Lavoro
Lavoro
Economia

Welfare aziendale nelle PMI, dalla Regione due avvisi per 16milioni di euro

Fondi per favorire una riorganizzazione del lavoro orientato al benessere del lavoratore e della famiglia

Elezioni Regionali 2020
La Regione Puglia ha pubblicato due Avvisi, il primo rivolto alle Piccole e medie imprese, per favorire l'adozione di nuove forme di organizzazione del lavoro, e il secondo rivolto agli Enti bilaterali della Regione, per favorire la promozione di una nuova cultura del lavoro orientato al benessere del lavoratore e della famiglia.

Complessivamente i due Avvisi hanno risorse per 16 milioni di euro.

Il primo Avviso "Attivazione di un Piano di Innovazione Family friendly nelle PMI" è rivolto alla PMI ed è relativo alla promozione del welfare aziendale e di nuove forme di organizzazione del lavoro family friendly (a valere sulle risorse del FSE, azione 8.6b del PO Puglia 2014-2020 (Burp n. 53 del 16/04/2020 - D.D. 195).
Le risorse sono pari a €14.500.000,00 mentre la modalità di presentazione delle domande è a sportello, fino cioè ad esaurimento della dotazione finanziaria.

«La finalità di questo Avviso – ha detto l'assessore al Welfare della Regione Puglia Salvatore Ruggeri - è favorire l'adozione, da parte delle imprese, di modelli di organizzazione del lavoro improntati alla destandardizzazione degli orari, ad esempio attraverso strumenti come la flessibilità in entrata e in uscita, gli orari a menù, la banca delle ore etc. etc oppure attraverso le nuove e innovative modalità di lavoro, quali telelavoro o smart working».

L'Avviso finanzia la redazione e l'implementazione di un Piano di Innovazione Family Friendly nelle PMI volto al miglioramento della produttività aziendale e della conciliazione vita-lavoro.
Il Piano, della durata di 18 mesi, dovrà essere redatto sulla base dell'analisi dei fabbisogni di conciliazione vita-lavoro e di benessere organizzativo rilevati fra le lavoratrici e i lavoratori dell'impresa e potrà prevedere l'implementazione:
  • di misure di flessibilità oraria e/o organizzativa;
  • di attività propedeutiche all'introduzione delle misure di flessibilità
Ogni proposta progettuale non potrà superare l'importo complessivo di € 100.000,00.

Il contributo regionale, aiuto de minimis, finanzia fino all'80% della spesa per la redazione e l'implementazione del Piano di Innovazione Family friendly e fino al 100% della spesa per la formazione, propedeutica alla realizzazione del Piano.

Possono presentare domanda le Piccole e medie imprese con sede legale e operativa in Puglia, inviando la richiesta alla Regione Puglia, Sezione Promozione della Salute e del Benessere - Servizio Minori Famiglie e Pari Opportunità, con la documentazione necessaria, in formato "pdf" e sottoscritta con firma digitale, in corso di validità, dal Legale Rappresentante.

Questa la documentazione da inviare:
  • domanda di contributo
  • proposta progettuale, contenente la descrizione del Piano di Innovazione Family friendly
  • dichiarazione sostitutiva di notorietà attestante il possesso dei requisiti di ammissibilità
  • dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà attestante l'assenza di condizione ostative la presentazione dell'istanza di candidatura
  • dichiarazioni sostitutive di notorietà per la concessione di aiuti in "de minimis",
  • copia Documento di Identità del Legale Rappresentante e di ciascun altro soggetto componente l'organo amministrativo che detenga poteri di rappresentanza del Soggetto proponente.
Tutta la documentazione, reperibile sul portale della Regione Puglia, deve essere indirizzata alla pec: servizisociali_pariopportunita@pec.rupar.puglia.it, indicando come oggetto: Candidatura per Avviso Pubblico: "Attivazione di un Piano di Innovazione Family Friendly nelle PMI" POR Puglia 2014-2020 - Sub-Azione 8.6.b.W

Il secondo Avviso "Promozione del welfare aziendale e della flessibilità nelle PMI" è invece destinato agli Enti bilaterali pugliesi a valere sulle risorse del FSE, Sub-azione 8.6b del PO Puglia 2014-2020 (Burp n. 53 del 16/04/2020 - D.D. 194 del 9/03/2020).

Le risorse complessive destinate a questo intervento sono pari a € 1.500.000,00.

«L'obiettivo di questo secondo Avviso – ha spiegato l'assessore Ruggeri - è sviluppare una cultura condivisa sul tema della conciliazione vita-lavoro e del benessere organizzativo promuovendo l'adozione di politiche di gestione del personale orientate al benessere dei lavoratori, delle lavoratrici e delle loro famiglie».
L'avviso eroga un contributo massimo di € 100.000,00.

Ai soggetti ammessi a finanziamento saranno affidate, per un periodo di 12 mesi, le seguenti attività:
  • attività di animazione, informazione e sensibilizzazione volte a promuovere la diffusione di conoscenze tecno-specialistiche sugli strumenti del welfare aziendale e della flessibilità oraria e organizzativa e a favorire un'evoluzione culturale sul tema della conciliazione vita-lavoro e dei vantaggi competitivi derivanti dall'adozione di modelli organizzativi family friendly, attraverso eventi, attivazione di sportelli informativi, realizzazione e distribuzione di materiali informativi;
  • attività di promozione degli interventi regionali volti a favorire la conciliazione vita-lavoro e la diffusione di modelli di organizzazione family friendly.
Possono presentare domanda gli Enti Bilaterali operanti a livello regionale in forma singola o Enti Bilaterali operanti a livello provinciale in forma singola o in raggruppamento temporaneo.
Le domande dovranno essere inviate entro 18 maggio 2020 alla Regione Puglia, Sezione Promozione della Salute e del Benessere - Servizio Minori Famiglie e Pari Opportunità.

Tutta la documentazione, reperibile su Portale Regione Puglia dovrà essere inviata alla pec: servizisociali_pariopportunita@pec.rupar.puglia.it, e riportare come oggetto: Candidatura Avviso di Selezione "Promozione del welfare aziendale e della flessibilità nelle PMI".
  • Lavoro
Altri contenuti a tema
Un fondo da 420mila euro a sostegno della genitorialità dei lavoratori Un fondo da 420mila euro a sostegno della genitorialità dei lavoratori L’intervento rivolto ai lavoratori di aziende aderenti a Ebiter costretti a sospendere l’attività a causa del Covid-19
Giovani e lavoro, spunti di riflessione in vista dell'incontro diocesano Giovani e lavoro, spunti di riflessione in vista dell'incontro diocesano Percorso di preparazione al secondo appuntamento con "Ri-generazione giovani"
Il lavoro nella fase 2. Intervista col prof. Giulio D'Imperio Il lavoro nella fase 2. Intervista col prof. Giulio D'Imperio Alcune domande per comprendere gli aspetti del decreto Cura Italia
Cassa integrazione, ok per l'estensione ai dipendenti assunti sino al 17 marzo Cassa integrazione, ok per l'estensione ai dipendenti assunti sino al 17 marzo In arrivo ulteriori 120 milioni dal governo nazionale
Rifondazione Comunista chiede al Prefetto misure urgenti a tutela della salute dei lavoratori Rifondazione Comunista chiede al Prefetto misure urgenti a tutela della salute dei lavoratori «Servono controlli e risorse per il sostegno al reddito dei lavoratori e piccole imprese»
Accordo Regione Parti sociali. Coperti con Cassa integrazione in deroga tutti i lavoratori dipendenti Accordo Regione Parti sociali. Coperti con Cassa integrazione in deroga tutti i lavoratori dipendenti Ammessi anche i lavoratori a tempo determinato
Due imprese ruvesi premiate come "Imprese Storiche" Due imprese ruvesi premiate come "Imprese Storiche" Si tratta di Abitex e Pasticceria Berardi
Conferito il titolo di “Maestro Artigiano” a due cittadini di Ruvo di Puglia Conferito il titolo di “Maestro Artigiano” a due cittadini di Ruvo di Puglia Si tratta di Antonio Di Ceglie e Vincenzo Pansini
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.