pierdomenico di terlizzi rifondazione comunista
pierdomenico di terlizzi rifondazione comunista
Politica

«Non si batte cassa sulla pelle dei lavoratori», Rifondazione contesta gli edili

La nota del circolo ruvese di Rifondazione Comunista

Elezioni Regionali 2020
Soltanto questa mattina, sulle pagine di RuvoViva, ospitavamo il grido di allarme degli imprenditori e degli operatori del mondo dell'edilizia, pronti a scendere in piazza per manifestare contro l'accordo stilato da Governo, Ance e Inail per classificare un eventuale contagio da covid 19 di un dipendente come infortunio sul lavoro.

Una nota alla quale il circolo ruvese di Rifondazione Comunista ha voluto replicare, stigmatizzandone i contenuti e ribadendo che «Non si batte cassa sulla pelle dei lavoratori».

Questo il contenuto della nota a firma di Rifondazione Comunista.

«Quest'oggi leggiamo con preoccupazione della manifestazione che gli edili organizzano questo venerdì in piazza Matteotti, nella quale in sostanza si chiede di poter deresponsabilizzare il datore di lavoro dagli oneri e dalla osservanza delle norme di sicurezza anticontagio a tutela dei lavoratori nei cantieri.

Vorremmo innanzitutto ricordare agli imprenditori che aderiranno all'iniziativa che i lavoratori contagiati dal Covid-19 sul luogo di lavoro sono saliti a maggio a 43.399 in Italia dall'inizio dell'epidemia. Lo si rileva dai casi denunciati all'Inail tra la fine di febbraio e il 15 maggio. Sono circa seimila in più rispetto ai 37.352 della rilevazione fatta il 4 maggio, cioè il giorno ufficiale delle riaperture di molte attività. Non solo: i casi di infezione sui luoghi di lavoro con esito mortale denunciati all'Inail tra la fine di febbraio e il 15 maggio sono 171, cioè 42 in più rispetto al monitoraggio precedente rilevato al 4 maggio. Attualmente i morti da coronavirus sono il 40% del totale delle vittime sul lavoro.

Una realtà prevedibile viste le denunce che arrivano da tutta Italia sull'insufficienza dei dispositivi di protezione individuale e sulla mancata osservanza delle norme di sicurezza. Se ai lavoratori fosse riservata la metà dell'attenzione che il Governo ha dato alle pretese dei padroni e di Confindustria in questo periodo, non staremmo parlando di questi numeri. Dalle deroghe che hanno tenuto al lavoro il 55% dei lavoratori di industria e servizi privati, alle modalità di riapertura che oggi tutelano solo quegli interessi, non poteva e non può arrivare nulla di diverso.
Rifiutiamo ogni tipo di narrazione che porti il datore di lavoro ad essere deresponsabilizzato dalla tutela della sicurezza, della salute e della vita dei lavoratori, specialmente in Italia, dove da inizio anno le morti sul luogo di lavoro sono ormai più di 400, escluse quelle da contagio. Ribadiamo che fare cassa e accrescere i propri profitti sulla pelle dei lavoratori (questo, sinteticamente, verrà chiesto venerdì) è un reato e come tale deve continuare ad essere considerato».
  • Rifondazione comunista
  • Edilizia
Altri contenuti a tema
Protesta edili, Chieco: «Non condivido la vostra posizione, il decreto vi tutela» Protesta edili, Chieco: «Non condivido la vostra posizione, il decreto vi tutela» Il sindaco risponde agli edili contrari alla norma che considera il contagio da Covid19 sul cantiere come infortunio sul lavoro
Protesta degli edili, Ruvo Democratica sostiene l'iniziativa Protesta degli edili, Ruvo Democratica sostiene l'iniziativa Il Comitato civico: «Necessario far sentire l'allarme e chiedere interventi attuativi al Governo»
Edili e affini pronti a scendere in piazza a Ruvo di Puglia: «Non siamo colpevoli del contagio» Edili e affini pronti a scendere in piazza a Ruvo di Puglia: «Non siamo colpevoli del contagio» Venerdì la mobilitazione in Piazza Matteotti
Attentato a carabiniere, Di Terlizzi: «Segnali di declino sociale, economico e morale» Attentato a carabiniere, Di Terlizzi: «Segnali di declino sociale, economico e morale» Il segretario di Rifondazione Comunista di Ruvo di Puglia esprime vicinanza al carabiniere
Dopo la bomba Rifondazione riparte: comizio in piazza Dopo la bomba Rifondazione riparte: comizio in piazza «Ciascun attacco subito da fascisti più o meno in erba ci indica che la strada intrapresa è quella giusta»
Bombe carta contro la sede di Rifondazione Comunista Bombe carta contro la sede di Rifondazione Comunista Si valuta se si sia trattato di un episodio per colpire il partito o solo per salutare il nuovo anno
Ospedale del Nord Barese, per Rifondazione Ruvo solo «vecchie chiacchiere» Ospedale del Nord Barese, per Rifondazione Ruvo solo «vecchie chiacchiere» La nota del circolo ruvese sulla nuova struttura sanitaria
Rifondazione, «Il consiglio approvi un ordine del giorno a sostegno dei Curdi» Rifondazione, «Il consiglio approvi un ordine del giorno a sostegno dei Curdi» La nota del partito della Rifondazione Comunista alla vigilia della riunione della massima assise cittadina
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.