I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Poste Italiane, pensioni a domicilio grazie ai Carabinieri

L'iniziativa riguarda gli over 75 che ritiravano l'indennità in contanti e che non convivano con altri familiari

Elezioni Regionali 2020
Saranno consegnate direttamente a domicilio dai Carabinieri le pensioni degli anziani, costretti in casa dal Coronavirus. Tutto ciò è stato reso possibile grazie ad un accordo tra le Poste Italiane e l'Arma dei Carabinieri.

Una convenzione «grazie alla quale tutti i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni presso gli uffici postali, che riscuotono la pensione in contanti, possono ricevere le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando i Carabinieri». La nota specifica che c'è una limitazione al servizio: «Non potrà essere reso a coloro che abbiano delegato altri soggetti alla riscossione, abbiano un libretto o un conto o che vivano con familiari o comunque questi siano dimoranti nelle vicinanze».

L'accordo non solo mira a dare un sostegno alle persone anziane limitandone le uscite di casa in chiave di tutela della salute, ma si propone «anche di tutelare i soggetti beneficiari dalla commissione di reati a loro danno quali truffe, rapine e scippi». Come funziona il servizio? «I Carabinieri si recheranno presso gli sportelli degli uffici postali per riscuotere le indennità pensionistiche per consegnarle al domicilio dei beneficiari che ne abbiano fatto richiesta a Poste Italiane rilasciando una delega scritta».

Per attivare il servizio i pensionati di Ruvo di Puglia potranno contattare il numero verde 800.55.66.70 messo a disposizione da Poste Italiane oppure chiamare la Stazione dei Carabinieri allo 080.361.10.10 per richiedere maggiori informazioni.
  • Carabinieri Ruvo di Puglia
Altri contenuti a tema
Armi e munizioni: tre arresti a Ruvo. Anche una micidiale penna-pistola Armi e munizioni: tre arresti a Ruvo. Anche una micidiale penna-pistola Un 31enne, un 51enne ed un 73enne sono stati fermati dai Carabinieri. Trovati anche coltelli a scatto e tirapugni
Tentò l'assalto ad un bancomat di Ruvo, latitante arrestato dai Carabinieri Tentò l'assalto ad un bancomat di Ruvo, latitante arrestato dai Carabinieri Giuseppe Magno, di Andria, si nascondeva a Diso. Nel 2018 tentò il colpo al bancomat dell'Unicredit di corso Carafa
Coronavirus, nel ponte di Pasqua 901 sanzioni su 9.422 controlli Coronavirus, nel ponte di Pasqua 901 sanzioni su 9.422 controlli Controllate anche 270 attività commerciali: 4 titolari sono stati multati, per 3 esercizi è stata disposta la chiusura provvisoria
Pochissimi furbetti in giro, positivo il bilancio nel giorno di Pasquetta Pochissimi furbetti in giro, positivo il bilancio nel giorno di Pasquetta Efficaci i controlli delle forze dell'ordine, fatti su strada, ma anche dall'alto: presidiati tutti i varchi d'accesso
Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Coronavirus: con il nuovo decreto, sanzioni depenalizzate Il nuovo dl ha valore retroattivo: non c'è più la sanzione penale, ma solo amministrativa
Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta» Il procuratore di Bari: «Le denunce sono tante. Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria»
1 Coronavirus, la Prefettura: 1.901 denunciati, 31.441 controllati Coronavirus, la Prefettura: 1.901 denunciati, 31.441 controllati Intensificati i controlli: ci sono anche 17 denunce per false attestazioni, 6 esercizi commerciali chiusi e 15 titolari deferiti
Nuova raffica di controlli. Ma ci sono ancora troppe persone per strada Nuova raffica di controlli. Ma ci sono ancora troppe persone per strada I Carabinieri al lavoro senza sosta: malgrado il continuo richiamo al rispetto delle prescrizioni sono numerosissime le persone denunciate
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.