Parità di genere
Parità di genere
Politica

Parità retributiva tra i generi, sì della Regione alla proposta di legge

Pari trattamento per donne e uomini, concordi le tre commissioni consiliari competenti

Parità retributiva tra donne e uomini: un percorso ancora in salita, sul quale una legge regionale pugliese si aggiungerà presto alle altre importanti previsioni normative già in vigore e solleciterà solleciterà il conseguimento del pari trattamento salariale, obiettivo qualificante per una comunità civile. Tre commissioni congiunte del Consiglio regionale - servizi sociali e sviluppo con parere consultivo favorevole, lavoro con il sì in sede referente - hanno approvato e avviato all'Aula per l'adozione definitiva la proposta di legge della presidente dell'Assemblea Loredana Capone - testo unificato con quello del presidente della seconda commissione Antonio Tutolo - che ribadisce e sostiene la parità di trattamento retributivo dei generi. Ai lavori, diretti dai presidenti Donato Metallo, Mauro Vizzino e Giuseppe Tupputi, ha partecipato l'assessore regionale al lavoro Sebastiano Leo.

"La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore": l'art. 37 della Costituzione è molto, con l'art. 3 sulla pari dignità sociale, gli art. 8 del Trattato UE (rimozione delle disuguaglianze) e 157, sulla parità di retribuzione tra i sessi per uno stesso lavoro o per un lavoro di pari valore. Sono previsioni normative "palesemente e tristemente violate": l'iniziativa legislativa, sottoscritta da numerosi consiglieri, vuole rimuovere gli ostacoli all'attuazione e introduce misure, anche economiche, per favorire in concreto la parità, l'accesso al credito, l'uguaglianza formale e stanziale.

Non sono norme in favore astratto delle donne, ma vogliono rimuovere un gap, eliminare gli ostacoli all'applicazione dei norme legali, sociali ed etiche. "É una risposta urgente e indispensabile - ha dichiarato la presidente Capone - ad una condizione che non è più accettabile, oltre ad essere in controtendenza rispetto agli obiettivi europei. La pandemia ha reso la situazione ancora più allarmante e le donne del Sud sono state le più penalizzate: in Puglia, solo il 37,7% degli occupati è donna".

Diciotto articoli per garantire il rispetto del principio della parità retributiva dei sessi, contrastando le discriminazioni di genere e promuovendo la permanenza, il reinserimento e l'affermazione delle donne lavoratrici dipendenti e autonome. Con l'attenzione a potenziare i servizi che possono favorire i tempi di conciliazione vita lavoro.

Incentivi, premialità per le imprese che in Puglia assumono donne con contratti stabili e retribuzione adeguata. Istituzione di un elenco di imprese virtuose. Anche obblighi per i datori di lavoro e sanzioni per i licenziamenti illegittimi, per la violazione delle norme a tutela della maternità e paternità, per discriminazioni e molestie sessuali sul luogo di lavoro.

Sono introdotti percorsi di formazione per avvicinare le donne alle materie STEM (scienza, tecnologia, ingegneria, matematica) e previsti interventi per il reinserimento sociale e lavorativo delle donne vittime di violenza e contributi per imprese ed enti del Terzo settore impegnati a favorire il percorso.

Nei Centri per l'impiego verrà istituito lo "Sportello donna". Un protocollo d'Intesa con l'Associazione bancaria italiana consentirà ad imprese femminili e lavoratrici autonome l'accesso al credito a tassi agevolati.

La Giunta regionale trasmetterà periodicamente al Consiglio una relazione sullo stato di attuazione della legge.

Condiviso un emendamento proposto dal consigliere Antonio Gabellone: istituita una giornata regionale contro le discriminazioni di genere sul lavoro, in cui premiare tra l'altro le aziende che si sono distinte.
  • Lavoro
Altri contenuti a tema
Il lavoro femminile dopo il Covid, raccontaci la tua storia Il lavoro femminile dopo il Covid, raccontaci la tua storia Vogliamo raccogliere le storie delle donne della nostra terra
AgriCultura, progetto contro l'esclusione sociale dei giovani. L'avviso pubblico AgriCultura, progetto contro l'esclusione sociale dei giovani. L'avviso pubblico Idee imprenditoriali e inserimento lavorativo per 75 ragazzi dell'area metropolitana
All'alba del 1° Maggio, Pellegrini: «Per tutti i lavoratori, guardando con speranza al futuro» All'alba del 1° Maggio, Pellegrini: «Per tutti i lavoratori, guardando con speranza al futuro» L'analisi del coordinatore della Camera del Lavoro sulle difficoltà del mondo del lavoro
Covid, da associazioni e sindacati un avviso comune per potenziare smart working Covid, da associazioni e sindacati un avviso comune per potenziare smart working Confartigianato: "Però anche controlli più severi per le strade"
Crisi economica da Covid, il 70% di chi ha perso lavoro è donna Crisi economica da Covid, il 70% di chi ha perso lavoro è donna Coldiretti in Commissione Agricoltura chiede disciplina dell'imprenditoria e lavoro femminile in agricoltura
"Lavoro per Te", il portale di Regione Puglia per i servizi per il lavoro "Lavoro per Te", il portale di Regione Puglia per i servizi per il lavoro Leo: «Un luogo virtuale per l’incrocio tra domanda e offerta»
Lavoro e Sicurezza Srl, inclusione e integrazione sociale Lavoro e Sicurezza Srl, inclusione e integrazione sociale Servizi mirati nel campo socio-assistenziale per utenti diversamente abili
Centri per l'Impiego, prorogata l'attività dei formatori Centri per l'Impiego, prorogata l'attività dei formatori La delibera approvata in Giunta
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.