Soldi
Soldi
Attualità

Le banche anticiperanno la cassa integrazione: raggiunto l'accorto con Regione e parti sociali

Le somme ai lavoratori saranno anticipate a costo zero

Elezioni Regionali 2020
"Abbiamo firmato un protocollo che consentirà ai lavoratori pugliesi che non hanno ricevuto l'anticipo della cassa integrazione dalle aziende, di fare richiesta alle banche di questo anticipo e quindi di avere continuità del reddito. Si tratta di un passo importantissimo per dare ossigeno a tantissimi pugliesi. Ringrazio gli Istituti di Credito per questa sottoscrizione tutta la procedura avverrà a costo zero per i lavoratori e telematicamente".
Lo comunica il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano.

Si è concluso ieri mattina l'iter di firma tra Regione Puglia – rappresentata dell'Assessore al Lavoro Sebastiano Leo e dal consigliere del Presidente Domenico De Santis – ed Istituti Bancari e parti sociali del Protocollo Quadro che prevede la liquidazione anticipata degli ammortizzatori sociali ai lavoratori di aziende in difficoltà a causa dell'emergenza sanitaria Covid-19.

Grazie a questo Protocollo il lavoratore che fa richiesta può ottenere finanziamento, da parte degli istituti bancari, a tasso e costo zero, che si configura come un anticipo sulla cassa spettante al lavoratore. Il Protocollo, infatti, prevede l'attivazione di finanziamenti individuali da parte degli istituti bancari a spese zero per lavoratori dipendenti di aziende che hanno fatto ricorso agli ammortizzatori sociali Cigo, Cigs, Cigd e dei fondi bilaterali. Il finanziamento si configura come un anticipo sugli ammortizzatori sociali spettanti al lavoratore, in attesa di percepire da parte dell'Inps le indennità di sostegno al reddito.

"Al Protocollo hanno aderito praticamente tutte le parti sociali e quasi tutte le banche presenti sul territorio pugliese", ha commentato l'assessore al lavoro Sebastiano Leo. "L'Accordo – continua l'assessore – è chiaramente aperto a tutti gli Istituti di Credito che ancora non vi hanno aderito, l'obiettivo è quello di consentire ad ogni lavoratore pugliese in cassa integrazione di recarsi in banca e ricevere l'anticipo del proprio sostegno, da restituire all'istituto di credito senza interessi una volta che INPS abbia pagato. Siamo – ha concluso Leo – tra le prime regioni a sperimentare questo Protocollo con le banche, così come siamo state tra le prime regioni italiane a sottoscrivere, in data 20 marzo, con le organizzazioni sindacali e le associazioni datoriali l'Accordo Quadro per la fruizione della Cassa Integrazione in Deroga a causa di questa drammatica emergenza sanitaria.

"In Puglia – commenta il consigliere del Presidente Domenico De Santis – stiamo attuando un modello di sicurezza sociale, partecipazione e solidarietà che riteniamo essere l'unico modo per contrastare il disagio economico causato dalla pandemia. Molte aziende hanno già anticipato la cassa integrazione ai loro dipendenti – ha spiegato De Santis – Purtroppo una parte di datori di lavoro non è nelle condizioni di poter anticipare la cassa ai propri dipendenti, per questa ragione abbiamo sottoscritto questo protocollo con le Banche pugliesi. L'anticipo in Puglia sarà a costo zero e a tasso zero. Quando l'INPS erogherà la cassa integrazione, il prestito verrà estinto. Nei prossimi giorni i lavoratori, di aziende che hanno fatto richiesta di cassa integrazione, potranno via mail chiedere alla propria banca l'anticipo della cassa integrazione a costo zero e a tasso zero. Le banche si sono impegnate ad erogarlo in pochissimi giorni dalla richiesta del lavoratore."

IL FINANZIAMENTO
Gli istituti bancari, a richiesta del lavoratore e previa valutazione del suo merito di credito, concederanno un finanziamento nella forma tecnica di apertura di credito su un conto corrente per un massimo 700 di euro al mese (minimo 100 euro) per un numero di mensilità pari a: 9 mesi per Cigs e Cigs per Contratti di solidarietà difensivo (per un massimo di 6.300 euro); 2 mensilità nell'anno solare per Cig in deroga (per un massimo di 1.400 euro); 3 mensilità per Cigo (per un massimo di 2.100 euro); 3 mensilità per il Fondo di integrazione salariale (Fis) (per un massimo di 2.100 euro).

COME CHIEDERE ANTICIPO
I lavoratori, di aziende che hanno fatto richiesta di cassa integrazione, dovranno chiamare la filiale della propria Banca e chiedere il modello ABI per effettuare la richiesta di anticipo. Dopo aver compilato il modello dovranno inviarlo via mail. Entro pochi giorni la Banca erogherà l'anticipo. Le Banche che hanno sottoscritto il Protocollo erogheranno il finanziamento a costo zero e a tasso zero.

BANCHE ADERENTI PROTOCOLLO
UniCredit, BPER, Banca Sella, Banca di Taranto BCC, BCC Puglia e Basilicata, BCC di Terra d'Otranto, BCC di Massafra, BCC degli Ulivi, BCC Marina di Ginosa, BCC Bari, BCC Putignano, Bcc di Leverano, BCC Ostuni, BCC Avetrana, BCC Cassano delle Murge e Tolve, BCC Santeramo in Colle, Banca Popolare Pugliese, Banca Monte dei Paschi di Siena, Credem (iter valutativo in corso), Cassa Rurale ed Artigianale di Castellana Grotte, Banca Popolare di Puglia e Basilicata, BCC San Giovanni Rotondo. Nei prossimi giorni aderiranno ulteriori istituti di credito, e ne sarà data comunicazione.

FIRMATARI PROTOCOLLO
ANCI, CGIL Puglia, CISL Puglia, UIL Puglia, UGL Puglia, AGCI, Confagricoltura, Confartigianato, Coldiretti, CIA, Confesercenti, Confcommercio, Confprofessioni, Copagri, Confindustria Puglia, Casa Artigiani, CLAAI, Confapi, Confcooperative.
  • Economia
Altri contenuti a tema
La Regione vara una manovra anticrisi da 750 milioni La Regione vara una manovra anticrisi da 750 milioni Dal 4 giugno i primi due avvisi su microprestito e titolo II
Fiscalità dei neo-residenti in Italia Fiscalità dei neo-residenti in Italia A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Le Holding di famiglia Le Holding di famiglia A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti riaprono dal 18 maggio. C'è l'accordo Governo-Regioni Bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti riaprono dal 18 maggio. C'è l'accordo Governo-Regioni Tra giovedì e venerdì arriveranno le linee guida per consentire alle Regioni di riaprire
Boccia: «Se l'epidemia continuerà a calare attività potranno aprire dal 18 maggio» Boccia: «Se l'epidemia continuerà a calare attività potranno aprire dal 18 maggio» Il ministro apre uno spiraglio anche per bar e ristoranti. «Stiamo definendo le linee di sicurezza»
«Riapriremo il 18 maggio», l'annuncio di gioia degli operatori della bellezza «Riapriremo il 18 maggio», l'annuncio di gioia degli operatori della bellezza Emiliano ha firmato l'ordinanza
La tassazione dell'atto di donazione in trust La tassazione dell'atto di donazione in trust A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Il trust Il trust Privo di disciplina civilista, è comunque riconosciuto in Italia
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.