori pugliesi respiratori polmonari e dispositivi di protezione al Policlinico di Bari Il contributo della O.P. Oliveti Terra di Bari, di Finoliva Global Service e di Cia-Agricoltori Italiani Puglia
Nuove misure stringenti per chi arriva in Italia Nuove misure stringenti per chi arriva in Italia L'ordinanza del 28 marzo di Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Ministero della Salute
Coronavirus, 49 nuovi contagi nella provincia di Bari. 15 i decessi in Puglia Coronavirus, 49 nuovi contagi nella provincia di Bari. 15 i decessi in Puglia Superata la soglia dei 1500 casi di positività
Coronavirus, 25 nuovi casi in provincia di Bari. In Puglia 2 decessi Coronavirus, 25 nuovi casi in provincia di Bari. In Puglia 2 decessi Con i 125 positivi di oggi sale a 1458 il numero dei contagiati nella regione
Settimana santa, abolite le processioni. Gli Otto santi il 15 settembre Settimana santa, abolite le processioni. Gli Otto santi il 15 settembre Sospesa anche la somministrazione dei sacramenti sino a prossima comunicazione
Coronavirus, 57 nuovi casi positivi in provincia di Bari Coronavirus, 57 nuovi casi positivi in provincia di Bari Sono 152 i nuovi casi oggi in Puglia, 4 i decessi, 25 le persone guarite
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.