pierdomenico di terlizzi rifondazione comunista
pierdomenico di terlizzi rifondazione comunista
Politica

Rifondazione Comunista chiede al Prefetto misure urgenti a tutela della salute dei lavoratori

«Servono controlli e risorse per il sostegno al reddito dei lavoratori e piccole imprese»

Con una lettera inviata al Prefetto di Bari, e con riferimento alle deroghe al DPCM del 25 marzo 2020, il Partito di Rifondazione Comunista chiede "un intervento immediato a seguito delle notizie preoccupanti pervenute da parte di aziende che mettono a rischio la salute dei lavoratori e lavoratrici, delle loro famiglie e della collettività".

In particolare, Rifondazione Comunista chiede:
  • Che si rendano immediatamente pubblici gli elenchi delle aziende attive, ovvero ricomprese nei codici ATECO del DPCM 25 marzo ("produzioni essenziali") e soprattutto di quelle che nelle ultime due settimane hanno richiesto deroghe per la riapertura.
  • Che i sindaci e le Asl siano informati tempestivamente su ciascun territorio dei flussi e degli spostamenti delle persone per le produzioni essenziali e per le deroghe concesse.
  • Che la Prefettura proceda con controlli massicci su tutte le produzioni attive; sarebbe molto utile mappare il movimento di migliaia di lavoratori/ici che tutti i giorni sono obbligati a muoversi per garantire le esigenze vitali delle comunità e probabilmente anche di troppe produzioni assolutamente non indispensabili.
«L'elenco dei Codici ATECO - si legge nella missiva - prevede già maglie estremamente larghe, a titolo di esempio le fabbriche di armi (a Cameri si continuano ad assemblare F35) e dell'aerospazio sono attive senza bisogno di deroghe. Inoltre, il meccanismo delle deroghe, attraverso il silenzio assenso, sta consentendo riaperture ben oltre le produzioni essenziali.

La difficoltà dei controlli e le furbizie delle aziende nel giocare con i codici ATECO rischiano di compromettere le misure di distanziamento sociale, unico argine al diffondersi del virus.

Rifondazione Comunista, nel chieder un intervento immediato ed i relativi controlli per la salvaguardia del diritto alla salute di tutti e tutte, ribadisce che servono risorse e misure urgenti per il sostegno al reddito dei lavoratori visibili e invisibili, alle piccole e piccolissime imprese che sono predominanti nel nostro tessuto economico».
  • Lavoro
  • Emergenza Coronavirus
Altri contenuti a tema
Contrasto alla crisi economica da pandemia, ampliata platea dei beneficiari Contrasto alla crisi economica da pandemia, ampliata platea dei beneficiari Il Consiglio regionale approva all'unanimità
Puglia verso la zona gialla a partire da lunedì Puglia verso la zona gialla a partire da lunedì Il calo dei contagi e la diminuzione dei ricoveri lascia ben sperare. Attesa l'ufficialità
Emergenza Covid, Ruvo si blinda: restrizioni per un'altra settimana Emergenza Covid, Ruvo si blinda: restrizioni per un'altra settimana Il sindaco firma l'ordinanza
In arrivo l'Avviso Start 2021 per i lavoratori dello spettacolo In arrivo l'Avviso Start 2021 per i lavoratori dello spettacolo Leo e Bray: «Contributo regionale una tantum di 2mila euro a chi non abbia ricevuto ristori dallo Stato»
All'alba del 1° Maggio, Pellegrini: «Per tutti i lavoratori, guardando con speranza al futuro» All'alba del 1° Maggio, Pellegrini: «Per tutti i lavoratori, guardando con speranza al futuro» L'analisi del coordinatore della Camera del Lavoro sulle difficoltà del mondo del lavoro
Contagi Covid, Ruvo ancora maglia nera in provincia. È la città col maggiore tasso Contagi Covid, Ruvo ancora maglia nera in provincia. È la città col maggiore tasso Discende la curva dei contagi ma nella città del Talos la situazione preoccupa
Emiliano scrive a Speranza: «Fateci riaprire i negozi» Emiliano scrive a Speranza: «Fateci riaprire i negozi» L'appello del governatore al ministro della salute
La Puglia rimane rossa sino al 30 aprile La Puglia rimane rossa sino al 30 aprile La conferma del Ministro Speranza. FDI: «La gestione dell'emergenza sia commissariata»
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.