Foibe
Foibe
Attualità

Giorno del Ricordo, Loizzo: «Riflettiamo sugli errori ed orrori del passato»

Le dichiarazioni del presidente del Consiglio Regionale e di Michele Emiliano

In occasione del Giorno del Ricordo che si celebra oggi, il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, e il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano hanno rilasciato delle personali dichiarazioni di invito alla riflessione.

«Giorno del Ricordo 2020, un'altra giornata di riflessione sugli errori del passato, per ripetere tutti insieme "mai più" e trasmettere ai giovani il valore della memoria. - le parole di Mario Loizzo - Ogni 10 febbraio, dal 2004 torniamo sugli eventi dolorosi al confine orientale. Anni di silenzio sulle vicende del secondo dopoguerra hanno nascosto le sofferenze della popolazione giuliano-dalmata di lingua italiana, in una pagina che oltre all'esilio ha visto crudeltà feroci, con la morte nelle foibe e le violenze etniche.

In quei territori, i guasti dei nazionalismi hanno scatenato il male: alle politiche di italianizzazione forzata dopo il 1918, si replicò con eccidi e regolamenti di conti alla caduta del fascismo e alla fine della guerra. Prima la tragedia delle foibe, nel 1943 e nel 1945, poi la slavizzazione diametralmente opposta, attutata dalla Jugoslavia di Tito. Oltre 250mila esuli di ogni età vennero costretti ad abbandonare case, averi, affetti. L'Italia prostrata non aveva risorse per ricevere tanti rifugiati. Non si trovò che ospitarli soprattutto collettivamente, in condizioni disagiate. Si distinse sempre la Puglia, vennero allestiti campi tra l'altro ad Altamura, Santeramo, Barletta e Bari. Non furono anni facili, ma molte famiglie seppero mettere radici e assicurare un futuro ai propri cari, contribuendo allo sviluppo dei territori.

Oggi - conclude il presidente del Consiglio Regionale della Puglia - valorizziamo il patrimonio culturale e storico degli italiani d'Istria, Fiume e delle coste dalmate e ci rivolgiamo alle giovani generazioni, perché va scritta una storia condivisa del nostro Paese, che ha riscattato la guerra fascista con la Resistenza ed è stato tra i costruttori dell'Europa unita, che ha cancellato i grandi conflitti mondiali dal futuro del continente dov'erano divampati».

Alle sue parole, si aggiungono anche quelle di Michele Emiliano «Dall'altra parte dell'Adriatico furono in migliaia a dover fuggire dalle proprie case al termine della seconda guerra mondiale, una guerra che portò grandissimi lutti e distruzioni per tutte le popolazioni civili, vittime di vendette e violenze insensate, culminate negli eccidi delle foibe. I porti pugliesi furono rifugio e asilo per chi scappava, a Bari esiste un quartiere intitolato alla città di Trieste, già popolato dai profughi giuliano-dalmati e dei Balcani.

Oggi manteniamo la memoria di quei terribili momenti con il Giorno del Ricordo, sapendo che le celebrazioni insegneranno alla giovani generazioni quanto scritto nell'articolo 11 della nostra Costituzione: l'Italia ripudia la guerra».
  • Giorno del Ricordo
Altri contenuti a tema
Giornate della memoria e del ricordo nelle scuole di Ruvo Giornate della memoria e del ricordo nelle scuole di Ruvo Le iniziative in ricordo delle vittime delle foibe
Anche a Ruvo si commemora il Giorno del Ricordo Anche a Ruvo si commemora il Giorno del Ricordo Una manifestazione in via Martiri delle Foibe
"Chi semina vento raccoglie tempesta" spunta un cartello in via Martiri delle Foibe "Chi semina vento raccoglie tempesta" spunta un cartello in via Martiri delle Foibe Comitato 10 febbraio: gesto vile nei confronti delle vittime
E allora le foibe? L'associazione Prolet rilegge la storia E allora le foibe? L'associazione Prolet rilegge la storia Un incontro dibattito nella Giornata del Ricordo
Pellicani, Chiarulli e Minafra, morti perché italiani Pellicani, Chiarulli e Minafra, morti perché italiani In occasione del giorno del Ricordo, Ruvo onora i suoi concittadini infoibati
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.