Grazia Di Bari
Grazia Di Bari
Politica

Processo disastro ferroviario, Di Bari: «Regione doveva vigilare sul rispetto della sicurezza della tratta»

La nota della consigliera regionale del Movimento Cinque Stelle

"Quanto deciso nell'udienza del processo per l'incidente ferroviario del 12 luglio 2016, conferma ancora una volta che la Regione Puglia avrebbe dovuto vigilare sul rispetto della sicurezza di quella tratta ferroviaria".

Lo dichiara la consigliera del M5S Grazia Di Bari in seguito alla decisione del Tribunale di Trani di accogliere la richiesta dell'avv.to Laura Di Pilato, di ammettere la Regione Puglia come responsabile civile nel processo.

"Questo vuol dire - continua Di Bari - che la Regione,in caso di condanna, dovrebbe rispondere dei danni alle vittime ed ai parenti delle vittime. E allora, ancora una volta, mi interrogo su quali possano essere state le motivazioni, per le quali la Regione Puglia abbia prorogato la concessione a Ferrotramviaria. Non sarebbe stato più opportuno, più ovvio, più di buonsenso revocarla? Chi avrebbe potuto criticare la Regione se avesse adottato la linea dura con Ferrotramviaria? Perché in altre questioni molto rilevanti e non dipendenti solo dalla sua volontà, Emiliano tende sempre a voler mostrare decisionismo e muscoli, e quando invece la questione dipende solo da lui, il Governatore pugliese batte in ritirata? In questi anni ho dovuto assistere a continue arrampicate sugli specchi, davanti alle mie richieste e sollecitazioni, finalizzate ad ottenere revoca del contratto della Regione Puglia con Ferrotramviaria. Oggi, la responsabilità di entrambi questi due attori della tragedia ferroviaria, è in valutazione presso la Magistratura. E questo non fa altro che avvalorare i miei dubbi sulla gestione di questa vicenda da parte della Regione"
  • Processo Disastro Ferroviario
Altri contenuti a tema
Processo sciagura ferroviaria: ammessa la costituzione di parte civile nei confronti della Società Ferrotramviaria S.P.A. Processo sciagura ferroviaria: ammessa la costituzione di parte civile nei confronti della Società Ferrotramviaria S.P.A. Si tratta di una innovativa decisione del Tribunale di Trani che farà certamente discutere
Inizia il processo sul disastro ferroviario, i parenti delle vittime: «Vogliamo giustizia» Inizia il processo sul disastro ferroviario, i parenti delle vittime: «Vogliamo giustizia» Nell'udienza richiesto l'inserimento della Regione tra i responsabili civili
Disastro ferroviario, al via il processo Disastro ferroviario, al via il processo Diciotto gli imputati
Disastro ferroviario, il processo slitta di due settimane Disastro ferroviario, il processo slitta di due settimane Problemi di composizione del collegio giudicante
Disastro ferroviario Corato, Astip: "Perchè l'Ass. Giannini non ha mai preso provvedimenti per Ferrotramviaria" Disastro ferroviario Corato, Astip: "Perchè l'Ass. Giannini non ha mai preso provvedimenti per Ferrotramviaria" "La nostra speranza rimane nel Ministro Toninelli, ricordandogli l’art 120 del Titolo Quint", sottolinea la portavoce, Daniela Castellano
Disastro ferroviario, Di Bari (M5S) : "Regione richiama Trenitalia ma non fa ancora niente per i disservizi di Ferrotramviaria" Disastro ferroviario, Di Bari (M5S) : "Regione richiama Trenitalia ma non fa ancora niente per i disservizi di Ferrotramviaria" La consigliera regionale pentastellata torna nuovamente a chiedere interventi decisi da parte della giunta Emiliano
Strage dei treni, tutti rinviati a giudizio. In aula il 28 marzo Strage dei treni, tutti rinviati a giudizio. In aula il 28 marzo Sono 18 persone fisiche oltre alla stessa Bari Nord, soddisfazione da parte dei parenti delle vittime
Disastro ferroviario: oggi la decisione del Gup sul processo Disastro ferroviario: oggi la decisione del Gup sul processo Astip: «Giustizia per i nostri angeli»
© 2001-2019 RuvoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
RuvoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.