Mani contadino
Mani contadino
Attualità

«Le mani dei contadini patrimonio dell'UNESCO», Vazapp lancia la petizione

«L’hub rurale chiede anche al Presidente della Repubblica e alle istituzioni tutte di designare una giornata che celebri quelle mani per restituire dignità al lavoro agricolo nel rispetto dei diritti umani»

Vazapp, il primo hub rurale in Puglia, lancia una nuova petizione su Change.org per far diventare le mani dei braccianti e dei contadini patrimonio immateriale dell'UNESCO.

L'hub rurale chiede anche al Presidente della Repubblica e alle istituzioni tutte di designare una giornata che celebri quelle mani per restituire dignità al lavoro agricolo nel rispetto dei diritti umani.

«Questo significa dare speranza anche al nostro futuro» si legge nella nota che comunica l'avvio della petizione.

«Le mani di chi lavora la terra non sono, infatti, come le altre mani. Esse sono uniche, asciugate dal sole e levigate dal vento. Sono mani che custodiscono "saperi" antichi che hanno trasformato l'esperienza in sapienza. Su quelle mani sono impresse storie di vita e di sacrifici. Ogni giorno, esse producono il cibo che arriva sulle nostre tavole».

«Don Michele de Paolis, fondatore di Vazapp, ha trasmesso a chi l'ha conosciuto l'importanza di dare sempre il proprio contributo, anche se piccolo, per imprimere forza alla corrente del cambiamento. Per questo, Vazapp è nato per rilanciare il settore agricolo attraverso un percorso di innovazione sociale. Esso è, infatti, un luogo di condivisione, formazione e creazione di relazioni formato da giovani agricoltori, professionisti, ricercatori, comunicatori e creativi. L'intento è di sviluppare idee e attività imprenditoriali, finalizzate a creare opportunità e dar vita ad una "Filiera colta"®» scrivono i promotori dell'iniziativa.

E concludono: «A seguito degli ultimi episodi tragici registratesi in provincia di Foggia, Vazapp ha creduto fortemente che un piccolo contributo verso il cambiamento del volto dell'agricoltura debba passare prima di tutto dal riconoscimento del suo valore immateriale, inteso non come attività lavorativa ma come tradizione del sapere da tramandare alle prossime generazioni. In questo modo, i giovani non saranno più costretti a fare le valigie per andare via ma saranno felici di restare per unirsi con quelle persone che amano la propria terra e che vogliono farla crescere. La terra è il luogo più fertile per coltivare i sogni».
  • Lavoro
Altri contenuti a tema
Un fondo da 420mila euro a sostegno della genitorialità dei lavoratori Un fondo da 420mila euro a sostegno della genitorialità dei lavoratori L’intervento rivolto ai lavoratori di aziende aderenti a Ebiter costretti a sospendere l’attività a causa del Covid-19
Giovani e lavoro, spunti di riflessione in vista dell'incontro diocesano Giovani e lavoro, spunti di riflessione in vista dell'incontro diocesano Percorso di preparazione al secondo appuntamento con "Ri-generazione giovani"
Il lavoro nella fase 2. Intervista col prof. Giulio D'Imperio Il lavoro nella fase 2. Intervista col prof. Giulio D'Imperio Alcune domande per comprendere gli aspetti del decreto Cura Italia
Welfare aziendale nelle PMI, dalla Regione due avvisi per 16milioni di euro Welfare aziendale nelle PMI, dalla Regione due avvisi per 16milioni di euro Fondi per favorire una riorganizzazione del lavoro orientato al benessere del lavoratore e della famiglia
Cassa integrazione, ok per l'estensione ai dipendenti assunti sino al 17 marzo Cassa integrazione, ok per l'estensione ai dipendenti assunti sino al 17 marzo In arrivo ulteriori 120 milioni dal governo nazionale
Rifondazione Comunista chiede al Prefetto misure urgenti a tutela della salute dei lavoratori Rifondazione Comunista chiede al Prefetto misure urgenti a tutela della salute dei lavoratori «Servono controlli e risorse per il sostegno al reddito dei lavoratori e piccole imprese»
Accordo Regione Parti sociali. Coperti con Cassa integrazione in deroga tutti i lavoratori dipendenti Accordo Regione Parti sociali. Coperti con Cassa integrazione in deroga tutti i lavoratori dipendenti Ammessi anche i lavoratori a tempo determinato
Due imprese ruvesi premiate come "Imprese Storiche" Due imprese ruvesi premiate come "Imprese Storiche" Si tratta di Abitex e Pasticceria Berardi
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.