Mascherina
Mascherina
Attualità

Zona rossa, cosa cambia a Ruvo e in Puglia da lunedì

Dal 15 marzo al 6 aprile tutte le limitazioni per la nostra regione: torna l'obbligo di autocertificazione

La decisione dirompente che sposta la Puglia nell'area di maggiore rischio farà scattare le limitazioni previste dalla zona rossa anche nella nostra regione a partire da lunedì 15 marzo fino a martedì 6 aprile.

Ecco un elenco sintetico delle principali disposizioni:

Scuola a distanza

Tutti a casa. Le scuole di ogni ordine e grado, dall'asilo alle scuole superiori, saranno in didattica a distanza, fatta eccezione per gli studenti con disabilità o con bisogni educativi speciali che potranno continuare ad andare in classe.

Per le Università saranno prese decisioni autonome in base alle eventuali attività formative considerate indispensabili.

Spostamenti con autocertificazione

Non si può uscire di casa se non per attività essenziali quali fare la spesa, gettare i rifiuti, andare a correre o fare una passeggiata nelle vicinanze di casa anche con i propri figli, portare fuori il cane sempre nei pressi della propria abitazione, e ovviamente per comprovate esigenze di lavoro, salute o urgenza.

Per muoversi da casa è obbligatoria l'autocertificazione, preferibilmente da stampare e compilare.

Visite ad amici e parenti solo nei giorni di Pasqua

Visite vietate in zona rossa, tranne che a Pasqua. Chi vive in una zona rossa non può andare a trovare a casa amici e parenti nemmeno una sola volta al giorno.

Nei giorni 3, 4 e 5 aprile, a Pasqua anche nelle zone rosse ci si può spostare all'interno dei confini regionali tra le 5 di mattina e le 22 per far visita ad amici e parenti, una sola volta al giorno, massimo in due più eventuali minori di 14 anni al seguito o persone non autosufficienti, esattamente come era accaduto a Natale.

Bar e ristoranti chiusi, consentito asporto e domicilio

È vietato consumare cibi e bevande all'interno e all'esterno del locale. Sarà permessa la consegna a domicilio senza limiti di orario.

Per la vendita con asporto invece, è consentita dalle 5.00 alle 18.00 senza restrizioni mentre dalle 18.00 alle 22.00 è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina o commercio al dettaglio di bevande.

Negozi e mercati chiusi, tranne prima necessità

Nelle zone rosse i negozi sono chiusi, tranne quelli di prima necessità: alimentari, farmacie, elettronica, ferramenta, edicole, profumerie, tabaccai, giocattolai e vivai. Mercati e centri commerciali sono chiusi anche nei giorni feriali ma i negozi essenziali al loro interno possono restare aperti.

A fare la spesa bisogna andare uno alla volta per nucleo familiare.

Servizi alla persona off limits

Chiusi barbieri, parrucchieri, centri estetici, terme e centri benessere. Restano quindi aperte lavanderie, tintorie e pompe funebri.

Musei e cultura

Sospese mostre e servizi di apertura al pubblico di musei e istituti e luoghi della cultura, ad eccezione delle biblioteche dove i servizi sono offerti su prenotazione.

  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Ordinanza sindacale, i chiarimenti del Comune Ordinanza sindacale, i chiarimenti del Comune Le risposte alle domane più frequenti in seguito alle disposizioni del sindaco Chieco
Covid, contagi ancora al 13%. 530 positivi e 15 morti in provincia di Bari Covid, contagi ancora al 13%. 530 positivi e 15 morti in provincia di Bari La Puglia registra ancora 1804 casi positivi e 31 decessi in un giorno
Vietato stazionamento in piazze e corsi e negozi chiusi alle 19. L'ordinanza del sindaco Vietato stazionamento in piazze e corsi e negozi chiusi alle 19. L'ordinanza del sindaco Misure restrittive in vigore da oggi
Indice Rt all'1,06, la Puglia verso la conferma della zona rossa Indice Rt all'1,06, la Puglia verso la conferma della zona rossa L’indice di contagio resta tra i più alti d'Italia
Covid, 48 decessi in Puglia di cui 23 nel barese. Quasi 1800 i nuovi casi Covid, 48 decessi in Puglia di cui 23 nel barese. Quasi 1800 i nuovi casi Il 44% dei contagiati ha un'età fra 19 e 50 anni
Covid, a Ruvo di Puglia cala il tasso dei contagi ma è quasi al doppio della soglia critica Covid, a Ruvo di Puglia cala il tasso dei contagi ma è quasi al doppio della soglia critica Diffuso il report relativo alla settimana appena trascorsa
Covid, 265 casi a Ruvo di Puglia. Chieco annuncia nuova ordinanza restrittiva Covid, 265 casi a Ruvo di Puglia. Chieco annuncia nuova ordinanza restrittiva Registrati anche 2 decessi nelle ultime 48ore, ma il sindaco ribadisce «Non esiste un 2caso Ruvo"»
Dad a scelta, il Governo valuta di impugnare l'ordinanza di Emiliano sulla scuola Dad a scelta, il Governo valuta di impugnare l'ordinanza di Emiliano sulla scuola Il premier Draghi annuncia «riaperture in sicurezza, in base all'andamento dei contagi e delle vaccinazioni»
© 2001-2021 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.