Michele Emiliano
Michele Emiliano
Attualità

La Puglia resta arancione, Emiliano: «Indice Rt fra i più bassi d'Italia»

Il Ministro Speranza conferma l'area di rischio arancione fino al 3 dicembre

Sarà in vigore da domani, 29 novembre, la nuova ordinanza con cui il ministro della Salute, Roberto Speranza, conferma l'area arancione per la Puglia. Il provvedimento sarà in vigore fino al 3 dicembre, data del termine anche dell'ultimo Dpcm.

Intanto, intervistato su Sky TG24, il presidente della Puglia Michele Emiliano ha fatto il punto sulla situazione Covid in regione: «Il dato dell'Rt è 1,06, tra i più bassi d'Italia in questo momento. Abbiamo un numero ancora elevato di terapie intensive disponibili in caso di bisogno». Resta invece la preoccupazione per la carenza di operatori sanitari: «In Italia non abbiamo anestesisti, ma questo è per colpa di una politica di trent'anni che ha ridotto al minimo la sanità e durante una pandemia se hai pochi anestesisti non riesci a distribuirli su tante terapie intensive».

Emiliano ha spiegato che la situazione locale è meno grave di quanto si affermi sugli organi di stampa: «Dicono che la Puglia sarebbe la seconda regione più a rischio del Sud. Ma noi abbiamo ancora molti posti in terapia intensiva. L'ospedale della Fiera non ha la funzione di supportare le terapie intensive che devono essere dispiegate entro la fine del mese secondo il nostro piano, servono soprattutto a consentire agli ospedali più importanti, che hanno dovuto sospendere le attività ordinarie, a riprenderle nei mesi che verranno, e quindi al trasferimento di tutti i pazienti di TI in strutture più grandi, che consentano a un minor numero di anestesisti di presidiare più pazienti».

Sul triste bollettino dei decessi, ha aggiunto: «Abbiamo gli stessi decessi dell'Emilia Romagna, a parità di abitanti. Non ci sono differenze tra Nord e Sud. Siamo tutti sulla stessa barca, dobbiamo difenderci. In tutta Italia i dati sono dieci o undici volte quelli di aprile. Quanto alle particolarità della situazione nella sua regione spiega che i dati vanno letti anche alla luce di alcune decisioni che sono state prese nei mesi scorsi. La Puglia viaggia 15 giorni di ritardo sui picchi, perché ha aperto le scuole 15 giorni dopo».

«Non posso che restare preoccupato per l'attuale situazione» - ammette in chiusura Emiliano.
  • Regione Puglia
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Covid, in Puglia positivo un tampone su 10: 1159 i nuovi casi Covid, in Puglia positivo un tampone su 10: 1159 i nuovi casi Registrati 25 decessi
Approvato il “Protocollo Operativo Covid per l’evento nascita”   Approvato il “Protocollo Operativo Covid per l’evento nascita”   Approccio prudenziale nel periodo dell'emergenza da Covid 19
Covid, 850 nuovi casi su 12mila tamponi Covid, 850 nuovi casi su 12mila tamponi In Puglia 16 decessi, quasi tutti in provincia di Bari
Coronavirus, 400 test positivi su 3000 somministrati Coronavirus, 400 test positivi su 3000 somministrati Si registrano 26 decessi
Covid, oltre 400 positivi e 5 decessi in provincia di Bari Covid, oltre 400 positivi e 5 decessi in provincia di Bari In Puglia 908 positivi su 7mila test
Covid, cala il numero di positivi a Ruvo: sono 174 Covid, cala il numero di positivi a Ruvo: sono 174 In miglioramento la situazione anche nelle Rsa
Puglia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no Puglia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no Le restrizioni in vigore dal 17 gennaio. Prorogato al 30 aprile lo stato d'emergenza
Covid, non scende la curva dei contagi: oggi 1123 casi in Puglia Covid, non scende la curva dei contagi: oggi 1123 casi in Puglia Quindici i decessi. Raggiunta quota 56mila attualmente positivi
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.