Murgia
Murgia
Territorio

Nucleare, Slow Food: «Giù le mani dalla Murgia, siamo pronti alla resistenza»

La posizione della Condotta delle Murge

A seguito della pubblicazione della mappa nazionale di aree idonee ad ospitare rifiuti nucleari, con l'indicazione di numerosi siti possibili proprio a cavallo tra Puglia a Basilicata, lungo la dorsale murgiana, ferma e assolutamente contraria è la posizione del Presidente della Condotta delle Murge Nicola Curci. «La tremenda notizia della pubblicazione della mappa di aree idonee ad ospitare rifiuti nucleari, con l'indicazione di o alle numerosi siti possibili proprio a cavallo tra Puglia a Basilicata, lungo la dorsale murgiana che si allunga da Spinazzola fino alle gravine di Laterza, è il peggiore auspicio di apertura per il tanto atteso 2021.

Gli ottimisti potranno eccepire che si tratti di una mera eventualità, di una ubicazione come possono essercene tante, in sette regioni su venti del nostro Paese. Che non esista alcuna sicurezza che un sito possa necessariamente essere posto in funzione nell'immediatezza. Che le centrali nucleari in Italia siano state ripudiate per volontà del popolo con il referendum del 1987, per poi essere chiuse definitivamente nel 1990 e che, per questo motivo, le scorie nucleari sarebbero pochissime. Ma il recente passato e le ferite aperte in questa porzione di territorio sono ancora troppo evidenti per non farci levare tempestivamente un grido di allarme.

Negli anni trascorsi, Slow Food Murge, assieme a tanti attori attenti ed intelligenti, ha gridato il proprio sdegno contro i mercanti di morte che hanno insozzato di fanghi tossici la nostra steppa, ricca di biodiversità come pochi territori italiani e mediterranei. Per anni abbiamo applaudito al dissenso contro la Murgia militarizzata dalle esercitazioni belliche, ribadendo l'inconciliabilità tra la missione ambientale ed il disegno qualunquista che aveva designato quest'area a poligono di tiro, in barba a un dissenso corposo e fragoroso.

Siamo scesi in piazza contro questa prevaricazione che ignorava senza appello il fatto che c delle prerogative agro- stessimo dedicando ad una lunga e lenta opera di recupero pastorali nell'istituendo Parco Nazionale dell'Alta Murgia, con cui Slow Food ha in essere una collaborazione forte e ambiziosa. In altri termini, non abbiamo fiducia delle manovre strategiche di chi prepara il piatto in un momento storico in cui la pubblica opinione è dispersa in mille rivoli, come mai è avvenuto nella storia repubblicana, anche per effetto della devastante pandemia di cui viviamo gli effetti.

Non cederemo il passo all'attendismo ed alla cecità: terremo gli occhi aperti, per restare vigili in un territorio che rivela bra ogni giorno caratteri straordinari e che fa innamorare di sé ogni viaggiatore che lo attraversi. Non lo faremo, perché ci sembra addirittura blasfemo lanciare questa mappatura soltanto cinque giorni dopo l'annuncio del ministro Costa, che destina ben 105 milioni di euro alla bonifica dei siti "orfani", una nuova categoria giuridica che individua quei luoghi inquinati che non hanno interesse né nazionale, né regionale e che, pertanto, restano senza opera di bonifica. E dire che avremmo volentieri immaginato una parte della nostra terra, magari una delle tante zone che circondano il Parco, destinataria di un intervento di bonifica.

Non resteremo indifferenti alle campane di pericolo di cui avvertiamo sinistri rintocchi: la Murgia non si tocca. Per questo siamo pronti alla mobilitazione, attraverso le forme di dissenso consentite dal nostro ordinamento giuridico e nel pieno rispetto della Carta costituzionale, di cui richiamiamo la potenza dell'articolo 21, la libertà di manifestazione del pensiero. Non abbiamo nella narcolessia del profitto ad ogni costo un'altra Terra. Non ci è stato dato un altro pianeta su cui rimediare agli errori commessi e con ogni mezzo. Siamo pronti alla Resistenza, oggi come ieri».
  • murgia
Altri contenuti a tema
Esercitazioni militari sulla Murgia, PRC: "Fondi sottratti a ospedali e scuole" Esercitazioni militari sulla Murgia, PRC: "Fondi sottratti a ospedali e scuole" L'analisi dei costi del governo della sezione di Rifondazione Comunista di Ruvo
Cheese 2019: sulla Murgia è nata una “stella”. Il battesimo del Capriccio di capra murgiano Cheese 2019: sulla Murgia è nata una “stella”. Il battesimo del Capriccio di capra murgiano L’incontro con gli studenti di UNISG di Pollenzo
Gli incendi devastano la Murgia, Confagricoltura scrive al presidente Emiliano Gli incendi devastano la Murgia, Confagricoltura scrive al presidente Emiliano Aziende e pascoli a rischio
Ruvo nella rete turistica Murgia Slow Travel Ruvo nella rete turistica Murgia Slow Travel Mercoledì la presentazione nella sala conferenza della residenza socio-assistenziale "Spada"
Art_Estate, una giornata dedicata alla Cultura e alla Murgia Art_Estate, una giornata dedicata alla Cultura e alla Murgia Itt aps e Presidi del Libro per un viaggio tra immagini, parole, arte e suoni
Campo estivo in Alta Murgia: Escursionismo, archeologia, trekking, mountain bike Campo estivo in Alta Murgia: Escursionismo, archeologia, trekking, mountain bike L'iniziativa rientra nel programma di “Ruvosportiva – Fra la città e la murgia”.
In marcia per "L'Altra Murgia" In marcia per "L'Altra Murgia" L'appello di Rifondazione Comunista - Potere al Popolo
"L'altra Murgia", una marcia dalla stazione al bosco a difesa dei beni comuni "L'altra Murgia", una marcia dalla stazione al bosco a difesa dei beni comuni Appuntamento per domenica 6 maggio
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.