Sala degli specchi - Prefettura
Sala degli specchi - Prefettura
Attualità

Un ruvese insignito dell'onorificenza al Merito della Repubblica Italiana

A Michele Pellicani il titolo di Cavaliere

Nel salone degli Specchi della Prefettura di Bari, è andata in scena la cerimonia ufficiale di consegna dei diplomi delle onorificenze al "Merito della Repubblica Italiana", concesse a 28 cittadini dell'area metropolitana di Bari, alla presenza del Prefetto di Bari, Marilisa Magno, del Vice Presidente della Regione Puglia, Antonio Nunziante , del Sindaco Metropolitano, Antonio Decaro, e dei Sindaci dei Comuni interessati.

L'ambita onorificenza dell'O.M.R.I. è riconosciuta con decreto del Presidente della Repubblica a tutti i cittadini italiani e stranieri, che abbiano almeno 35 anni di età e che abbiano acquisito benemerenze verso la Nazione nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell'economia e del disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari.

Nel corso della cerimonia sono state, altresì, consegnate due Medaglie d'Onore, concesse con decreto del Presidente della Repubblica, riservate a cittadini italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti. La prima è stata riconosciuta alla memoria del sig. Esposito Giuseppe, internato militare, classe 1919, l'altra è stata consegnata al sig. Panza Giacomo classe 1924, internato militare dall'11/09/1943 al 01/06/1945 nel campo di lavoro Wuppertal (Germania) e nel campo di lavoro Fischamend (Austria).

Tra le persone insignite dell'onorificenza vi è anche il ruvese Michele Pellicani, imprenditore edile.
  • Onorificenza
© 2001-2019 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.