Pierluigi Lopalco
Pierluigi Lopalco
Attualità

Assembramenti preoccupanti. Lopalco: «Vietato cantar vittoria. Prudenza o casi aumenteranno»

L'epidemiologo: «Impossibile fare previsioni su una seconda ondata. Necessaria sorveglianza»

«La curva dei contagi, al momento, sembra sotto controllo ma la guerra è tutt'altro che vinta, specie considerando che nelle ultime ore, sul web si moltiplicano le immagini di folle di giovani che, senza indossare la mascherina, non rispettano la distanza» - queste le parole del prof. Pierluigi Lopalco, epidemiologo dell'Università di Pisa e coordinatore scientifico della task force pugliese per l'emergenza coronavirus, intervistato da Teleborsa.

«In sanità è meglio sbagliare per eccesso di cautela. Servirà ancora tempo, almeno due settimane, per vedere gli effetti di questi preoccupanti atteggiamenti. Per molti, specie tra i più giovani, la fase della ripartenza è stata interpretata come un "liberi tutti", con tanto di assembramenti e capannelli che alzano l'asticella del rischio. Vietato cantare vittoria e abbassare la guardia perchè un errore in questa fase potrebbe vanificare tutti gli sforzi, economici e sanitari, fatti fin qui» - ha evidenziato Lopalco.

«Non abbiamo evidenze che possano confermare un possibile indebolimento del virus. L'ipotesi più plausibile è che al momento i sistemi di sorveglianza siano più efficienti e quindi i casi giungono all'osservazione più precocemente, essendo per o più lievi o addirittura asintomatici. Non si esclude un "indebolimento" del virus che si possa sviluppare nel corso dell'epidemia man mano che si selezionano ceppi meno virulenti.

In merito alle ripartenze della Fase 2, l'epidemiologo si è espresso sottolineando che «È importante che sul territorio sia pronto un sistema di sorveglianza che intercetti precocemente i nuovi casi e la partenza di nuovi focolai. Altrettanto importante è che il sistema ospedaliero sia pronto ad accogliere una eventuale seconda ondata con posti letto e terapie intensive dedicate.

Impossibile fare previsioni certe sulla probabilità di una seconda ondata. - ha aggiunto - Tutto dipenderà dalla capacità di gestire l'epidemia nei prossimi mesi. Se i focolai che via via si svilupperanno saranno tenuti sotto controllo, allora potrebbe non verificarsi alcuna seconda ondata. Senza controllo l'evenienza di una seconda ondata è quasi certa.

Questo virus è profondamente diverso da quello della SARS per quanto riguarda le modalità di trasmissione: è contagioso nella fase pre-sintomatica, esistono portatori del virus completamente asintomatici e lo stato di portatore dura spesso a lungo. Molto difficile che sparisca. La probabilità maggiore è che, come hanno fatto altri coronavirus umani nel passato, che diventi un comune virus stagionale che ad ogni inverno compaia in forma certamente meno impegnativa per il sistema sanitario. Il vaccino, ovviamente, cambierebbe da subito lo scenario».
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus, 50 casi e un morto in Puglia. 29 positivi nel barese Coronavirus, 50 casi e un morto in Puglia. 29 positivi nel barese Continua il monitoraggio sul focolaio in una RSSA nel foggiano
Coronavirus, superati i 2000 positivi. Nelle ultime ore 108 nuovi contagi Coronavirus, superati i 2000 positivi. Nelle ultime ore 108 nuovi contagi Un morto nella BAT. Focolaio in una RSA del foggiano
Voto in sicurezza, il protocollo anti-Covid delle Asl per seggi e elettori in quarantena Voto in sicurezza, il protocollo anti-Covid delle Asl per seggi e elettori in quarantena Mascherine obbligatorie, ingressi contingentati e igienizzazione
Coronavirus, 84 casi in Puglia. 35 positivi e un decesso in provincia di Bari Coronavirus, 84 casi in Puglia. 35 positivi e un decesso in provincia di Bari Si registra un morto anche in provincia di Taranto
Avvio anno scolastico, le scuole di Ruvo di Puglia riaprono il 28 settembre Avvio anno scolastico, le scuole di Ruvo di Puglia riaprono il 28 settembre Parere unanime in sede di riunione del COC per organizzazione e adeguamento ai Protocolli di Sicurezza
Coronavirus, 33 positivi in provincia di Bari. 63 i nuovi casi in Puglia Coronavirus, 33 positivi in provincia di Bari. 63 i nuovi casi in Puglia Un decesso in provincia di Taranto
Sorveglianza Covid, la ASL Bari istituisce l’Epidemic Intelligence Center Sorveglianza Covid, la ASL Bari istituisce l’Epidemic Intelligence Center La prima centrale operativa di controllo in Puglia per il monitoraggio della pandemia con un pool di professionisti
Covid-19, Coldiretti Puglia: «Solo lo 0,2% di contagi nelle campagne» Covid-19, Coldiretti Puglia: «Solo lo 0,2% di contagi nelle campagne» Garantita la sicurezza nelle più di 100mila aziende agricole pugliesi
© 2001-2020 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.