Forza Italia Ruvo
Forza Italia Ruvo
Politica

Protesta degli edili, Forza Italia risponde a Rifondazione

Gli azzurri: "Pensiero anacronistico, non sanno cosa vuol dire fare impresa"

Elezioni Regionali 2020
L'iniziativa degli imprenditori del mondo edile di scendere in piazza per manifestare il proprio dissenso in merito all'accordo tra governo, Ance e Inail di classificare come infortunio sul lavoro un eventuale contagio al coronavirus dei dipendenti, ha scatenato un vero e proprio dibattito politico.

Alla nota diffusa da Rifondazione Comunista di Ruvo di Puglia e da noi pubblicata nella giornata di ieri segue una replica del circolo cittadino di Forza Italia che contesta con vigore le affermazioni del partito di sinistra. Di seguito il testo della nota di replica.

"Se ai lavoratori fosse riservata la metà dell'attenzione che il Governo ha dato alle pretese dei padroni…" basterebbe già questa affermazione a farci sentire lontani anni luce da un pensiero evidentemente anacronistico e slegato da qualsivoglia visione socio-economica della realtà. "Fare cassa e accrescere i propri profitti sulla pelle dei lavoratori " fa poi rabbrividire.

Trarre queste conclusioni dopo il comunicato di annuncio di una manifestazione di piazza della classe imprenditoriale edile- giustamente preoccupata dalla previsione che riconduce il contagio da Covid-19 ad infortunio- prevista per il prossimo venerdì se non fosse fuori da ogni logica, lascerebbe pensare che chi scrive ignora non soltanto la norma e le sue ripercussioni ma anche ignora il significato odierno del fare impresa .

La salute dei lavoratori prima di tutto ma la responsabilità penale e civile per le infezioni da coronavirus si somma alle innumerevoli incertezze, e agli innumerevoli gravami che da ciò incombono sulla testa degli imprenditori in un paese già sin troppo legato alla burocrazia ed in un momento socio-economico particolarissimo.

Secondo la normativa, il datore di lavoro potrebbe essere chiamato a rispondere per l'infortunio occorso al lavoratore per non aver predisposto tutte le misure precauzionali possibili rispetto al "rischio" potenziale in ambito lavorativo .Tenuto conto che la responsabilità sussiste tutte le volte che il fatto prevedibile sia ricollegabile alla violazione delle norme stesse, il datore di lavoro è tenuto ora più che mai a delineare l'effettivo rischio da Covid-19 con obblighi di adozione delle misure sull'ambiente di lavoro e sull'organizzazione aziendale, sulla gestione dei rapporti con i fornitori, sull'utilizzo di attrezzature/macchinari e di ogni strumento di lavoro, sulla manutenzione impianti anche di climatizzazione. Laddove si accerti che l'inosservanza delle misure descritte sia stata causa di contagio del lavoratore, il datore di lavoro potrebbe essere chiamato a rispondere dei reati di lesioni personali gravi o gravissime ai sensi dell'art. 590 c.p, oppure di omicidio colposo ai sensi dell'art. 589 c.p. qualora al contagio sia seguita la morte dello stesso lavoratore, ravvisandosi una condotta omissiva nei termini di cui all'art. 40 co. 2 c.p».

L'incertezza attuale sulle modalità di contagio, la facilità di contagio stesso e le relative criticità mosse alla norma nascono dall' accertamento del nesso causale ossia dalla certezza del contagio avvenuto in "occasione di lavoro". Altra grande incertezza, l'incidenza di altri fattori estranei al lavoro e connessi alla vita privata del lavoratore, ed anche la possibile inosservanza delle cautele previste al di fuori dell'orario di lavoro.
In questo momento particolare con le imprese già in crisi per la chiusura che si è protratta oltre il necessario e il conseguente rischio che molte di esse non riescano a ripartire, o non siano in grado di sopportare altri oneri e siano costrette a licenziare non era necessaria questa ulteriore previsione nei confronti di chi continua a lavorare e a rischiare in proprio eed a garantire il lavoro a tutti, senza piegarsi all'assistenzialismo del reddito di cittadinanza e al lavoro in nero. Ci si è adeguati a protocolli di prevenzione onerosi, si continua a vivere nella quotidiana incertezza e davvero fa male leggere frasi del genere da chi evidentemente disconosce il significato del fare impresa e, quindi, a creare ricchezza prima ancora che essa sia distribuita, nel significato stretto disposto e sancito dall'articolo 41 della Costituzione italiana!
  • forza italia
Altri contenuti a tema
I consiglieri di FI: «Si istituisca un fondo straordinario per l'emergenza» I consiglieri di FI: «Si istituisca un fondo straordinario per l'emergenza» Si richiede anche la sospensione del pagamento dei tributi sino a luglio 2020
Strutture sportive, Forza Italia presenta una mozione sulla gestione degli impianti Strutture sportive, Forza Italia presenta una mozione sulla gestione degli impianti Obiettivo la predisposizione di un bando pubblico
Festa Azzurra, a Ruvo di Puglia si discute con gli esponenti di Forza Italia Festa Azzurra, a Ruvo di Puglia si discute con gli esponenti di Forza Italia Tre giorni di politica, attualità e festa
Verso i congressi di Forza Italia, Antonello Paparella sarà responsabile organizzativo Verso i congressi di Forza Italia, Antonello Paparella sarà responsabile organizzativo La nomina dai vertici regionali del partito
Forza Italia sul PUG: «Cosa sottende l'accordo sul maxi emendamento?» Forza Italia sul PUG: «Cosa sottende l'accordo sul maxi emendamento?» «Cos’altro dobbiamo aspettarci con il proseguo dei lavori sul PUG?»
A Ruvo di Puglia appuntamento con la Festa Azzurra A Ruvo di Puglia appuntamento con la Festa Azzurra Attesi i vertici regionali e nazionali di Forza Italia
Forza Italia, Vito Ippedico nuovo vice responsabile provinciale Enti Locali Forza Italia, Vito Ippedico nuovo vice responsabile provinciale Enti Locali Giovanni Mazzone invece sarà responsabile enti locali di Ruvo di Puglia
Forza Italia si ritrova a Ruvo e pensa al futuro Forza Italia si ritrova a Ruvo e pensa al futuro Nella città rubastina gli stati generali del partito di Berlusconi
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.