Tre lunghezze focali, una visione
Tre lunghezze focali, una visione
Sponsorizzato

Vivere senza occhiali: adesso è una realtà

Finalmente presso lo studio oculistico Seclì l'avveniristica tecnica chirurgica Prelex

Rovistare sul comodino, cercare l'interruttore e indossare gli occhiali perché senza di loro, vedi solo immagini annebbiate. Questa è la prima cosa che fanno moltissime persone appena si svegliano. Immagina invece di aprire gli occhi senza dover cercare gli occhiali.

Oppure, ti stai accorgendo che la tua vista sta peggiorando progressivamente e devi indossare gli occhiali per la prima volta in vita tua? Non riesci ad abituarti all'uso degli occhiali? Devi comprare regolarmente un nuovo paio di occhiali perché non sono più adeguati? Dimentica le prescrizioni e il bisogno di sostituire i tuoi occhiali regolarmente.

L'avveniristica tecnica chirurgica Prelex, finalmente presso il centro oculistico del dott. Gianfranco Seclì, in via Bari n. 60 a Giovinazzo (telefono 080.394.6993), è stata ideata per chi desidera vivere senza occhiali. Praticare uno sport in completa libertà, scoprire ogni angolo di un meraviglioso panorama o guardare lo smartphone senza mettere gli occhiali è possibile, e con una nitidezza straordinaria.

Dott. Seclì, lei è un chirurgo refrattivo, cioè un profondo conoscitore e divulgatore di tecniche e procedure contattologiche, parachirurgiche e chirurgiche atte a non avere necessità degli occhiali.

«Sì, è vero, mi occupo di chirurgia refrattiva da ben 25 anni e in oculistica abbiamo fatto molti passi avanti. Adesso disponiamo di tecniche collaudate e precise che ci permettono di offrire ai nostri pazienti soluzioni avanzate per non avere bisogno degli occhiali».

Dott. Secli, sono rimasto colpito da una pubblicità di uno studio oculistico americano, letta in aereo, che parlava della possibilità, con la tecnica Prelex, di poter vedere da lontano e da vicino senza occhiali per sempre. Cosa ne pensa?

«Si, lei fa riferimento alla tecnica chirurgica Prelex, acronimo di scambio presbiopico delle lenti (PREsbiotic Lens Exchange). Questa tecnica chirurgica, peraltro approvata dalla FDA americana, si rivolge agli ultra 50enni che non possono più leggere senza occhiali e che incominciano ad avere disfunzioni visive, dovute all'invecchiamento della lente naturale dell'occhio, anche se in precedenza avevano effettuato interventi laser per miopia (PRK, LASEK, LASIK).

Questa innovativa tecnica chirurgica ripristina la visione ad un età più giovanile offrendo una visione ottimale in entrambi gli occhi, preservando la visione binoculare e la profondità di campo. Inoltre permette ad ogni occhio di vedere lontano (per guardare il gioco del calcio, ad esempio), l'intermedio (per il lavoro davanti al computer) e vicino (per leggere il giornale)».

Dott. Secli in che cosa consiste?

«Prelex è in definitiva un intervento ambulatoriale, in anestesia con le gocce, dura 15-20 minuti nei quali la lente naturale viene vaporizzata, utilizzando gli ultra suoni, e sostituita da una protesi artificiale presbiopica ad alta tecnologia. La lente artificiale impiantata è in materiale inerte e mantiene la sua trasparenza e potere per sempre senza necessità di ulteriore assistenza dopo l'intervento e fra l'altro previene lo sviluppo della cataratta e non induce l'occhio secco».
  • Gianfranco Seclì
  • Studio oculistico Seclì
Altri contenuti a tema
Oct, il raggio laser che scopre le malattie dell’occhio Oct, il raggio laser che scopre le malattie dell’occhio Un esame a immagini che consente di rilevare con precisione eventuali anomalie della cornea e della retina. Ecco come funziona
© 2001-2018 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.