Frutta e Verdura
Frutta e Verdura
Attualità

Spesa di Natale, i consigli di Coldiretti Molfetta-Terlizzi-Ruvo

Il presidente: «Comprare sempre prodotti di stagione»

Elezioni Regionali 2020
In questi giorni sulle nostre tavole la verdura non mancherà, regine indiscusse saranno le rape. In buona compagnia con carote, sedano, cicoria "puntarella" e finocchi per "sciacquarsi la bocca" dopo le abbuffate.
I prodotti ortofrutticoli sono tuttavia quotidianamente sulle nostre tavole ma è anche importante capire quanto siano freschi, come vadano conservati e in quanto tempo debbano essere consumate.
Per questo viaggio ci siamo fatti accompagnare dal presidente della sezione molfettese della Coldiretti che copre anche i territori di Terlizzi e Ruvo di Puglia, Mauro De Ruvo. Ecco cosa ci ha detto.

Come possiamo capire se la verdura è fresca?
«la freschezza della verdura la si può constatare dall'ossidazione (imbrunimento) dei tagli, più vira verso il marroncino più giorni ha quel prodotto. Altro consiglio che posso dare è comprare la verdura fresca, di stagione e consumarla subito, qualche giorno di frigo sicuramente ne altera il sapore».

Le rape, o più in generale la verdura, che andremo a comprare in questi giorni è tutta produzione terlizzese o della Terra di Bari o al massimo del Tavoliere?
«Nel nord barese - precisa - abbiamo tre colture che si stanno diffondendo: le cicorie, i finocchi e il cavolo, a noi note come cime. Le rape se ne stanno mettendo sempre meno, perché l'agricoltore deve pensare anche a fare reddito e siccome quella produzione sviluppa pochi quintali ad ettaro, quelle che troveremo sono insieme a quelle molfettesi, quelle della zona di Altamura che sono comunque molto sane e qualitativamente valide».
Sulle nostre tavole non mancheranno, oltre alla frutta di stagione mele, mandarini, arance e la frutta esotica che il presidente De Ruvo consiglia di mangiare «con ponderazione».

Presidente, come possiamo risalire alla provenienza del prodotto?
«di fare attenzione all'etichetta che per regola normativa deve indicare il paese di origine e di chiedere sempre al proprio fruttivendolo».

Negli ultimi anni è aumentato anche il numero di ortolani in città?
«Hanno sì produzioni locali, ma se vedete tanto assortimento potrebbe non essere tutta produzione propria.
Altro consiglio che si può dare ai consumatori, per quanto banale, è quello di comprare i prodotti di stagione, quello vi garantisce freschezza, sapore e certezza che sia una produzione locale. Per esempio, la cicoria puntarella molfettese o terlizzese, caratterizza la sua produzione principalmente nei mesi di dicembre-gennaio, fuori da questo periodo occorrono trattamenti fitosanitari specifici. Se si acquista una verdura destagionalizzata si deve mettere in conto che qualche forzatura c'è».


Per comodità, per velocità e per praticità sempre più spesso si acquista la verdura in busta nei supermercati, possiamo ritenerli prodotti qualitativamente validi?
«Le grandi catene hanno un sistema di controllo qualità capillare, infatti, possono giustificare anche i costi di analisi del prodotto, che deve corrispondere a quanto certificato dal produttore, altrimenti si è soggetti a sanzioni o alla revoca della fornitura. Per questo posso garantire che fanno controlli specifici ed accurati, garantendo così anche il consumatore finale e al contempo "costringono" i produttori a lavorare utilizzando standard elevati».

Coldiretti da sempre difende i produttori agricoli: i consumatori come possono valutare se una verdura è prodotta nei nostri territori o altrove?
«Coldiretti tramite "Fondazione Campagna Amica", sin dall'anno 2008, promuove sul territorio gli interessi che legano i produttori agricoli con i consumatori. I temi legati alla sana alimentazione tutelano e promuovono la valorizzazione dei territori e dell'ambiente diffondendo la corretta educazione alimentare; il "villaggio Coldiretti", che è la rappresentazione itinerante dell'incontro tra il mondo agricolo e la società civile è un grande mercato dove vengono esposte tutte le eccellenze locali. Questa esperienza è stata fatta in tante province italiane, non ultima Bari l'anno scorso, e ha dimostrato che la gente è molto attenta a queste eccellenze e alla qualità.
Eccellenza e qualità sono certamente aggettivi complementari anche la freschezza, la genuinità sono tutte cose tipiche dei prodotti della nostra terra.
Il consumatore ha un'unica arma a sua difesa è interloquire con il rivenditore che gli garantisce la provenienza. Oggi noi produttori e poi i nostri venditori si trovano di fronte a consumatori sempre più informati per questo anche noi dovremmo fare la nostra parte garantendo prodotti genuini e di provenienza locale.
Le statistiche dicono che negli ultimi tre anni la ricerca di prodotti biologici è arrivata al 20%, mentre gli anni precedenti si attestava sull'1%. Nell'aumento del biologico c'è anche una scelta precisa del consumatore che vira verso la qualità».


Chiudiamo con una domanda che in tanti si fanno, visto il consumo sempre maggiore di prodotti coltivati senza diserbanti e chimica aggiuntiva. Quali sono le caratteristiche del prodotto biologico?
«È bene precisare che un prodotto biologico esce fuori da una azienda che ha questo tipo di produzione, ed un' azienda per essere certificata biologica ha bisogno di un iter che dura due/tre anni, deve ottenere tutta una serie di certificazioni, di controlli e di adeguamenti. Ottenuta la certificazione deve attenersi a tutta una serie di regole disciplinari molto restrittive, che fanno sì che la merce che produce sia definita biologica».
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Agromafie, in Puglia 219 aziende di ristorazione sotto sequestro Agromafie, in Puglia 219 aziende di ristorazione sotto sequestro Coldiretti: «In Italia 5 mila ristoranti sono in mano alla mafia»
Criminalità e caro prezzi, Coldiretti incontra il Prefetto Criminalità e caro prezzi, Coldiretti incontra il Prefetto Un tavolo di crisi per attuare provvedimenti che assicurino manodopera, sicurezza e controllo
Coldiretti denuncia: «Invasione di insetti alieni» Coldiretti denuncia: «Invasione di insetti alieni» Sotto accusa è il sistema di controllo dell’Unione Europea con frontiere colabrodo
1 Cinghiali ghiotti di mandorle, razzia nelle campagne. Danni per 11 milioni di euro Cinghiali ghiotti di mandorle, razzia nelle campagne. Danni per 11 milioni di euro La denuncia di Coldiretti Bari - BAT
Stress termico, sos per le mucche nelle stalle Stress termico, sos per le mucche nelle stalle Coldiretti Puglia: «Produzione di latte calata del 15%»
Vacanze, boom di prenotazioni in agriturismo Vacanze, boom di prenotazioni in agriturismo L'analisi di Coldiretti Puglia
Prodotti enogastronomici venduti sul web, Coldiretti: «Occhio alle truffe» Prodotti enogastronomici venduti sul web, Coldiretti: «Occhio alle truffe» Diverse le frodi agroalimentari intercettate dagli organismi di tutela
Invasione di pappagalli, si teme per le colture Invasione di pappagalli, si teme per le colture L'allarme di Coldiretti
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.