Don Tonino Bello
Don Tonino Bello
Religioni

Papa Francesco, don Tonino e quella "Chiesa del Grembiule"

Dal 20 aprile 1993 al 20 aprile 2018: dalla tristezza alla gioia

L'arrivo a Molfetta di Papa Francesco è un altro regalo che don Tonino Bello fa alla sua gente.
Quella che mai l'ha dimenticato, che continua ad amarlo e pregarlo e a sentirlo ancora come un membro della famiglia.

Sarà questo il senso dell'arrivo del Pontefice in città il prossimo 20 aprile. Esattamente dopo 25 anni dal giorno più triste per la comunità che nel 1993 piangeva la perdita del Suo pastore e ne celebrava già la Santità, quello stesso giorno adesso sarà un momento di festa e gioia.
Nel pieno rispetto del messaggio cristiano della morte che altro non è se non il passaggio nella Casa di Dio.

Ma da dove nasce l'attenzione di Sua Santità verso don Tonino Bello? Dalla comunione. Intesa sia da un punto di vista meramente cristiano sia dal modo di vedere il mondo cattolico, la Chiesa.

Già, la "Chiesa del Grembiule" come riferiva don Tonino nell'intendersi al servizio di tutti, proprio come una mamma fa con la propria famiglia. E poi l'umiltà e la generosità di darsi. don Tonino Bello lo ha fatto fino all'ultimo, Papa Bergoglio lo fa in ogni uscita mettendo da parte quel rigido protocollo che aveva reso quasi inavvicinabili i Pontefici se si esclude il modo di intendere la propria missione di Papa Giovanni Paolo II.

Ad avvicinare queste due figure anche "Famiglia Cristiana" che, già nel 2014, affermava che don Tonino aveva anticipato Papa Francesco.
Il quotidiano poneva l'attenzione sul linguaggio molto simbolico e in grado di arrivare a tutti attraverso le immagini capace di sprigionare ma anche la fisicità che portava don Tonino ad abbracciare e ad accarezzare tutti e che in ogni occasione il Pontefice non manca mai di lesinare ai fedeli.

Non è un caso, poi, che dietro questo evento storico ci sia anche tanto di Monsignor Domenico Cornacchia vicino a don Tonino e che a lui si è ispirato nella lettera alla Diocesi al momento del suo arrivo.
  • don tonino bello
  • Papa Francesco
Altri contenuti a tema
Ventisei anni fa ci lasciava don Tonino Bello Ventisei anni fa ci lasciava don Tonino Bello Le testimonianze e i ricordi delle persone che hanno vissuto il suo tempo
18 aprile 1993, il giorno del testamento di don Tonino Bello 18 aprile 1993, il giorno del testamento di don Tonino Bello Le ultime volontà del Vescovo. Sarebbe deceduto due giorni dopo
Canonizzazione don Tonino Bello, siamo alla svolta finale? Canonizzazione don Tonino Bello, siamo alla svolta finale? L'accenno al processo di canonizzazione di Monsignor Cornacchia
Il Papa ricorda don Tonino Bello e loda la Puglia: «Ha il mare più azzurro che abbia visto» Il Papa ricorda don Tonino Bello e loda la Puglia: «Ha il mare più azzurro che abbia visto» Il discorso del pontefice nell'udienza con gli intervenuti della Diocesi
Un'udienza speciale di Papa Francesco per le diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi e Ugento-S.Maria di Leuca Un'udienza speciale di Papa Francesco per le diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi e Ugento-S.Maria di Leuca Una visita di cortesia, voluta dai Vescovi S.E. Mons. Domenico Cornacchia e S.E. Mons. Vito Angiuli
Domani in scena "OLTREtutto", lo spettacolo teatrale in ricordo di Don Tonino Bello Domani in scena "OLTREtutto", lo spettacolo teatrale in ricordo di Don Tonino Bello L'appuntamento in Piazzetta Turati
"Caro don Tonino": i giovani scrivono all'indimenticato Vescovo "Caro don Tonino": i giovani scrivono all'indimenticato Vescovo Presentato il volume con le lettere raccolte in questi mesi
Scuole in Cammino con don Tonino, alla Carducci Giovanni XXIII il primo premio. VIDEO Scuole in Cammino con don Tonino, alla Carducci Giovanni XXIII il primo premio. VIDEO I ragazzi hanno prodotto un filmato per raccontare don Tonino
© 2001-2019 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.